© Shutterstock

Cosa spinge i cittadini di alcune regioni del Caucaso del Nord a lasciare il loro paese per chiedere asilo in Europa? Le considerazioni sul fenomeno da un report dell'attivista per i diritti umani Svetlana Gannushkina

29/07/2019 -  Caucasian Knot

(Pubblicato originariamente da Caucasian Knot  il 16 luglio 2019)

“Le persone che chiedono asilo in Europa sono vittime di violenze domestiche e procedimenti penali illegali, oppure di persecuzioni religiose e la pratica di deportare cittadini del Caucaso settentrionale in Russia contraddice i principi del diritto internazionale” è ciò che afferma il rapporto preparato dall'attivista per i diritti umani Svetlana Gannushkina, di cui "Caucasian Knot" pubblica degli estratti.

Il rapporto "Perché i cittadini russi cercano asilo in Europa?" di Svetlana Gannushkina, leader del Comitato di assistenza civica, vuole "attirare l'attenzione delle autorità sulla migrazione verso i paesi dell'UE e sul fatto che la crescente campagna per rimpatriare i cittadini russi che chiedono asilo in Europa, non rispetta i principi del diritto internazionale", afferma il documento, presentato oggi [16 luglio 2019 n.d.t] dai difensori dei diritti umani in una conferenza stampa a Mosca. La relazione sottolinea in modo particolare il cambiamento nell'atteggiamento delle autorità europee verso i rifugiati a causa della "politica aggressiva in materia di migrazione e di propaganda delle forze politiche di estrema destra". In Germania, ad esempio, paese rimasto a lungo fedele ai rifugiati, c'è stata una "tendenza a sostituire l'estradizione con la deportazione", sottolineano i difensori dei diritti umani.

Il rapporto di 40 pagine si compone di cinque parti dedicate: alle violazioni dei diritti umani commesse dal regime del capo della Cecenia Ramzan Kadyrov, alla situazione delle donne nella repubblica, alle vittime di casi criminali inventati, alla persecuzione dei Testimoni di Geova e alla necessità per rifugiati russi di trasferirsi in Europa. Inoltre, la relazione presenta gli esempi di alcune persone vittime delle violazioni citate nel report.

Il problema della deportazione in Russia è rilevante per i cittadini ceceni, come illustrato dalla storia di Tumso Abdurakhmanov richiedente asilo in Polonia, trovatosi di fronte alla minaccia di estradizione alle autorità russe.

"Con grande difficoltà, proprio come risultato di una campagna internazionale molto attiva, è stato possibile impedire l'estradizione dalla Polonia alla Russia di Tumso Abdurakhmanov, un blogger che aveva duramente criticato il regime di Ramzan Kadyrov. Magomed Daudov, portavoce del parlamento ceceno, aveva dichiarato "vendetta" contro Tumso Abdurakhmanov, e ciò è una chiara prova della situazione preoccupante in una Repubblica della Federazione Russa...

Membri delle ONG russe Memorial e Comitato di assistenza civica hanno organizzato delle manifestazioni di protesta di fronte all'ambasciata polacca a Mosca. In anni diversi, entrambe le ONG avevano ricevuto dal ministero degli Affari Esteri polacco il premio Pro Dignitate Humana. Tuttavia, i funzionari dell'ambasciata polacca non hanno degnato di attenzione la manifestazione e si sono rifiutati di portare al ministero degli Affari Esteri polacco una lettera da parte dei due vincitori del premio Pro Dignitate Humana. “Dobbiamo supporre che questo è ora il normale rapporto tra funzionari delle autorità dell'Unione europea e la società civile in Russia?", si chiede Svetlana Gannushkina.

La fuga in Europa delle donne cecene perseguitate

Spesso donne provenienti dalla Cecenia cercano rifugio in Europa. "Fuggono da maltrattamenti, matrimoni forzati e, forse, prima di tutto, dalla tradizione di allontanare i bambini dalla madre in caso di divorzio o morte del marito. I difensori dei diritti umani si trovano a citare la situazione delle donne in Cecenia in quasi ogni rapporto sulle violazioni dei diritti umani in Russia", afferma Svetlana Gannushkina.

"A rivolgersi alle organizzazioni per i diritti umani sono spesso donne che hanno il forte timore di essere espulse dai paesi dell'Unione europea, dove hanno cercato asilo. La nostra esperienza mostra anche che i bambini, figli di separati e dati in custodia ai padri, non sempre sperimentano un buon trattamento. La nuova moglie del padre dei bambini può prendersela con i figliastri. In un caso abbiamo aiutato una donna, il cui suocero picchiava il figlio di quattro anni. Il bambino era impaurito, cercava di stare lontano da tutti gli uomini. Ha continuato a tenere stretta sua madre quando lei ha portato lui e la sorellina da noi a Mosca. La famiglia ha ottenuto asilo in uno dei paesi dell'UE. In caso di ritorno a casa, non solo la donna, ma anche il bambino sono a rischio di violenza fisica", afferma il rapporto.

