Bennian/Shutterstock

Bennian/Shutterstock

In Turchia sempre più cittadini possiedono armi da fuoco, spesso non registrate. Un fattore centrale nell'aumento degli episodi di violenza registrati negli ultimi anni

24/01/2019 -  Burcu Karakaş Istanbul

Ceren Damar Senel, 27 anni, era assistente di ricerca presso la facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Cankaya, nella capitale turca di Ankara. Il 2 gennaio la giovane donna, appena sposata, è stata uccisa da uno studente che aveva sorpreso a copiare durante un esame.

Lo studente, in seguito arrestato, ha prima pugnalato la docente e poi le ha sparato alla testa con una pistola. L'arma apparteneva a suo padre, un ufficiale di polizia in pensione. Questo orribile omicidio all'interno di un'istituzione educativa ha scatenato un dibattito a livello nazionale sulle misure di sicurezza nelle università e sull'aumento della violenza armata in tutto il paese.

Appena cinque giorni dopo l'omicidio, la "Compagnia di Industria Meccanica e Chimica" ha annunciato la riduzione del prezzo dei proiettili per sostenere la spinta anti-inflazione del governo AKP, recentemente lanciata per affrontare la persistente crisi economica. "In questi giorni difficili la nostra istituzione, cuore dell'industria della difesa turca, è molto felice di schierarsi a fianco della nostra gente. Per sostenere l'iniziativa anti-inflazione avviata dal ministro del Tesoro e delle Finanze Berat Albayrak, abbiamo deciso di abbassare il prezzo delle cartucce di pistola del 7,5%. Auguriamo il meglio al nostro Paese", chiosa il management dell'azienda in una dichiarazione del 7 gennaio.

A marzo 2018, d'altra parte, il ministero dell'Interno aveva deciso di aumentare il limite legale dei proiettili posseduti annualmente dai civili da duecento a mille. Il Partito popolare repubblicano (CHP), principale partito di opposizione nel parlamento turco, ha reagito duramente a questa decisione.

"Oggi in Turchia le pistole possono essere facilmente acquistate anche su Internet e tutti i giorni vengono commessi omicidi con queste armi. Non ci può essere alcuna spiegazione logica per tale decisione", ha detto il deputato CHP Mehmet Tum durante uno dei suoi discorsi in parlamento. Riferendosi al forte aumento della violenza armata, ha esortato il governo a lavorare sulla limitazione degli armamenti personali invece di aumentare la disponibilità di proiettili.

Aumenta almeno del 69% la violenza legata alle armi da fuoco

Secondo un recente rapporto pubblicato dalla Fondazione Umut, un'organizzazione non governativa che lotta contro la violenza armata dal 1993, il tasso di violenza armata commesso da individui in Turchia è aumentato del 69% negli ultimi quattro anni. Almeno 3.679 episodi di violenza armata si sono verificati solo nel 2018, con almeno 2.279 vittime e 3.762 persone gravemente ferite. Il 40% delle armi da fuoco utilizzate in questi incidenti erano fucili, il 39% pistole.

In aumento anche il possesso di fucili, dice il rapporto. Le cifre del rapporto si basano sulle notizie riportate dai media, non essendo attualmente disponibili dati ufficiali sulla questione.

"Ci stiamo armando di più ogni giorno. La gente compra le pistole e le mette sotto il letto per sentirsi al sicuro. Ma alla fine le vittime sono per lo più persone vicine ai proprietari di armi, come vicini di casa, cugini o mogli", ha detto a OBC Transeuropa il dott. Ayhan Akcan, psichiatra e membro del consiglio di amministrazione della Umut Foundation. Secondo Akcan, gli abitanti delle aree rurali hanno sempre portato armi, ma oggi le grandi città stanno diventando il teatro principale della violenza armata.

Secondo il rapporto, la regione di Marmara ha il più alto numero di episodi di violenza armata. Le città industriali che attirano migranti dalle zone rurali sono in cima alla lista. Istanbul, la città turca più popolosa, è al primo posto nella mappa della violenza armata in Turchia. "Puoi comprare facilmente una pistola anche su Internet adesso. Questo deve cambiare. Dovrebbero essere prese misure legali", ha sottolineato Akcan.

Donne, vittime della violenza armata

Akcan collega la passione degli uomini turchi per le armi alla cultura nomade. "Gli uomini associano le armi con onore e potere. Possedere armi da fuoco è un fatto culturale", spiega. Sfortunatamente, questo concetto arcaico di "onore" si riflette anche negli alti tassi di femminicidio registrati in Turchia.

Secondo un rapporto di Bianet (Independent Communication Network), basato su cifre tratte da giornali e agenzie di stampa locali e nazionali, nel 2017 gli uomini in Turchia hanno ucciso almeno 290 donne: nel 55,5% di questi casi sono state utilizzate armi da fuoco.

Prima delle elezioni generali dello scorso anno, la Fondazione Umut ha inviato una lettera a tutti i partiti politici e candidati alla presidenza chiedendo azioni immediate per fermare la violenza armata, affermando che in media cinque persone vengono uccise ogni giorno a causa di tali incidenti.

Il problema delle armi da fuoco non registrate

Un altro aspetto importante della violenza armata è l'alto tasso di armi da fuoco non registrate. Il rapporto della Fondazione Umut afferma che quasi l'85% dei 25 milioni di pistole attualmente presenti in Turchia non sono registrate. Secondo l'avvocato Baran Doğan, specializzato in casi penali legati all'armamento personale e alla violenza della polizia, le sanzioni penali per le pistole non registrate non sono adeguate.

"Quando qualcuno viene condannato per il possesso di una pistola senza licenza, la sanzione viene sospesa o la persona viene rilasciata su cauzione. La cultura dell'impunità incoraggia questo comportamento criminale", ha detto l'avvocato.

Doğan attira anche l'attenzione sul mercato nero. "Vendere, comprare e scambiare pistole sul mercato nero dovrebbe essere reso molto più difficile", dice.

L'avvocato sostiene che solo le persone che hanno davvero bisogno di essere armate per motivi professionali o di sicurezza dovrebbero poter richiedere una licenza. Sottolinea che, dal momento che possedere armi da fuoco è molto semplice in Turchia, lo Stato dovrebbe applicare criteri molto rigorosi per il possesso di armi: "Una volta che una persona compra un'arma, il più delle volte questa viene condivisa da altre persone. Quindi, una pistola registrata diventa uno strumento per molte altre persone".


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by