Branko Crvenkovski

I cattivi risultati in ambito economico hanno spinto il premier macedone Branko Crvenkovski a sostituire i ministri che guidavano l'economia e a riconoscere il fallimento di alcune delle proprie strategie di sviluppo.

21/11/2003 -  Gordana Stojanovksa Icevksa Skopje

Crvenkovski ha riconosciuto che il suo governo nel corso dei primi due anni di lavoro non è riuscito a risolvere i problemi economici che il paese sta affrontando, e ha promesso che prossimamente la situazione cambierà. Secondo l'opposizione, invece, questo governo non ha alcuna strategia per realizzare ciò che promette.

"Il prossimo anno il governo garantirà investimenti per 200 milioni di dollari", ha dichiarato il premier della Macedonia Branko Crvenkovski motivando, la scorsa settimana, la ricostruzione del governo e riconoscendo i cattivi risultati ottenuti in ambito economico.
"Nell'ambito degli investimenti esteri e nella disoccupazione non abbiamo mostrato risultati, ma la situazione è veramente difficile", ha detto Crvenkovski.

Prossimamente il governo lavorerà al miglioramento dell'economia, ha promesso Crvenkovski, ma non ha spiegato precisamente in che modo farà progredire l'economia. Nella sua esposizione il premier ha nominato due progetti: la creazione di una zona senza dogane, gli investimenti nell'edilizia e nella costruzione della centrale per il gasdotto. L'opposizione considera invece che il governo non abbia una strategia che possa portare dei veri cambiamenti e chiede le dimissioni del premier e dell'intero governo.
"La Macedonia è in coma. Quando qualcuno è in coma ci sono due soluzioni: o una terapia shock oppure il mantenimento in vita artificiale. Noi siamo per la prima opzione, e questo significa: le dimissioni del governo" ha detto Nikola Gruevski, leader del maggior partito di opposizione la VMRO-DPMNE.

Anche il DPA (Partito democratico degli albanesi) non è affatto soddisfatto del modo in cui lavora il governo. "Ascoltando il premier, ho avuto l'impressione di vivere in Finlandia e non in Macedonia. Se il governo valuta in questo modo la situazione e se avrà intenzione di condurre lo stato così come lo ha fatto fino ad ora, non ci sarà alcun progresso", afferma Zamir Dika, rappresentante del DPA.
I rappresentanti dell'Unione europea in Macedonia non hanno commentato dettagliatamente la ricostruzione del governo. Si sono limitati a dire che la ricostruzione fornisce al governo il tempo necessario per potersi concentrare sulle riforme politiche ed economiche.

Crvenkovski ha messo gente nuova nelle seguenti posizioni: ministro delle finanze, ministro dell'economia, ministro dei trasporti. Anche il ministro della giustizia è stato sostituito.
L'opposizione ha commentato che questi cambiamenti sono il risultato di accordi tra i partiti che compongono la coalizione di governo, e che non hanno nulla in comune a favore di una qualsiasi idea per un futuro migliore.

Dopo un anno di lavoro il governo ha pubblicato i rapporti dei ministeri sul lavoro svolto fino ad ora. È interessante che la maggior parte dei progetti che i ministeri dell'economia avrebbero dovuto realizzare non sono nemmeno iniziati. La maggior parte dei ministeri non ha speso il denaro che era stato stanziato per la realizzazione di tali progetti. E i rapporti mostrano che il governo non è riuscito a realizzare nemmeno il 50% dei progetti previsti, benché abbia avuto il denaro per poterlo fare.
Il Ministero dei trasporti e delle comunicazioni ha speso solo il 46% del denaro che ha ricevuto dal Ministero delle finanze, mentre il Ministero dell'economia ne ha speso il 35%. Il record nel mancato utilizzo del denaro lo ha raggiunto il Ministero dell'agricoltura. Questo ministero dei complessivi 210 milioni di denari (1 euro è pari a 61 denari) ha utilizzato solo 35 milioni di denari, esattamente il 17% della cifra complessiva che aveva a disposizione.

"I ministeri non hanno speso il denaro spiegando che stanno risparmiando, ma in realtà non sapevano o non hanno voluto realizzare qualcosa di intelligente col denaro che avevano a disposizione. È successo che il governo non abbia svolto ciò che era necessario, i progetti sono rimasti incompiuti e nessuno ha pensato a qualsivoglia investimento", ha dichiarato una fonte anonima del governo per il quotidiano "Vest". Gli esperti svolto un'analisi secondo la quale ciò che i ministri non hanno compiuto ha bloccato il corso economico dello stato.
I rapporti pubblicati dai ministeri sono in realtà le spiegazioni di ciò che ci si aspetta che accada, ma non di ciò che hanno fatto. Nei rapporti c'è scritto che in realtà i ministeri hanno svolto i preparativi per il boom economico che a breve accadrà. Ma i preparativi riguardano principalmente l'emanazione di nuove leggi e la modifica delle vecchie.

Il Ministero delle finanze ha reso noto che nel corso del 2003 il PIL è aumentato del 2.7%, che la produzione industriale è salita del 5.2%, che l'esportazione è aumentata del 24.6%, e che le riserve di valuta sono salite di 94 milioni di dollari. Tuttavia, in questo periodo è aumentata la disoccupazione del 4.8%, che raggiunge così il 36.7%.
Il Ministero delle finanze al posto di presentare i risultati ha presentato il piano sulla creazione di un fondo di credito garantito, e ha promesso che troverà il modo per impiegare 3.000 persone e che costruirà una centrale elettrica e per il gas.

Il Ministero dei trasporti e delle comunicazioni ha reso noto che non ha realizzato neanche uno dei progetti esistenti.
Del tutto simili sembrano anche gli altri rapporti.

Il nuovo ministro delle finanze è Nikola Popovski dal quale ci si attende che realizzi la finanziaria del 2004, che dovrebbe sostenere lo sviluppo economico del paese.
Popovski deve accordare il nuovo assetto economico con il Fondo Monetario Internazionale (FMI), migliorare i servizi di credito, sistemare il sistema bancario, che funziona piuttosto male, ecc.

Il nuovo ministro delle finanze è conosciuto al pubblico macedone perché è stato fino ad ora il presidente del Parlamento. È stato, inoltre, vicepresidente del SDSM e coordinatore dei gruppi di accompagnamento di questo partito durante il precedente sistema parlamentare. Si tratta di un economista, stimato come un politico di principio, ma non ha avuto alcuna pratica economica. Popovski ha dichiarato che la sua politica verso il FMI non subirà drastici cambiamenti.
Ma rimane incerto se accadrà un qualche cambiamento in ambito economico. Le dichiarazioni del premier della scorsa settimana non ispirano certo un eccesso di ottimismo. Crvenkovski ha spiegato che nel periodo precedente il suo governo non era pronto a prendersi in carico alcun rischio. "La priorità era non tanto di raggiungere dei risultati, quanto di non commettere errori" ha detto Crvenkovski.

È possibile il boom economico se il governo non è in grado di assumersi dei rischi? Anche questo è incerto.

Crvenkovski è noto perché spesso quando si trova alle strette cambia la composizione del governo. Ma occorre tenere presente che gli effetti delle sue precedenti ricostruzioni non hanno mai mostrato grandi risultati e che Crvenkovski ha già svolto due mandati come premier della Macedonia.

(*) L'autrice è caporedattrice del settimanale di Skopje "Kapital"


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!