Il mio confine/Moja Meja

sceneggiatura NADJA VELUŠČEK
regia ANJA MEDVED, NADJA VELUŠČEK
camera RADOVAN ČOK
suono e seconda camera HIJACINT IUSSA
musica ALEKSANDER IPAVEC
montaggio MORENA FORTUNA
produttore esecutivo ALEŠ DOKTORIČ
produzione SEDE REGIONALE RAI PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA - PROGRAMMA IN LINGUA SLOVENA / KINOATELJE, 2002
durata 50'

27/02/2008 - 

ITA - Estate 1947, 16 settembre. ll confine si insinua tra le case e le vie, tra i campi e i giardini - tra le persone. Divide il mondo in due parti. Costituisce barriera e nel contempo sfida.

Il videoracconto documentario è dedicato alle giovani generazioni, per cui il confine non ha mai rappresentato un problema, ma un fatto oggettivo , naturale, come l'Isonzo che vi scorre appresso.
E' dedicato alla generazione che l'ha vissuto quando si chiamava cortina di ferro; l'hanno accettata, ma come un ostacolo insormontabile.
Abbiamo dato voce soprattutto a quelli che sono nati quando questo mondo non era ancora diviso e le cui vite sono state segnate profondamente dal confine. Un loro messaggio rivolto a tutti quelli che vivono su qualsiasi parte di un qualsivoglia confine doloroso, soprattutto a quelle migliaia di individui che notte dopo notte attraversano questo confine con il desiderio insopprimibile di una vita migliore.

SLO - Leto 1947, 16. september. Meja se je vrinila med hiše in ulice, med polja in vrtove - med ljudi in razdelila svet na dve polovici. Postala je pregrada in izziv.
Dokumentarna videonovela je namenjena mlajši generaciji, ki ji meja nikoli ni predstavljala problema, ampak le povsem naravno dejstvo, tako kot je to Soča, ob kateri teče.
Namenjena je generaciji, ki se je rodila ob njej, ko so jo imenovali železna zavesa; tudi oni so jo sprejeli, vendar kot nepremakljivo oviro.
Besedo pa sva dali predvsem tistim, ki so se rodili v času, ko ta svet še ni bil razdeljen in je meja ostro zasekala v njihova življenja. Spregovorijo naj vsem, ki živijo na kateri koli strani katere koli boleče meje, predvsem pa vsem tistim tisočem, ki prav to mejo prečkajo noč za nočjo z isto neukinljivo željo po boljšem življenju.

ENG - 16th September 1947 - The borderline was imposed between houses and streets, between fields and gardens - between people. It has divided their world in two and thus became both a barrier and a challenge. The documentary "My Borderline" is intended for young generations who never perceived the borderline between Italy and Slovenia as problematic, but rather as a natural phenomenon, such as the Isonzo river flow which defines the course of the borderline.
This documentary is dedicated to the generation that was born and raised when this borderline was perceived as an "iron curtain". They too have accepted it, but only as an insurmountable obstacle.
The authors of this documentary have mainly focused on the stories of those who were born before this region was divided by the borderline, and whose lives have changed dramatically because of it. This is their message to everybody living on any side of any painful borderline, and especially to thousands of people crossing this very borderline night after night still wishing and striving for a better life.


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!