Mercato di Foca

Mercato della terra di Foca - Ivo Danchev

A Foça, sulla costa egea della Turchia, c'è un mercato dove si incontrano magicamente colori, odori e sapori. E tra i tesori esposti sulle bancarelle, c'è anche la "tarhana", distillato dell'abbondanza generosa dell'estate

05/01/2015 -  Francesco Martino Foça

Bianco. Mattoncini profumati del sapone fatto in casa; sacchetti panciuti da cui traboccano fagioli smaltati, cavolfiori turgidi e polposi, pinoli che sprigionano odore di resina e di mare. Rosso. Alti vasi che traboccano di sensuale pasta di peperoni; rape succose dalle sfumature terrognole, melograni dai grani serrati. Arancione. Zucche di polpa densa; vasetti di confettura d'arancio brillanti come caleidoscopi. Giallo. Ambra del miele di lavanda, olio d'oliva denso come oro, aspra freschezza di limoni. Ma soprattutto Verde: un'intera sinfonia vegetale della primavera mediterranea, raccolta con sapere e dedizione: dall'acre acetosa (kuzukulagi) alla ruvida cardogna (sevketi bostan), passando per il tarassaco, le fave e l'umile bietola selvatica (deli pazi).

Colori, dentro colori, dentro colori. Il “Mercato della Terra” di Foça (Turchia), l'antica Focea greca, apre i suoi petali nella frescura del mattino, riempiendo a poco a poco la piazzetta quadrata, lastricata di selciato bruno. Con gesti misurati, i banconi vengono riempiti e sistemati. Si fanno gli ultimi ritocchi, compaiono fiori e palloncini, qualcuno sorseggia lentamente un tè. I clienti arriveranno, per ora non c'è fretta. Ad un passo, oltre le basse case di pietra scolpita e infissi color pastello, brillano i riflessi argentati dell'Egeo, reso mansueto dalla profonda insenatura che protegge il porto.

“Quando abbiamo cominciato, due anni fa, c'erano non più di due bancarelle o tre, sistemate in una piazzetta periferica. Col tempo il “Mercato della Terra” di Foca è cresciuto. Ed è cambiato”. Gul Girismen, racconta della sua evoluzione mentre le sue mani affastellano con cura vasetti di confettura di limone e mela cotogna. Trasferitasi a Foça per sfuggire ai ritmi di Istanbul, megalopoli che non conosce riposo, è stata Gul ad accendere la scintilla che nel 2012 ha portato alla creazione del mercato.

“L'idea è semplice: dare una possibilità ai piccoli produttori di vendere in modo diretto, senza intermediari”. In breve, il mercato è diventato un'occasione unica per ricreare il rapporto di conoscenza e fiducia tra chi produce e chi vuole consumare “localmente e stagionalmente”, come recita il motto del mercato. E ora, compiuto il suo secondo compleanno, aspira a diventare aggregatore di nuove dinamiche economiche culturali ed educative, con un progetto di conservazione e coltivazione di semenze autoctone lanciato insieme ad alcune scuole elementari e al locale istituto penitenziario.

Forse non è un caso che il mercato della terra abbia attecchito con tanto successo proprio a Foça, patria primigenia del commercio. Nell'antichità, racconta Erodoto, furono proprio gli abitanti di questa antichissima colonia greca i primi a sfidare il Mediterraneo in cerca di affari ed avventure, che li portarono fino a Marsiglia e alla lontana Spagna.

Il viaggio di chi partecipa al Mercato della Terra è forse meno epico, ma a suo modo non meno avventuroso. Come quello che ogni domenica, tenacemente, porta Gulseren Sen dal villaggio di Helvaci alla piazzetta di pietra del mercato. Venti chilometri da fare prima a piedi e poi in autobus, partendo alle prime ore dell'alba e rientrando al tramonto, carica all'inverosimile di prodotti ed armata solo della sua energia contagiosa.

Tra i piccoli tesori che Gulseren porta con se a Foca, uno è quello di cui va più fiera: la sua “tarhana”. Difficile raccontarla a chi non l'ha mai vista: la tarhana è un vero distillato dell'abbondanza generosa dell'estate, essiccato e riposto per i mesi freddi. In quella di Gulseren si fondono farina di frumento, latte e yoghurt di pecora, pomodori e cipolle, menta piperita e prezzemolo: il tutto ridotto ad un impasto che si mescola per giorni, prima di essere asciugato al sole e sbriciolato in un granulato irregolare e rossastro.

“La tarhana è un piatto veloce, ma saporito. Basta scioglierla in acqua, o in un brodo di pollo, ed aggiungerla alla salca (una salsa densa di peperoni e pomodori). Si gira a fuoco lento, ed è pronta in un baleno”, sorride sorniona Gulseren. In realtà la tarhana è un inno alla diversità: non solo in Turchia preparazione e consumo cambiano di regione in regione, di villaggio in villaggio, ma ogni famiglia la prepara in modo diverso e irripetibile, conservando ricette tramandate per generazioni.

Gulseren, però, sembra fermamente convinta che non esista al mondo tarhana migliore della sua. “Vieni al mercato di Foca, prendi la mia tarhana e mangiala a colazione 'all'egea', con olive e sottaceti”, dice facendo rimbalzare la sua voce allegra sul selciato della piazza. “Puoi girare l'intera Turchia: non ne troverai una uguale”.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by