Plitvice - Arnie Papp/flickr

È uno dei luoghi naturali più preziosi della Croazia. Ciononostante è altamente inquinato a causa di malagestione e speculazione edilizia. Un punto sul Parco naturale dei laghi di Plitvice

10/01/2018 -  Tena Brnad

(Pubblicato originariamente su Lika Club e integrato con pubblicazioni WWF, selezionato e tradotto da Le Courrier des Balkans )

Il parco nazionale dei laghi di Plitvice è uno dei luoghi più visitati della Croazia. Ma il suo livello di inquinamento è allarmante. Se niente al riguardo verrà fatto, l'Unesco minaccia di espellerli dalla lista dei Patrimoni mondiali dell'Umanità.

A denunciare la situazione è stato Branimir Bunjac, deputato di Živi zid . I laghi, un insieme di 16 bacini collegati da 92 cascate o piccoli torrenti sono minacciati dall'inquinamento direttamente collegato ad un piano di sviluppo territoriale approvato nel 2014 dall'amministrazione locale a guida HDZ. Il piano ha permesso l'edificazione di nuovi edifici nel cuore del parco.

“Da allora sono stati concessi almeno 50 concessioni edilizie rilasciate, soprattutto, a magnati collegabili all'élite al potere. Individui a cui l'ambiente importa poco e che inquinano i laghi con le loro acque di scarto, le canalizzazioni e i pesticidi”, ha dichiarato Bunjac presentando un'analisi della qualità delle acque realizzata dall'Istituto croato per la salute pubblica.

Da quest'ultimo emergono dati allarmanti:

• L’acqua della cascata principale contiene 131mg/L di acque nere, benché non dovrebbe contenerne affatto;

• Le acque di superficie dei torrenti contengono 380 mg/L di acque nere e 10mg/L di batteri Escherichia coli;
• Le acque dei laghi contengono 840 volte in più detergenti di quanto permesso dalla legge;
• I laghi contengono 780 mg/L di acque nere quando il limite sarebbe fissato a 35 mg/L.
• I laghi contengono 3552 mg/L di sostanze chimiche, pesticidi, insetticidi ed erbicidi nonostante un limite autorizzato di 2 mg/L.
• Le acque del lago – con questi dati - non solo non sono potabili ma non vi ci si dovrebbero nemmeno risciacquare le mani;

Una situazione che rischia di costare caro al parco dei laghi di Plitvice e al loro inserimento tra i Patrimoni mondiali dell'Unesco. Lo ha annunciato recentemente l'Unesco, che aveva inviato una propria missione nel gennaio scorso in Croazia, ed era stata colpita dal livello di inquinamento e dalla passività a proposito mostrata dalle autorità croate.

Dalla visita della delegazione Unesco niente però è cambiato. Al contrario, nuovi permessi urbanistici sono stati rilasciati a favore, tra gli altri, dell'ex ministro per l'Ambiente e l'energia Slaven Dobrović. Da qui il monito dell'Unesco sulla possibile espulsione dalla lista dei patrimoni sotto tutela.

“La più preziosa perla naturale della Croazia è in pericolo” ha dichiarato Irma Popović, di WWF Adria “l'incontrollato crescendo di turisti e una serie di irresponsabili progetti edilizi stanno mettendo in pericolo l'unicità della natura e delle acque di Plitvice. Non possiamo permetterci di perdere quest'icona della natura croata e i molti posti di lavoro locali che dipendono da essa”.
 
Il WWF ha invitato il ministero per la Programmazione urbanistica ad iniziare a collaborare con quello per la Protezione ambientale e l'Energia per evitare, insieme, la distruzione dei laghi. Ha inoltre invitato il governo a lavorare assieme alle comunità locali per una comune - e sostenibile - gestione del parco.

Dal canto suo Branimir Bunjac denuncia che il destino che sta toccando a Plitvice rischia di essere quello di altre risorse naturali croate a seguito dell'approvazione della riforma della legge sulla gestione delle acque in Croazia, avvenuta l'8 dicembre scorso.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by