Foto - bfk/Shutterstock

Foto - bfk/Shutterstock

Un articolo non firmato ed estremamente problematico, apparso sul sito dell'emittente pubblica kosovara in piena campagna elettorale, ha riacceso anche a Pristina il dibattito sull'utilizzo delle fake news come strumento di propaganda e lotta politica

10/04/2020 -  Arta Berisha Pristina

Cinque mesi dopo le elezioni parlamentari in Kosovo, rimane sul sito dell'emittente pubblica RTK un articolo non verificato che accusa una candidata primo ministro e suo marito di stretti legami con la Russia.

La diffusione di false notizie attraverso i social network e altri siti non è una novità: tuttavia, quando a farlo è un'emittente pubblica finanziata dal bilancio statale, il problema diventa più significativo e più complicato.

Se l'emittente pubblica produce fake-news

Solo due giorni prima delle elezioni, il 4 ottobre 2019, il sito web dell'emittente pubblica , citando un giornale americano , ha pubblicato un articolo in cui si affermava che la Russia stesse influenzando le elezioni anticipate attraverso Vjosa Osmani, candidata a primo ministro della Lega democratica del Kosovo (LDK), e suo marito, un importante funzionario pubblico. Il titolo dell'articolo affermava che il marito di Osmani avesse come mentore Dana Rohrabacher, considerato un membro filo-russo del Congresso, mostrando una loro foto insieme. Al contrario, il sottotitolo affermava che fosse la stessa Osmani a essere guidata da Rohrabacher.

Il pezzo di 800 parole non era firmato: cosa essenziale nella stampa online di oggi, in cui chiunque abbia accesso a Internet può scrivere e pubblicare e quindi sapere chi scrive cosa è più importante che mai. Inizialmente, un sito web chiamato Open Source Investigations aveva pubblicato l'articolo in inglese. Non è ancora noto chi abbia tradotto il pezzo in albanese, né chi lo abbia pubblicato per primo.

Christopher Martin, docente di giornalismo all'Università dello Iowa settentrionale, ha messo in dubbio la credibilità del sito web. Secondo Martin, Open Source Investigations non riporta alcun contatto o indirizzo. Per quanto riguarda il giornalismo, nonostante i proclami, non ci sono inchieste originali sul sito. "Citano alcune pubblicazioni, ma selettivamente, per affermare il proprio punto di vista", dice Martin a OBCT. Inoltre le foto sul sito non riportano date, didascalie o autore.

Alcuni elementi, osserva Martin, indicano che il sito non è basato negli Stati Uniti. Ad esempio, un articolo intitolato “The Kosovo elections: a Manchurian candidate citava un'ortografia tedesca di San Pietroburgo che non sarebbe mai stata utilizzata su un sito americano. Inoltre, lo stesso articolo sul Kosovo (datato 30 settembre 2019) è scorretto.

La frase di apertura dice: “La Russia si sta intromettendo nelle elezioni in Kosovo? Il principale alleato congressuale di Putin, Dana Rohrabacher, è il mentore di Prindon Sadriu". Rohrabacher, tuttavia, ha perso il seggio alle elezioni di novembre 2018 e il suo mandato è terminato ufficialmente all'inizio del 2019. Quindi, al momento della pubblicazione dell'articolo, Rohrabacher non aveva una carica da cui essere alleato di Putin.

Le fake-news rimbalzano da un media all'altro

Secondo la missione di osservazione elettorale dell'Unione europea, negli ultimi dieci giorni della pre-campagna elettorale e durante la campagna ufficiale, il canale televisivo pubblico RTK 1 ha offerto una copertura ampiamente equilibrata delle entità politiche rappresentate in parlamento.

"Tuttavia, il suo sito web ha dedicato una copertura estesa e piuttosto positiva al PDK, una copertura minore agli altri partiti e, a volte, una copertura negativa per LDK", afferma il rapporto di monitoraggio dei media per le elezioni del 6 ottobre.

L'articolo è stato molto condiviso su siti di notizie e social network e alcuni lo hanno utilizzato per attaccare la credibilità di Osmani come candidata.

In Kosovo e in tutta la regione dei Balcani, in particolare con l'arrivo dei social network, i siti di notizie si sono moltiplicati. Molti sono diventati una fonte di disinformazione e notizie false, come successo nella Macedonia del Nord durante la campagna elettorale degli Stati Uniti del 2016.

I contenuti falsi sui social network e sui portali di notizie sono diventati la normalità. Naturalmente la situazione degenera durante le elezioni, quando politici e altri gruppi di interesse, con la scusa della libertà di parola, usano Internet per diffondere propaganda e spingere un programma o agenda particolare.

Il ruolo dei social media

In un rapporto pubblicato nel 2017 , l'Associazione dei giornalisti del Kosovo ha notato la diffusione di disinformazione da parte di portali dubbi che utilizzano anche i social network, in particolare Facebook. Secondo il rapporto, durante la campagna di 10 giorni per le elezioni anticipate del 2017, diversi portali miravano principalmente a diffondere false notizie e propaganda negativa contro partiti e candidati.

AJK ha scoperto che almeno cinque pagine Facebook, travestite da portali, diffondevano notizie false attaccando individui o partiti politici. Questi falsi account di Facebook venivano mimetizzati utilizzando loghi e motivi familiari di media noti, distorcendo così le informazioni. "Nel giugno 2017, due portali hanno segnalato alla polizia l'uso improprio dei loro loghi da un portale falso e una persona è sospettata di diffondere notizie false", si legge nel rapporto.

Inoltre, i giornalisti intervistati hanno sottolineato che il proliferare di portali ha avuto un impatto negativo sul giornalismo, poiché i portali sono più interessati alla velocità che alla verifica delle fonti. Allo stesso tempo, il rischio di diffamazione rimane il problema più grave.

Tuttavia, quando ciò viene fatto da un'emittente pubblica finanziata dal bilancio statale, il problema diventa più significativo e anche più complicato. Il sito web dell'emittente pubblica del Kosovo, così come altri portali di notizie , riporta ancora il falso articolo su Vjosa Osmani nonostante gli avvertimenti della candidata , che farà causa a RTK per aver diffuso notizie false e diffamazione contro lei e la sua famiglia.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by