OSORIOartist/Shutterstock

Una conversazione di viaggio, un racconto che gioca su luoghi comuni, tra Italia ed Albania

30/04/2020 -  Dardo Veleno

(Questo racconto è stato pubblicato originariamente in albanese sul blog di Dardo Veleno )

Appena seduto capì subito che la signora di fronte aveva voglia di parlare. Sentiva il suo sguardo curioso che inseguiva i suoi movimenti mentre prendeva posto e si accomodava. Il cortese invito della donna di poggiare il giubbotto sulla poltrona libera, con voce dolce e sorriso simpatico, non fece altro che confermargli la prima impressione. Ma non gli dispiacque, aveva anche lui bisogno di scambiare due parole.

– Scusi, forse sono indiscreta, ma lei di dov’è? – gli chiese dopo i primi convenevoli.

– Perché me lo chiede? – sorrise l’uomo di mezza età non senza interesse.

– Beh, ho sentito un accento strano mentre parlava, come se fosse straniero… – lasciò cadere il discorso con un po’ di imbarazzo.

– Ottima osservatrice signora! – si complimentò lui sinceramente, – È vero, sono straniero.

– E di dov’è? – domandò lei senza nascondere la curiosità.

– Albania. Sono albanese.

– Albanese? – ripeté con un misto di sorpresa ed entusiasmo - Che bello! In Albania non ci sono mai stata ed è la prima volta che incontro un albanese. Mi ricordo, quando ero giovane, di Radio Tirana che mandava in onda notiziari in italiano. Molto interessante.

– Eh sì, erano altri tempi – rispose pensieroso l’uomo.

– Comunque – aggiunse lei – ho visto su internet che l’Albania è meravigliosa: il mare, la natura, la montagna, le persone. Tutto stupendo.

– Sì, concordo. Ma anche l’Italia non scherza – rispose l’uomo ricambiando con gentilezza.

– Dicono che gli albanesi parlano perfettamente l’italiano. L’hanno imparato dalla televisione.

– Non è certamente il mio caso. Ma forse perché non guardo troppa TV, il che fa male – ribatté autoironicamente l’uomo.

– È da molto in Italia?

– Abbastanza, saranno… – cercò di ricordare.

– Mi lasci indovinare – lo interruppe la signora piuttosto incuriosita. – Lei è arrivato con le navi in Puglia tanti anni fa, quando c’è stato quell’esodo. Tanti film su quelle navi… Quante sofferenze.

– Molti miei connazionali sono arrivati con le navi. Una vera odissea. Ma non io – affermò l’uomo per nulla stizzito.

– È arrivato con i gommoni? Clandestino? – chiese la signora. – Ho visto in TV tanti casi.

– No, no. Quali gommoni! Quale clandestino! Sono venuto con un visto turistico, regolare. In aereo per giunta.

– Davvero? – chiese incredula. – Ma sicuramente avrà sofferto tantissimo all’inizio. Poi proveniva dalla povertà estrema di allora.

– Non particolarmente. La vita del migrante non è mai semplice, ma ho fatto del mio meglio. Diciamo che mi è andata bene. Comunque, all’epoca di quel regime disumano molte persone sono morte di persecuzioni e di fame. Devo ammettere francamente che me la sono scampata, per puro caso.

– Adesso, scommetto che lei è un uomo di successo. La vedo così distinto, con questo bel vestito… Complimenti! – disse la signora senza malizia.

– Magari signora! – rise lui. Me lo sono comprato per un’occasione speciale. Mica mi vesto così ogni giorno.

– Lei mi sembra un artista. Musicista, cantante o ballerino? – azzardò la signora. – Ho sentito in TV che avete una tradizione educativa straordinaria in questi campi, con scuole serie e durissime.

– Grazie signora, per me è un complimento. Per la verità non conosco una nota musicale, sono stonato come un asino e non ho ballato neanche al mio matrimonio, con la mia sposa.

– Allora è un pittore. So che la fantasia non vi manca, avete colorato anche Tirana, ho letto sui giornali.

– Non sono pittore, signora. Sono totalmente negato, tra l’altro anche daltonico.

– Strano, sapevo che gli albanesi fossero famosi in queste arti. Ma lei forse è più portato per gli sport. Calciatore? – insistette la signora.

– Ho giocato a pallone fino alle superiori. Gli amici all’inizio mi hanno messo in porta, poi in panchina, per dimenticare infine il mio numero telefonico. La verità, signora, è che sono molto pigro. – le confessò sinceramente.

– Quindi in quale campo ha avuto successo dopo tanto duro lavoro? Vive ancora qui o è rientrato in Albania grazie alla ripresa fantastica del paese? Ho visto certe foto di Tirana, piene di luci, bar, ristoranti, giovani. – disse la signora con ammirazione.

– Successo? Ma no! Faccio una vita normale, con una famiglia normale e ho deciso di vivere qui, sempre lontano dagli sfarzi del centro – rispose con serenità.

– Ha menzionato il suo matrimonio. Ma anche sua moglie è albanese? – la domanda della signora non suonò invadente.

– Sì, anche lei è albanese.

– Sicuramente è bellissima, come tutte le albanesi. Cosa fa, la presentatrice televisiva? È bionda? So che una volta da voi le bionde le guardavano male.

– Non so se è bellissima. Per me lo è. Comunque odia le telecamere. Ed è bruna – affermò con una certa rassegnazione.

– Scusi, non voglio importunarla, ma è giusto per parlare, per passare il tempo. Sicuramente sarà abituato ad ascoltare la gente. È un medico, vero? L’Albania ha tanti dottori bravi. Oppure è un politico? So che l’Albania ha dei politici visionari – disse guardandolo fisso negli occhi.

– Non mi disturba affatto. Comunque non sono un medico, purtroppo, tanto meno un politico. Poi a me il sangue fa impressione e parlare in pubblico mi dà ansia. – rispose l’uomo aprendo le braccia.

– Ho letto che gli albanesi sono ospitali, generosi e riconoscenti. Un bel popolo.

– Certamente è così – confermò seriamente. Poi sorridendo aggiunse: – Ma se sentisse mia moglie, quando arrivano i suoi parenti a casa mia, le direbbe che sono un burbero egoista. Ma anche loro mica si comportano da riconoscenti. Lasciamo stare…

– Insomma, lei non mi vuole dire cosa fa nella vita – disse rassegnata la signora.

– Volentieri signora, ma rimarrebbe delusa. Comunque faccio una vita modesta, da persona semplice. – ribadì serenamente mentre fissava gli occhi perplessi dell’interlocutrice.

Dopo alcuni attimi di silenzio e di esitazione, la signora prese coraggio e gli disse convinta: – Lei non sembra albanese.

L’uomo ebbe la sensazione di un chiaro déjà-vu, ma una specie di immagine in negativo, a colori invertiti. Sprazzi dal passato: scena, dialoghi, personaggi, espressioni, gesti… tutto uguale, stesso schema ma connotazioni opposte. Dopo qualche istante, abbozzò un leggero sorriso e rispose assorto: – Eh sì… Non è la prima volta che me lo dicono. E probabilmente neanche l’ultima.


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!

I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by