Manifesto gigante in centro a belgrado, con foto e ringraziamento al presidente della Cina

L'Ue pur stanziando ingenti risorse finanziarie nei Balcani è spesso messa in secondo piano rispetto a Cina e Russia grazie anche alla propaganda messa in campo dai governi locali. Per ECFR gli aiuti Ue devono continuare ma non devono andare a governi corrotti

18/06/2020 -  Majda Ruge Nicu Popescu

(Originariamente pubblicato da ECFR , il 4 giugno 2020)

Circa due mesi fa, uno striscione con la scritta "Cinesi e serbi - fratelli per sempre" è stato appeso in un parco pubblico tra il palazzo presidenziale della Serbia e il Parlamento di Belgrado. Il messaggio si è unito a quelli di cartelloni pro-cinesi che proliferavano in città durante il picco della pandemia, dopo che il presidente Aleksandar Vučić ha inscenato una sontuosa cerimonia di benvenuto per l'assistenza medica cinese, in cui ha sbattuto contro l'Unione europea.

Lo striscione si è distinto non solo per la sua posizione strategica, ma anche perché ha catturato l'essenza della propaganda pro-cinese della Serbia. Nel giro di una notte, aveva sostituito uno striscione chiamato "Il Muro delle Lacrime", che conteneva clamorosi messaggi anti-NATO accanto alle immagini delle vittime serbe della guerra in Kosovo. Nato, Kosovo e Cina sono tutti temi sui quali Vučić - che si presenta come un partner moderato per l'Occidente - cerca di aggirare i suoi rivali politici interni rafforzando la sua immagine nazionalista.

La proliferazione di striscioni pro-cinesi a Belgrado fa parte di uno sforzo più grande che inizialmente sembrava essere stato progettato per creare entusiasmo per la Cina in Serbia. Una robusta campagna di pubbliche relazioni nei principali media e sui social ha bombardato il pubblico con messaggi che hanno elogiato la risposta del governo serbo al Covid-19, mostrando il sostegno ricevuto dalla Cina e sminuendo o del tutto ignorando gli aiuti dell'UE.

A prima vista, la campagna sembrava incentrata su un concorso tra la Cina e l'UE. In realtà, sembra essere stata pensata principalmente per elogiare la risposta del governo alla pandemia, con la Cina che svolge un ruolo di potente spalla. Allo stesso modo, lo striscione esposto vicino al palazzo presidenziale è coerente con la propaganda che il governo serbo ha impiegato per anni - in cui Vučić ha usato questioni di politica estera per posizionarsi all'interno dello spettro politico serbo. Ora, mentre prepara il suo partito per le elezioni parlamentari e locali di questo mese, mira a trarre vantaggio dall'errore iniziale dell'Ue di vietare le esportazioni di attrezzature mediche e dalla disponibilità della Cina a inviare rapidamente aiuto.

La Serbia non è l'unico paese in cui il discorso pubblico sulla Cina si allinea agli interessi interni dei principali attori politici. In Ungheria, stato membro dell'Unione europea, i regolari comunicati stampa del ministero degli Affari Esteri elogiano i nuovi arrivi dei dispositivi di protezione provenienti dalla Cina. Il Parlamento ungherese, in cui il partito del Primo Ministro Viktor Orbán detiene la maggioranza, ha recentemente approvato una legge per secretare per dieci anni i dettagli della costruzione della ferrovia Budapest-Belgrado finanziata dalla Cina. In Italia, il discorso pro-Cina è stato principalmente di dominio del movimento populista Cinque Stelle - che fa parte della coalizione di governo - e che ha usato il racconto pro-Cina circa l'assistenza medica per legittimare la partecipazione dell'Italia all'iniziativa Belt and Road.

Strategia Ue sufficiente?

Tutto ciò solleva un'importante domanda: la strategia di pubbliche relazioni dell'Unione europea è in grado di contrastare adeguatamente le critiche alla sua risposta alla pandemia - in relazione a potenze emergenti come la Cina e la Russia - con lo slogan "Team Europe"? L'approccio dell'UE a Covid-19 "battaglia delle narrazioni" è stato quello di aumentare la sua assistenza finanziaria e in natura agli stati candidati e al suo più ampio vicinato, promuovere la visibilità delle sue donazioni e rafforzare i suoi messaggi sul partenariato e la solidarietà nella regione.

