Durante le riprese del film "Francofonia"

Tanta Turchia nella 72° Mostra del cinema di Venezia che si avvia oggi fino a sabato 12 settembre. Una rassegna

02/09/2015 -  Nicola Falcinella

La cinematografia turca porta a Venezia un film per sezione, compreso uno in gara per il Leone d'oro, e un giurato per una presenza consistente che fa seguito al premio dell'anno scorso a “Sivas” di Kaan Mujdeci. Si parlerà inoltre molto, anche per i continui sviluppi della situazione, di Ucraina con due documentari e ci sarà la novità Montenegro.

Nella giuria presieduta dal premio Oscar Alfonso Cuaron è presente anche il regista turco Nuri Bilge Ceylan, Palma d’oro a Cannes nel 2014 con “Kiş uykusu - Il regno d’inverno”.

In concorso il più atteso è però il grandissimo Aleksandr Sokurov, il vincitore del 2011 con “Faust” che è di nuovo andato ad ambientare una pellicola in un grande museo dopo il prodigioso “Arca russa”. In “Francofonia” siamo a Parigi a inizio anni '40, al Louvre al tempo dell'occupazione tedesca, con due uomini molto particolari: faccia a faccia si trovano Jacques Jaujard, direttore del museo dal 1940, e il gerarca nazista conte Wolff-Metternich, responsabile dei beni artistici nella Francia occupata. E Jaujard riuscì a salvare numerose opere d'arte dalla razzia nazista.

Il film esplora la relazione tra arte e potere, il Louvre quale esempio vivido di civiltà e ciò che l'arte ci racconta su noi stessi, sul genere umano, pur nel corso di una guerra mondiale. A interpretare i due protagonisti, Sokurov ha chiamato Louis Do de Lencquesaing (“Madame Bovary” di Claude Chabrol), nel ruolo di Jaujard, e l'attore teatrale tedesco Benjamin Utzerath in quello del conte.

Un'immagine tratta da "Abluka"

Un'immagine tratta da "Abluka"

Poco noto e alla sua prima volta in un concorso importante è il turco Emin Alper, che porta “Abluka – Frenzy”, una co-produzione Turchia, Francia e Qatar, con Mehmet Özgür e Berkay Ates. Il regista si era segnalato per il suo “Beyond the Hill”, passato qualche anno fa al Forum Festival di Berlino e anche a Trento.

Tra i fuori concorso ci sono due documentari ucraini che affrontano la delicata situazione del Paese: “Winter on Fire” di Evgeny Afineevsky e soprattutto “Sobytie – the Event” di Sergei Loznitsa (produzione Olanda – Belgio), altro grande cineasta dei nostri giorni, autore dei lungometraggi “My Joy” (2010) e “Anime nella nebbia” (2012) e del documentario “Majdan” (2014) sulle proteste nella piazza di Kiev.

Una vera novità è, in Orizzonti nel concorso cortometraggi, il montenegrino “Dvorišta – Backyards” di Ivan Salatić con Marko Stibohar, Luka Petrone e Sara Kosovac. Per il Montenegro si tratta di un vero e proprio debutto alla Mostra. Tra i corti in gara anche “Belladonna” della coata Dubravka Turić, con Aleksandra Naumov, Nada Ðurevska, Lana Barić e Anita Matković.

Proiezione speciale alle Giornate degli autori per “Innocence of Memories – Orhan Pamuk's Museum and Istanbul” di Grant Gee. Un film molto particolare, senza eguali nella sua concezione, con lo scrittore premio Nobel narratore e guida dentro la città. Pamuk conduce dentro il museo aperto nel 2012 e che contiene tutti gli oggetti collegati al suo romanzo “Il museo dell'innocenza” pubblicato nel 2008: i personaggi del libro prendono vita, ma non si tratta di un adattamento del romanzo, bensì un lasciarsi condurre dai ricordi dello scrittore e dagli intrecci delle storie attraverso una megalopoli con gli occhi di chi ci ha vissuto per oltre 60 anni e l'ha vista trasformarsi.

Infine la Settimana della critica presenta il turco "Motherland" di Senem Tuzen, con una scrittrice in crisi che torna al villaggio natale, e la coproduzione Italia–Romania–Macedonia “Banat” di Adriano Valerio con Edoardo Gabbriellini, Elena Radonicich e Piera Degli Esposti, storia di emigrazione al contrario con un agronomo che lascia l'Italia e va verso la Romania.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by