Un vasetto di confettura (Le Courrier des Balkans)

Un vasetto di confettura (Le Courrier des Balkans)

Hanno iniziato per parenti e amici, ma ora l'amore di Mirjana e Branko per le confetture e per i prodotti di qualità sta diventando altro, creando opportunità per una piccola comunità locale

20/09/2019 -  Mirjana Chakarova

(Pubblicato originariamente su Mia , selezionato e tradotto da Le Courrier des Balkans e OBCT)

Penso al mio amico Gač, che abitava nell’appartamento accanto al nostro. Aveva uno o due anni più di noi. Da bambini giocavamo tutti insieme a basket, campana, palla prigioniera o nascondino. All’ora di merenda ci affrettavamo verso il palazzo e ci mettevamo sotto le finestre a gridare: “Mamma, mamma, buttami una fetta di pane con la marmellata!”. E non trattenevamo l'acquolina in bocca pensando alla marmellata fatta in casa, spalmata su una fetta di buon pane, che stava per cadere nelle nostre mani, gettata dal sesto piano del palazzo, meticolosamente incartata in un tovagliolo di carta.

Ho ripensato al mio amico Gač quando ho assaggiato per la prima volta la confettura di rosa canina fatta da Mirjana e Branko. Il suo gusto è simile a quello della confettura della Podravka [storica azienda alimentare con sede a Koprivnica, in Croazia] che un tempo mangiavamo a casa e alla scuola materna. Mirjana e Branko vivono nel villaggio di Slepče, nella regione di Prilep. "Abbiamo iniziato a produrre la confettura di rosa canina quando siamo andati in pensione, dieci anni fa", spiega Mirjana. "Siamo grandi amanti della natura e possiamo godercela: abbiamo una casa con un giardino, situata ai piedi della montagna Babuna, in un ambiente totalmente naturale. Abbiamo iniziato a raccogliere le bacche di rosa canina per uso personale, ma è un peccato non utilizzare quello che la natura ci offre".

I primi ad appassionarsi alle confetture di Mirjana e Branko sono stati i loro figli e nipoti. Poi, pian piano il cerchio si è allargato e la produzione è aumentata per rispondere alla crescente domanda. "Ho lavorato in una fabbrica che produceva conserve di frutta e verdura, Konzerva Export", racconta Mirjana. "Mi piacevano questi prodotti e qui avevo le materie prime necessarie per produrli. Questo mi ha incoraggiata a unire le mie competenze professionali alla disponibilità dei prodotti della natura. Oggi la nostra confettura di rosa canina è un marchio. Ma non potrebbe essere prodotta nella città, non avrebbe lo stesso gusto".

Il segreto della confettura di Mirjana? Lasciar cuocere le bacche di rosa canina al vapore finché non diventano morbide, e poi passarle al setaccio per eliminare i pelucchi interni in modo da ottenere una consistenza uniforme. "Le bacche di rosa canina sono molto dure", spiega Mirjana. "Noi le facciamo cuocere al vapore per farle ammorbidire fino a ottenere una purea. Usiamo gli stessi metodi che venivano usati in passato. Aggiungiamo solo una piccola quantità di zucchero. La peculiarità delle bacche di rosa canina consiste nel fatto che mantengono la vitamina C anche a temperature elevate". Mirjana e Branko ingaggiano gli abitanti del villaggio per raccogliere le bacche e li ricompensano con una paga giornaliera. Le bacche sono biologiche al 100%.

La confettura di rosa canina prodotta da Mirjana e Branko è stata presentata per la prima volta fuori dalla Macedonia del Nord ad un evento a Tirana organizzato da Slow Food, di cui i due sono membri attivi. Da allora, questo prodotto riscuote un notevole successo e viene regolarmente presentato alle fiere dedicate al biologico in tutti i paesi dei Balcani, ma anche in Italia, Germania, Turchia, e persino in Bahrein. Tra i clienti di Mirjana e Branko ci sono molti diplomatici stranieri di stanza a Skopje, compresi l’ambasciatore statunitense, quello svedese e il capo della missione UE.

"La confettura è stata presentata per la prima volta durante un evento organizzato dalla municipalità di Karpoš, a Skopje", precisa Branko. "Sono stati i nostri amici a spingerci a presentare la nostra attività e da allora la nostra confettura ha suscitato sempre maggiore interesse. Questo ci ha incoraggiati a iniziare a produrre maggiori quantità di confettura; siamo partiti con un centinaio di vasetti, per poi aumentare progressivamente la produzione. Se si vuole ottenere un prodotto di buona qualità, non bisogna esagerare con la quantità. Tutte le operazioni vengono svolte manualmente, secondo una ricetta professionale".

Mirjana e Branko oggi non si accontentano più di produrre solo la confettura di rosa canina. Con il passare del tempo, e grazie al successo riscosso dal loro primo prodotto, hanno diversificato la produzione. Oggi producono, oltre alla confettura di rosa canina, anche la confettura e il succo di mirtilli, di corniole selvatiche e di biancospino. "La nostra terra è molto fertile, vi cresce tutto. A Slepče crescono il mirtillo, il biancospino, l’agrifoglio, il timo,… Lo stato deve riconoscere questa ricchezza ma anche i giovani devono prestare più attenzione alla natura", concludono Mirjana e Branko.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by