Risulta inoltre chiaro che un trasferimento in un'altra regione della Russia "non cambierebbe nulla in una situazione del genere. Una donna con bambini non sarà accettata dai suoi parenti. Non sarà in grado di trovare un alloggio o un lavoro e non sarà in grado di richiedere alcun documento per l'iscrizione dei bambini a scuola o all'asilo. Se una donna cerca di fare una di queste cose, dovrà registrarsi al ministero degli Affari Interni, le informazioni sulla sua registrazione saranno trasferite in Cecenia e le persone da cui la donna aveva cercato di fuggire per proteggere i suoi figli, la troveranno immediatamente", ha riferito Svetlana Gannushkina.

I rifugiati sospettati di terrorismo

Gannushkina afferma che la campagna contro il terrorismo in Russia conduce talvolta alla costruzione di casi criminali. "È il modo più semplice per sconfiggere i concorrenti accusandoli di finanziare terroristi, complottare atti terroristici e partecipare ad ostilità fuori dalla Russia. Conosciamo molti casi di accuse di coinvolgimento nelle ostilità in Siria, rispetto alle quali gli imputati hanno inconfutabili prove che li scagionerebbero, come ad esempio di essere stati per studio o per lavoro in un altro paese nel momento indicato dagli investigatori", riferisce Svetlana Gannushkina.

"Facciamo un esempio che mostra la facilità con cui vengono fabbricate false accuse. Nel 2012, sotto gravi torture, un giovane nativo della Cecenia, chiamiamolo Ibragim, ha confessato di collaborare con formazioni armate illegali. Suo zio, un uomo d'affari, ha pagato un sacco di soldi per assicurarsi che suo nipote venisse condannato solo ad un anno di prigione. Ibragim fu liberato, ma un corpo di polizia ceceno non lo lasciava in pace. Veniva costantemente portato alla sede della polizia e le forze dell'ordine estorcevano denaro ai suoi familiari e lo minacciavano di tortura e di sottoporlo a un nuovo processo. I parenti hanno mandato Ibragim in Europa, ma non è riuscito a dimostrare di aver bisogno di asilo. È stato deportato in Russia. In Cecenia le forze dell'ordine hanno immediatamente iniziato a fabbricare un caso contro di lui con l'accusa di partecipare alle ostilità in Siria", afferma il rapporto.

Secondo Svetlana Gannushkina, a rivolgersi alle ONG sono spesso i parenti di giovani residenti nel Caucaso settentrionale, accusati di coinvolgimento nello "Stato islamico", un'organizzazione terroristica bandita dai tribunali russi.

“Nel 2015, abbiamo ricevuto un appello da Aslan Evloev, il padre di Rashid Evloev, estradato dalla Germania su richiesta della Russia per presunto coinvolgimento nelle ostilità in Siria.

Rashid aveva deciso di andare in Turchia per frequentare una scuola islamica e imparare l'arabo. I suoi genitori non avevano obiettato. Rashid partì per Istanbul e iniziò a studiare. Inoltre lavorava in una azienda mandando alcune cose ai genitori perché le vendessero nel loro negozio di famiglia. Dopo qualche tempo, un agente del FSB (il servizio segreto della Federazione Russa) si presentò in casa della famiglia Evloev riferendo che, secondo il FSB, Rashid stava combattendo in Siria nelle file dell'ISIL*... Aslan ha espresso la propria indignazione e presentato le ricevute delle merci spedite da suo figlio dalla Turchia, sulle quali era dichiarato che i pacchi provenivano da Istanbul, ma questo non ha aiutato... L'FSB ha continuato a convocare i genitori di Rashid e ha assicurato loro che i servizi speciali avevano informazioni accurate che Rashid stava combattendo in Siria.

Successivamente, Rashid Evloev è partito per la Germania con la speranza di ottenere asilo lì. È stato trasferito in un campo profughi ad Amburgo e ha iniziato la procedura per presentare la domanda per ottenere lo status di rifugiato, ma poi la Germania ha ricevuto una richiesta di estradizione dalla Russia che accusava Rashid di partecipare all'ISIL e dichiarava di aver avviato un procedimento penale contro di lui <...> Le prove documentali ricevute dalla Turchia per confermare che nel periodo indicato Rashid era in Turchia e non in Siria non sono state prese in considerazione. Nove mesi dopo Rashid è stato estradato in Russia", ha riferito Gannushkina.

