Foto - Shutterstock

L'epidemia di COVID19 ha avuto pesanti effetti sull'economia kosovara e rischia di condizionare pesantemente molti settori anche in futuro. C'è però chi vede anche opportunità da cogliere nel mondo post-coronavirus

21/05/2020 -  Arta Berisha Pristina

Dopo due mesi di lockdown, il governo del Kosovo ha lanciato un piano di riaperture. Il 4 maggio sono stati autorizzati a riprendere l'attività i cantieri, gli immobiliari, l'industria automobilistica e i piccoli negozi. La seconda fase è iniziata il 18 maggio con dentisti, fisioterapisti, parrucchieri e saloni di bellezza, nonché mercati e gastronomia. Tuttavia, il governo ha introdotto nuove regole per garantire il distanziamento sociale e limitare la diffusione del virus.

Come sarà "la nuova normalità" in Kosovo?

In una tipica giornata estiva, un ristorante di 80 metri quadrati è in grado di servire fino a sessanta clienti durante una pausa pranzo. Tuttavia, secondo le nuove regole, lo stesso ristorante sarà in grado di servire solo otto persone.

Queste misure sono viste come problematiche da molte aziende. Aida Rexhepi, proprietaria del ristorante ANISE di Pristina, ha dichiarato a OBCT che "i ricavi generati con una capacità del 10% non copriranno nemmeno le utenze". Mentre si prepara a riaprire il ristorante dopo due mesi di blocco, Rexhepi è preoccupata di non riuscire a pagare dipendenti e locatori durante il periodo di restrizioni, poiché nelle ultime settimane il ristorante ha cessato tutte le attività e non ha generato alcun reddito.

Il 30 marzo il governo del Kosovo ha approvato il pacchetto di misure fiscali di emergenza, per un importo totale di 180 milioni di Euro. Il pacchetto comprende 15 misure ed è diretto principalmente a coloro che hanno perso il lavoro durante il blocco. Con una delle misure, il governo copre gli stipendi mensili per aprile e maggio per un importo di 170 Euro al mese a persona.

Alcuni esperti, tuttavia, vedono queste misure principalmente come assistenza sociale: Aida Rexhepi aspetta invece con impazienza "il pacchetto della ripresa".

In un'intervista a OBCT Ilir Aliu, vice ministro delle Finanze, ha annunciato un secondo pacchetto per le imprese: "Il primo pacchetto di emergenza mirava a consentire alle imprese di rimanere operative, quindi avrà un impatto economico anche dopo la crisi pandemica", ha detto Aliu. "C'è stato un approccio olistico e, ancora più importante, siamo riusciti a ridurre l'informalità attraverso queste misure, poiché le aziende devono elencare tutti i dipendenti senza contratto di lavoro".

Gli effetti del coronavirus sull'economia

Secondo i dati ufficiali del governo, il blocco ha interessato direttamente circa 36mila aziende per un totale di 60mila lavoratori. In realtà questo numero è sicuramente molto più elevato, considerando l'alto tasso di informalità in Kosovo, stimato in circa 80mila lavoratori. Con il pacchetto fiscale del governo, circa 10mila persone sono state registrate come nuovi lavoratori, poiché il governo ha coperto due mesi di stipendio per le imprese che registrano i propri dipendenti. Gli esperti lo vedono come un approccio utile.

"Le aziende che operano nell'economia sommersa e i lavoratori informali hanno poca protezione e non possono beneficiare del sostegno dei contribuenti", spiega a OBCT Nora Hasani, amministratore delegato della German-Kosovar Business Association (KDWV). Aggiunge che il governo del Kosovo ha fatto molto bene a usare il pacchetto di emergenza fiscale come un'opportunità per spingere le aziende a registrare i propri dipendenti.

Nonostante le misure adottate dal governo e altri schemi di sostegno dell'Unione europea e degli Stati Uniti, il blocco dovuto al COVID-19 avrà un impatto su molte aziende. Secondo un sondaggio, oltre il 60% delle 462 aziende intervistate ritiene che la pandemia minaccerà l'esistenza stessa dell'impresa. La Banca mondiale ha previsto per l'economia del Kosovo una contrazione del 4,5% nel 2020, seguita da un rimbalzo nel 2021.

