Empty seats in parliament - © M.Moira/Shutterstock

© M.Moira/Shutterstock

La creazione di un nuovo governo in Kosovo, senza passare da nuove elezioni, ha avuto molteplici conseguenze sul panorama politico, lasciando fuori dal parlamento molti tra i deputati più votati nelle scorse elezioni

18/06/2020 -  Arta Berisha Pristina

Centinaia di persone si sono radunate la scorsa settimana nella piazza principale di Pristina per sostenere il movimento Vetëvendosje (VV) nel suo appello per nuove elezioni. "Solo nuove elezioni, che rispettino il voto dei cittadini per il cambiamento, possono restituire alle istituzioni la legittimità perduta", ha affermato Albin Kurti, leader di VV ed ex primo ministro.

La protesta pacifica ha avuto luogo solo un paio di giorni dopo che la Corte costituzionale del Kosovo ha legittimato la creazione del nuovo governo. Il parlamento ha votato la sfiducia al governo di Kurti alla fine di marzo. La cooperazione tra VV e Lega democratica del Kosovo (LDK) non è durata troppo a lungo, suscitando rabbia e delusione tra i rispettivi elettori, che speravano che la coalizione a due partiti avrebbe portato il tanto desiderato cambiamento nella vita civile e politica del Kosovo.

I due membri della coalizione si sono invece separati dopo 50 giorni, nel mezzo della pandemia, e la decisione della Corte costituzionale ha permesso all'LDK di creare il nuovo governo con altri partiti minori, senza nuove elezioni. La situazione ha portato cambiamenti significativi sia nel governo che nel parlamento.

Un nuovo panorama politico

Avdullah Hoti, vice segretario LDK, è il nuovo primo ministro del Kosovo. Hoti ha ricoperto diversi incarichi pubblici, tra cui quello di ministro delle Finanze nel governo 2014-2016. Tuttavia, non era il candidato di punta dell'LDK alle parlamentari di ottobre.

Invece il predecessore di Hoti, Albin Kurti, attualmente il politico più votato in Kosovo, è fuori dal parlamento. Il mandato di un parlamentare in Kosovo termina, tra le varie ragioni, quando si diventa membri del governo. Questa situazione ha riportato Kurti e i suoi colleghi VV nelle strade, a protestare.

Come il 12 giugno, le proteste avvengono principalmente all'esterno. Anche altri parlamentari VV con grande sostegno elettorale sono fuori dal parlamento, poiché avevano lasciato i loro seggi per diventare ministri.

Albulena Haxhiu, ex ministro della Giustizia nel governo Kurti, si è detta preoccupata per la decisione della Corte costituzionale che ha validato l'atto del presidente: "È incostituzionale e un colpo alla democrazia e alla volontà del popolo se chi ha il maggiore sostegno civico viene lasciato fuori dalle istituzioni. Ciò non sarebbe potuto accadere se la Corte avesse deciso secondo le proprie responsabilità", ha detto Haxhiu a OBCT.

Conflitto di interessi vs. rappresentatività

Blerim Vela, analista politico, ha dichiarato a OBCT che il principio della separazione dei poteri in Kosovo è applicato con l'obiettivo di garantire l'indipendenza del parlamento dal governo. Dopo essere diventati ministri, i deputati sono costretti a rassegnare le dimissioni per evitare conflitti di interesse, poiché sarebbero allo stesso tempo creatori e attuatori delle leggi.

D'altra parte, sarebbe possibile preservare la legittimità del parlamento se coloro che vanno al governo potessero tornare ai propri seggi in parlamento al termine del mandato al governo.

“Alcuni paesi, come il Portogallo, hanno rivisto tali regole e hanno reso temporanea la sostituzione dei parlamentari con i candidati successivi. Questa sostituzione è valida fintanto che i parlamentari prestano servizio nel governo. Se si dimettono, o se il governo cade, hanno il diritto di tornare al proprio seggio in parlamento”, ha spiegato Vela a OBCT.

L'intera situazione ha portato rabbia e confusione anche nell'LDK. Vjosa Osmani, presidente del parlamento del Kosovo e lei stessa candidata primo ministro, si è opposta pubblicamente alla creazione del governo Hoti. Inoltre, non ha votato la sfiducia al governo Kurti. "Invito tutti i parlamentari a opporsi al voto di sfiducia ", ha dichiarato il giorno del voto.

Inoltre, almeno un ministro LDK del governo Kurti, Lumir Abdixhiku, non ha sostenuto il governo Hoti. Abdixhiku non ha commentato sulla propria esclusione dal parlamento dopo che gli elettori lo avevano scelto come rappresentante, ma ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che è stato un onore e un privilegio aver servito come ministro delle Infrastrutture.

I ministri deboli sono più facili da ricattare

Alma Lama, ex parlamentare, diplomatica ed ex corrispondente OBCT, è contraria alla pratica per cui i deputati perdono il seggio quando diventano ministri.

"La vedo come una pratica sbagliata, perché questo indebolisce la posizione del ministro e, specialmente nei paesi in transizione dove c'è molta corruzione, lo rende più facile da ricattare", ha detto Lama a OBCT. Secondo Lama, se i ministri possono mantenere il proprio seggio hanno più potere e indipendenza.

"Molti paesi democratici fanno così, quindi è meglio che anche il Kosovo si adegui", aggiunge. Tuttavia, a quanto pare la Corte costituzionale non ha preso in considerazione questo aspetto.

Per Albulena Haxhiu di Vetëvendosje, che si è opposta all'intero processo, la Corte costituzionale del Kosovo ha trascurato questo problema. "L'unica preoccupazione era come rendere costituzionale il decreto di Thaci", ha aggiunto.


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!

I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by