Durante le locali in Bosnia Erzegovina nel 2016 - Congress of local and regional authorities/flickr

Un quadro delle elezioni presidenziali e politiche che si terranno in Bosnia Erzegovina nel fine settimana

05/10/2018 -  Alfredo Sasso Sarajevo

La Bosnia-Erzegovina va alle elezioni del 7 ottobre dopo una campagna elettorale che lascia molti pronostici incerti e, soprattutto, tante incognite su quello che avverrà dall'indomani del voto.

Secondo gli analisti e gli ultimi sondaggi resi pubblici, nessuna delle tre corse per i seggi della presidenza collettiva sembra avere un chiaro favorito.

Tra i candidati bosgnacchi, i numeri darebbero Šefik Džaferović (SDA, destra identitaria conservatrice) in vantaggio rispetto al magnate dell'editoria Fahrudin Radončić (SBB, centrodestra secolare moderato). Ma gli analisti raccomandano cautela a causa del declino dell'SDA, partito colpito da scissioni e crisi di leadership. Mentre Radončić, che ama presentarsi come l'unico in grado di negoziare con le controparti nazionaliste serbe e croate, appare in crescita.

Tra i serbi, Milorad Dodik (SNSD, destra identitaria) e Mladen Ivanić (PDP, centro moderato) sono dati in testa a testa, in un fine campagna dominato dai rapporti con la Russia e dal caso di David Dragičević.

Per il membro croato, Željko Komšić (DF, centrosinistra) sarebbe sorprendentemente in leggero vantaggio rispetto a Dragan Čović (HDZ, destra identitaria).

Poiché i nazionalisti croati contestano Komšić come „non autenticamente croato“ in quanto otterrebbe principalmente i voti dei bosgnacchi, questo risultato potrebbe condurre all'ostruzionismo dei parlamentari dell'HDZ. Il vuoto normativo sulla legge elettorale nella Federazione di BiH, non ancora risolto dopo la dichiarazione di incostituzionalità dell'anno scorso, potrebbe contribuire allo stallo istituzionale.

L'attenzione mediatica si concentra sulla presidenza. Ma poiché la Bosnia Erzegovina è uno stato parlamentare e ampiamente decentrato saranno cruciali i risultati dell'assemblea statale e, soprattutto, degli organi delle due entità (Federazione di BiH e Republika Srpska), su cui non sono stati effettuati sondaggi attendibili.

Importante per gli equilibri dell' “etnocrazia“ bosniaca è anche la corsa per la presidenza della Republika Srpska tra Željika Cvijanović dell'SNSD e Vukota Govedarica dell'SzP, alleanza che raduna tutta l'opposizione anti-Dodik. Cvijanović parte favorita ma, secondo diversi osservatori, l'SNSD non ha mai rischiato tanto la propria caduta come in queste elezioni, dopo dodici anni di potere assoluto.

La campagna non ha certo generato entusiasmo popolare, né offerto dibattiti di qualità. Ci sono stati pochi comizi in piazza e sono stati scarsi gli accenni ai temi economici e all'emigrazione, una delle vere emergenze del paese. In compenso la quantità di manifesti affissi in ogni luogo nelle città è impressionante, con un risalto forte e qualche volta totalizzante su slogan e simboli identitari, o talvolta sui soli volti dei candidati. Si attende dunque il risultato dell'affluenza, che nel 2014 si era attestata sul 54.5%, un risultato basso ma in linea con gli altri paesi post-jugoslavi. Secondo un recente sondaggio- realizzato nella sola Federazione BIH - la partecipazione al voto sarà del 49%.

Resta inoltre aperta la questione della regolarità stessa delle elezioni. Nelle ultime settimane i media bosniaci hanno riportato alcune incongruenze nel processo, tra cui la differenza di 250.000 persone tra il numero di carte di identità valide (3.101.473) e il numero di votanti registrati (3.352.993), e denunce di irregolarità sul voto per posta dall'estero. Queste vicende accrescono i timori di brogli o persino di una sistematica frode elettorale. Sul voto vigileranno, tra gli altri, gli osservatori della missione internazionale OSCE/ODIHR e dell'organizzazione bosniaca Pod Lupom.


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!

I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by