Durante un processo, la corte ha ascoltato un testimone che ha effettivamente partecipato alle ostilità in Siria ed è stato per questo condannato a tre anni di reclusione condizionale. "Il testimone ha confermato di aver visto Rashid in Siria in un campo di militanti con una pistola in mano. Siamo a conoscenza di almeno tre casi in cui lo stesso onnipresente testimone ha affermato di aver visto altri imputati in circostanze simili. Rashid è stato condannato a 6 anni di reclusione. Non possiamo non rilevare che la parte tedesca non ha mostrato sufficiente attenzione per il caso di Rashid, nonostante le nostre richieste di assumere il controllo delle condizioni di detenzione di Rashid Evloev e della parte sostanziale del caso", dice il rapporto.

Le persecuzioni dei testimoni di Geova

Dopo che il 20 aprile 2017 la Corte Suprema della Russia ha definito il Centro amministrativo dei Testimoni di Geova** come un'organizzazione estremista, si è avviata in Russia una campagna di persecuzione dei Testimoni di Geova, denuncia Svetlana Gannushkina nella sua relazione.

"Come in altri casi in cui le organizzazioni vengono riconosciute come estremiste e persino terroristiche, al processo non erano presenti membri del Centro amministrativo dei Testimoni di Geova... Le decisioni sono prese su richiesta del ministero della Giustizia, sulla base di estratti di testi da cui è impossibile giudicare l'attività dell'organizzazione o la sua ideologia... La campagna di persecuzione si è acutamente intensificata nell'aprile 2018, quando perquisizioni e arresti sono iniziati in varie regioni e hanno colpito decine di credenti, molti dei quali sono diventati imputati in cause penali e sono stati tratti in custodia. All'inizio di maggio 2019, almeno 154 credenti risultavano perseguitati", afferma il rapporto.

Svetlana Gannushkina ha ricordato che il 6 febbraio scorso, nella città di Orel, il tribunale ha dichiarato colpevole il cittadino danese Dennis Christensen ai sensi dell'articolo 282, paragrafo 1, secondo comma, del Codice penale della Federazione Russa (organizzazione di attività da parte di un'organizzazione religiosa per la quale è stata presa la decisione di soppressione in connessione con la sua attività estremista) e condannato a sei anni di reclusione. "Nel 1994, per decreto del Presidente della Federazione Russa, i Testimoni di Geova sono stati riabilitati e riconosciuti vittime della repressione politica, ma ora i tempi oscuri stanno tornando", dichiara Svetlana Gannushkina, spiegando che dopo la condanna di Dennis Christensen il 6 febbraio la campagna di persecuzione dei Testimoni di Geova si è acutamente intensificata.

"Durante la conferenza stampa, i membri della comunità dei Testimoni di Geova hanno parlato di oltre 400 perquisizioni condotte nelle case dei loro colleghi. 160 persone sono state processate, tra cui circa 40 donne, e sono stati avviati casi penali contro 70 persone", ha dichiarato l'autrice del rapporto.

Caucasian Knot ha riferito di uno di questi casi in Kabardino-Balkaria, quando Yuri Zalipaev, capo della comunità dei Testimoni di Geova a Maisky, è stato accusato di incitare all'odio religioso e di istigare ad attività estremiste. Si è dichiarato non colpevole. In tribunale, un difensore dell'imputato ha dichiarato che i testimoni dell'accusa erano affiliati con le forze dell'ordine e un esperto in linguistica ha notato la differenza tra lo stile di discorso dell'imputato e le dichiarazioni a lui attribuite.

I membri dei testimoni di Geova i cui parenti considerano la loro fede un crimine e un'apostasia si trovano in una situazione ancora peggiore, osserva Svetlana Gannushkina, portando ad esempio la storia di una donna dell'Ossezia del Nord e di sua figlia. La donna ha dovuto trasferirsi per nascondersi dal suo ex marito, che perseguitava lei e la figlia con la pretesa che rinunciassero alla loro fede.

"Madre e figlia continuano a spostarsi da un posto all'altro, ma l'ex marito le trova sempre. L’uomo parla con loro per ore affermando che hanno scelto la via sbagliata e che devono cambiare il loro modo di pensare. Qualsiasi parola della figlia contraddica il suo discorso, provoca la sua rabbia e crudeltà. Tutti i nostri tentativi di trovare per le due donne un rifugio fuori dalla Russia non hanno avuto successo. Persino quando hanno provato a comprare un biglietto per un tour turistico è stato loro negato il visto", afferma il rapporto.

 

 

*Lo "Stato islamico" (IS, precedentemente ISIL) è stato riconosciuto come un'organizzazione terroristica e bandito dai tribunali russi.

**396 organizzazioni russe dei Testimoni di Geova sono state classificate come estremiste e le loro attività sono state vietate dai tribunali russi.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by