"Lo scoppio del COVID-19 e le necessarie misure di contenimento stanno mettendo gli investimenti, i consumi privati, ma anche le esportazioni e le rimesse dalla diaspora sotto una pressione senza precedenti. Mentre i consumi possono riprendersi insieme all'economia, le esportazioni di servizi e gli investimenti impiegheranno più tempo. In questo contesto, le entrate pubbliche registreranno una significativa carenza", afferma il report.

In due mesi di blocco, circa 150 categorie di attività commerciali sono state chiuse, compresi bar e ristoranti, cantieri, centri commerciali e ogni altro settore ad alto rischio di contagio. Farmacie, panifici e alcune fabbriche di esportazione hanno continuato a lavorare.

"Solid Shoes", uno dei maggiori produttori di scarpe della regione e il più grande esportatore del Kosovo, ha continuato a lavorare anche durante il blocco. Tuttavia, non ha potuto esportare: la manager Gresa Kuci ha dichiarato a OBCT che i partner commerciali nei paesi europei non hanno accettato consegne a causa della chiusura delle aziende ovunque.

"Esportiamo in Francia, Italia, Germania, Polonia, Belgio, Africa, Stati Uniti, Regno Unito e Balcani, ma in questi due mesi abbiamo finalizzato un solo ordine. Il resto è stato rinviato ai giorni e mesi a venire", ha detto.

Il governo vede la pandemia come un'opportunità per cambiare la struttura economica

Il governo del Kosovo presenterà presto un secondo pacchetto di aiuti economici. La Banca mondiale ha comunicato che si sono conclusi i negoziati con il Kosovo per un pacchetto di emergenza COVID-19 per 50 milioni di dollari. La Banca mondiale ha citato il rafforzamento del sistema sanitario pubblico come un passo essenziale per andare avanti. Tuttavia, per l'attuazione del pacchetto, il parlamento del Kosovo deve ratificare l'accordo con la Banca mondiale con una maggioranza di 2/3, cosa improbabile a causa dell'attuale crisi politica.

Secondo Aliu, il governo vede la pandemia come un'opportunità per riorientare l'economia verso l'aumento della produzione e delle esportazioni. "Esiste una strategia per sostenere l'imprenditoria delle donne, l'informatica e le start-up, è tempo di concentrare i nostri sforzi sulla produzione e sulle esportazioni", ha detto Aliu a OBCT.

Secondo Nora Hasani di KDWV, il governo del Kosovo dovrebbe concentrarsi su settori e problemi specifici. A causa della pandemia le multinazionali, comprese quelle tedesche, hanno difficoltà con le loro catene di approvvigionamento e stanno pianificando di trasferire gran parte della loro produzione dall'Asia all'Europa", ha detto a OBCT.

A suo avviso, ogni crisi offre nuove opportunità. "Il piano di ripresa economica non dovrebbe solo servire da leva per riavviare l'economia del Kosovo, ma anche per aiutare le aziende a cogliere queste opportunità", ha affermato Hasani, ricordando che il Kosovo offre libero accesso al mercato dell'UE. Il 70% della popolazione è sotto 35, il 28.2% parla una lingua straniera e l'11,4% più di una.

"Il governo dovrebbe utilizzare il pacchetto di aiuti non solo per salvare posti di lavoro, ma anche per crearne di nuovi attirando gli investimenti diretti esteri (IDE), ma potrebbe farlo sviluppando politiche di IDE e meccanismi di sostegno completi, come incentivi fiscali che includano l'esenzione dai dazi doganali, da tasse varie e sgravi fiscali specifici alle imprese esportatrici", ha detto Hasani a OBCT.

Oltre a puntare agli IDE, il pacchetto di recupero dovrebbe concentrarsi su aspetti importanti per il mercato interno: l'offerta (aziende) e la domanda (consumatori). Dovrebbe offrire sovvenzioni, sussidi e prestiti, ma anche creare incentivi per le famiglie per acquistare beni e servizi: a causa delle sostanziali perdite economiche e della mancanza di liquidità, sembrano cruciali anche le misure a sostegno della liquidità.

 

 

UE. pacchetto da 3,3 miliardi di euro per i Balcani occidentali

Per sostenere la ripresa economica dei paesi dei Balcani occidentali colpiti dalla crisi COVID19, l'Unione europea ha votato un pacchetto di aiuti complessivi di 3,3 miliardi di euro. Per il Kosovo il contributo sarà di 228 milioni .


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!

I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by