Le proteste degli studenti dell'Università statale di Pedagogia - foto OC Media

Le proteste degli studenti dell'Università statale di Pedagogia - foto OC Media

Professori licenziati senza preavviso, malversazioni, mazzette pagate per vedersi riconfermati i contratti. L'Università statale del Daghestan non gode certo di ottima salute. Ma ora, con grande coraggio, alcuni studenti ci hanno messo la faccia. E stanno protestando da settimane

30/05/2019 -  OC Media

(Pubblicato originariamente da OC Media il 24 maggio 2019)

Asiyat Gereyeva, studentessa della Facoltà di storia dell'Università statale del Daghestan, con sede nella capitale Machačkala, ha riferito a OC Media che la protesta è cominciata il 6 maggio dopo che alcuni studenti hanno visto un sorvegliante dell'università - su ordine del rettore pro tempore Aslan Radzhabov - allontanare con la forza il vice preside di facoltà e professore di diritto civile Zakir Mirzayev. Più tardi, lo stesso giorno, decine di studenti hanno cominciato a protestare con cartelloni nel cortile dell'università. Secondo Gereyeva tutti i 172 studenti iscritti alla facoltà di storia hanno preso parte all'iniziativa di protesta.

La studentessa ha poi sottolineato che la ragione per cui Mirzayev sarebbe stato allontanato e licenziato resta sconosciuta e che semplicemente l'università non gli aveva rinnovato il contratto, senza però annunciare l'apertura di una nuova posizione per un insegnante di diritto civile. "Da allora nessuno ha più tenuto lezioni di diritto civile. Il rettore provvisorio e capo dipartimento delle discipline legali, Aslan Radzhabov, non ha inviato in aula nessun insegnante e non ci ha spiegato il motivo di questa scelta. Inoltre si rifiuta di parlare con noi", ha dichiarato Gereyeva.

Ruslan Magomedov, un altro studente dell'università, ha dichiarato ad OC Media che altri 11 membri di vari dipartimenti, i cui contratti scadevano a maggio, sono stati licenziati. Dopo l'inizio della protesta l'amministrazione universitaria ha esteso i contratti fino all'11 luglio ed ha annunciato concorsi per le rispettive posizioni.

"Non siamo sicuri che i concorsi saranno tenuti in modo libero e trasparente. Abbiamo seguito le lezioni dal 13 maggio, ma solo per rispetto nei confronti del decano della facoltà di storia, che ci ha chiesto di farlo. Tuttavia continuiamo a protestare durante le pause", ha aggiunto Magomedov.

A suo avviso, studenti di altre facoltà si sono messi in contatto con i manifestanti esprimendo la loro solidarietà, pur non unendosi pubblicamente alla protesta per timore di possibili ripercussioni. 

Asiyat Gereyeva ha raccontato che l'intero corpo studentesco della facoltà di storia si è riunito nell'ufficio del rettore il 17 maggio scorso, dove si sarebbe dovuta tenere una riunione del Consiglio accademico, con la partecipazione di Aslan Radzhabov. Volevano chiedere lumi sui licenziamenti degli insegnanti e sui ritardi nell'erogazione delle borse di studio. Il rettore pro-tempore non si è però presentato.

La studentessa ha anche sottolineato che la borsa di studio che avrebbero dovuto ricevere tre mesi fa era arrivata solo pochi giorni prima.

Il 17 maggio gli studenti hanno poi annunciato che si sarebbero rifiutati di obbedire a Radzhabov finché non si fossero tenute elezioni per un nuovo rettore.

Un rettore senza status universitario e dalla fedina penale sporca

Radzhab Radzhabov è a capo del dipartimento dell'università che si occupa di standard educativi. Ha raccontato a OC Media che il rettore pro-tempore ha ordinato la sua sospensione dopo che aveva inviato lamentele contro di lui al ministero dell'Educazione della Russia e all'Ufficio del Procuratore. "Aslan Radzhabov è stato assunto illegalmente nel settembre 2018. C'è una sentenza del 1999 che lo accusa di acquisizione e porto di armi illegale. Secondo la legge sul lavoro per questo motivo non gli dovrebbe essere permesso di dedicarsi ad attività pedagogica", chiarisce.

Il 17 maggio l'Ufficio del Procuratore del Daghestan ha risposto alla denuncia con un appello alle corti competenti a porre termine ai contratti di lavoro in atto di Aslan Radzhabov. Il 7 maggio gli agenti del Servizio per la Sicurezza Federale (FSB) avevano fatto irruzione negli uffici dell'università sequestrando dei documenti per investigare sulle accuse di frode. Un portavoce del FSB ha detto a OC Media che erano in corso interrogatori di testimoni.

Radzhab Radzhabov ha dichiarato a OC Media che era previsto che Aslan Radzhabov fosse rettore provvisorio dalla fine di aprile fino all'1 giugno, per sostituire un altro rettore temporaneo, Marina Magomedova, che era in vacanza. Ha poi affermato che Aslan Radzhabov occupa numerose posizioni in università, tra cui quella di professore associato, un ruolo che ricopre nonostante non possegga nessuna qualifica accademica. Radzhab Radzhabov ha inoltre fornito a OC Media una lista di impiegati salariati dell'università - assieme alle loro lettere di incarico dell'università – i quali erano assunti solo formalmente ma non tenevano alcuna lezione.

Mazzette per l'estensione dei contratti

Una professoressa dell'università che ha voluto rimanere anonima ha detto ad OC Media che l'università non ha ancora approvato i curricula dei singoli professori. A suo avviso questo è stato fatto in modo che l'amministrazione universitaria potesse ridistribuire le ore di lavoro a quelli che avevano pagato loro una mazzetta.

Ha inoltre rivelato le cifre in ballo: per ottenere un'estensione del contratto gli insegnanti part-time devono pagare 2.300 dollari, quelli full-time 4.600. "Non rinnovano il contratto a coloro che si rifiutano di pagare”, ha aggiunto.

Anche la riammissione di studenti precedentemente espulsi o il permettere il loro trasferimento sono favori che vengono “commercializzati” dall'amministrazione. La fonte anonima ha anche aggiunto che le elezioni previste per l'estate scorsa per un nuovo rettore sono state sospese in modo che "il gruppo attorno al rettore pro-tepore potesse continuare ad attingere dai conti correnti degli studenti".

Il dirigente del dipartimento degli standard educativi Radzhab Radzhabov ha detto che le elezioni del nuovo rettore si dovrebbero tenere in estate, ma che fino a quel momento nessuna riunione del Consiglio accademico era stata organizzata per creare la commissione elettorale necessaria.

Ha spiegato che l'elezione era originariamente programmata per il 2014 ma è stata ripetutamente posticipata. Nel 2015 era stata presentata una causa contro il precedente rettore dell'università, Magomed Abdulayev, per frode in merito alle  borse di studio concesse agli studenti.

Un portavoce dell'attuale rettore temporaneo ha detto ad OC Media che loro non erano competenti per rispondere alle domande sulle proteste o sul licenziamento degli insegnanti. Ha inoltre affermato che il telefono nell'ufficio del rettore non funziona. Aslan Radzhabov non era presente all'università per rispondere alle domande in merito alle accuse che gli vengono rivolte.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by