Complessivamente, l'UE ha stanziato 3,3 miliardi di euro in varie forme di assistenza finanziaria legata al coronavirus per i Balcani occidentali. Ha fornito alla Serbia 93 milioni di euro in risposta alla pandemia. La Serbia beneficerà di 455 milioni di euro in sovvenzioni e prestiti dell'UE per un pacchetto di ripresa economica regionale destinato a sostenere il settore privato. La Banca europea per gli investimenti fornirà 1,7 miliardi di euro in prestiti per sostenere la ripresa economica nella regione.

Al contrario, mentre la Cina e la Russia hanno fornito aiuti al governo serbo con grande spavalderia cerimoniale, né il contenuto né la quantità di queste consegne sono stati resi pubblici in nessun momento. La tendenza è continuata: tra il 2000 e il 2018 non sono stati registrati pubblicamente aiuti finanziari russi alla Serbia, mentre la Cina ha concesso al paese sovvenzioni per un valore stimato di 30 milioni di euro. Durante questo periodo, la sola UE ha fornito alla Serbia sovvenzioni per un valore di circa 3,6 miliardi di euro.

Tuttavia, secondo un sondaggio d'opinione condotto a febbraio e all'inizio di marzo, l'opinione pubblica serba ritiene che la Russia sia il secondo maggior donatore del paese, quasi alla pari con l'UE. Lo stesso sondaggio ha rilevato che il 20 per cento dei serbi percepisce la Cina come il maggior donatore, collocando il paese ad appena 8 punti percentuali dietro l'UE. Queste percezioni non sono il risultato della battaglia di narrazioni circa il coronavirus, ma piuttosto di anni di attenta inquadratura da parte dei media serbi controllati dal governo.

I soldi non ai governi

L'UE può e deve fare molto meglio in questi concorsi di legittimità popolare. Ma, per farlo, deve distinguere tra le vere e proprie rimostranze pubbliche e la propaganda politica da parte di attori che utilizzeranno qualsiasi crisi per cementare il loro potere politico e proteggere i loro alleati dalla responsabilità. Nel trattare con tali attori, una cosa è chiara: l'Europa non può vincere questa battaglia di pubbliche relazioni placando gli autocrati. Né può conquistare i cuori e le menti della popolazione in Serbia, o in altri paesi della regione, distribuendo aiuti finanziari a leader autoritari che continueranno a spenderli male. La forza del Team Europe non si misurerà in base all'entità delle donazioni, ma, cosa ancora più importante, in ciò che questi finanziamenti raggiungono.

L'UE deve continuare a sostenere i suoi partner chiave nei Balcani e nel vicinato più ampio. Ma è tempo che l'UE diriga molta più assistenza attraverso canali diversi dai governi altamente corrotti che violano costantemente le norme e gli standard europei - di democrazia, dei media, di acquisizioni, dell'ambiente o di altri settori. L'UE dovrebbe cercare il modo di spostare la sua assistenza dal sostegno diretto al bilancio verso modalità create appositamente per distribuire i finanziamenti. La Millennium Challenge Corporation statunitense potrebbe fornire alcune indicazioni su come ottenere una maggiore supervisione dei fondi di esborso che, fondamentalmente, provengono dai contribuenti europei. Istituendo tali agenzie, l'UE troverebbe anche più facile indirizzare i fondi verso, ad esempio, i sindaci riformisti o gli ospedali, piuttosto che verso governi mal gestiti.

Ciò richiederebbe certamente una revisione del modus operandi dell'UE nei Balcani occidentali e i suoi vicini. Ma un tale modello rafforzerebbe il controllo delle condizioni dell'UE relative al buon governo e alla trasparenza. È errato pensare che, nei Balcani occidentali, l'immagine dell'UE si deteriorerà ulteriormente se, nel bel mezzo di una pandemia, pone delle condizioni sull'uso dei suoi fondi. Al contrario, i cittadini sarebbero lieti di vedere che stabilisce alcuni limiti alla sfacciata corruzione e all'uso improprio dei fondi pubblici. C'è una fame pubblica di vedere l'UE monitorare e applicare correttamente i suoi criteri politici stabiliti, sia in Serbia che altrove nei Balcani occidentali. Non c'è nessun danno a diventare un po' più transnazionali per promuovere gli obiettivi e i valori dell'UE.


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!

I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by