La judoka Majlinda Kelmendi sarà la portabandiera del Kosovo a Rio 2016

La judoka Majlinda Kelmendi sarà la portabandiera del Kosovo a Rio 2016

La Jugoslavia partecipò a molte Olimpiadi, vincendo un record di 18 medaglie nel 1984. Ora gli stati successori hanno tutti speranze di medaglie, nonostante la loro giovane storia di partecipazione all'evento come stati indipendenti

04/08/2016 -  Natalia Kawana

I Balcani hanno subito molte trasformazioni geopolitiche, soprattutto nel secolo scorso. A causa di questo, nessuno dei paesi che appartenevano all'ex-Jugoslavia ha una lunga tradizione di partecipazione alle Olimpiadi come stati indipendenti. Ma tutti sperano, a Rio 2016, di aumentare il record di medaglie. Alcuni hanno partecipato nelle edizioni passate e vinto un paio di medaglie, altri hanno vinto una sola medaglia, la Bosnia non ne ha mai vinto una e il Kosovo partecipa per la prima volta quest'anno.

Slovenia

Con il suo record nazionale di 5 medaglie alle Olimpiadi estive del 2008 (Pechino), la Slovenia è partita per Rio de Janeiro con 60 atleti, presenti nelle seguenti discipline sportive: atletica leggera, ginnastica, vela, judo, canoa slalom, canoa sprint, ciclismo su pista, ciclismo su strada, tennistavolo, nuoto, pallamano, tiro a segno e triathlon.

Molti nella delegazione concorrono per la prima volta; tuttavia il Comitato Olimpico Nazionale si aspetta di vincere "almeno 6 medaglie", in particolare nel judo e canoa slalom e sprint, ribadendo i numeri di Pechino 2008. Anche se il numero di medaglie vinte dalla Slovenia nelle ultime edizioni non sembra alto di per sé, il medagliere colloca il paese tra le nazioni con il maggior numero di medaglie pro capite, senza dubbio un grande risultato.

Croazia

Con 84 atleti, Rio 2016 vedrà una delle più forti delegazioni croate di sempre, sperando di battere il suo record di medaglie, a Londra 2012 (6, di cui tre ori). Le sue speranze più alte si trovano nell'atletica leggera (soprattutto nel lancio del disco) e tiro a segno. Oltre a questi, la Croazia spera anche di vincere medaglie nella ginnastica artistica, canottaggio e taekwondo, e di ottenere buoni risultati nel polo e nella pallamano. Oltre a questi sport, vedremo la Croazia competere nel basket, pugilato, ciclismo su pista, tuffi, judo, vela, nuoto, tennistavolo, sollevamento pesi e lotta greco-romana.

Serbia

La Serbia ha partecipato alle Olimpiadi come nazione indipendente già nell'edizione del 1912 (Stoccolma), con l'invio di 3 atleti nell'atletica leggera. Nessuno di loro ottenne buoni risultati. Nelle successive edizioni, a causa degli intensi cambiamenti geopolitici nella regione, la Serbia ha partecipato come parte di unità politiche più grandi (Il Regno dei Serbi, Croati e Sloveni, e poi la Jugoslavia). Nel 1992, durante la guerra jugoslava, fu bandita dai giochi (sotto sanzioni Onu) e i suoi atleti parteciparono alle Olimpiadi come indipendenti, insieme al Montenegro. Dopo la fine delle guerre jugoslave, Serbia e Montenegro hanno continuato insieme per tre Olimpiadi estive (1996, 2000, 2004), prima come Repubblica Federale di Jugoslavia, poi come Serbia e Montenegro.

Solo a Pechino 2008 abbiamo visto di nuovo la Serbia come nazione indipendente. Londra 2012 ha visto la migliore performance del paese, con 8 medaglie, tra cui una d'oro. Ora si spera di battere questo record. Vedremo il paese nell'atletica leggera, pallacanestro, canoa sprint, ciclismo, judo, canottaggio, tiro a segno, nuoto, tennistavolo, taekwondo, tennis, pallavolo, pallanuoto e lotta libera, con 107 atleti. Per un elenco dei partecipanti serbi di Rio 2016, vai qui (in serbo).

Montenegro

Dopo aver condiviso il suo passato politico con la Jugoslavia e poi con la Serbia per un lungo periodo, il Montenegro ha gareggiato come una nazione indipendente nelle Olimpiadi estive per due volte, a Pechino 2008 e poi a Londra 2012. Ha ottenuto la sua prima e unica medaglia nell'ultima edizione, un argento dalla squadra femminile di pallamano. Ora sogna di più, competendo nell'atletica leggera, pallamano, judo, vela, nuoto, tennis e pallanuoto, con 34 atleti.

Macedonia

La Macedonia ha partecipato alle Olimpiadi estive per la prima volta nel 1996 (nel 1992, i suoi atleti hanno partecipato come indipendenti perché il loro comitato olimpico non si era formato in tempo). Ha partecipato ad ogni Olimpiade estiva tenutasi da allora, ma ha vinto solo una medaglia: un bronzo nella lotta libera, a Sidney 2000.

Quest'anno, i suoi 6 atleti si sfideranno nell'atletica leggera, judo, tiro e nuoto, sperando di aggiungere più medaglie dell'unico bronzo vinto finora.

Bosnia Erzegovina

La Bosnia Erzegovina ha debuttato come nazione indipendente alle Olimpiadi di Barcellona nel 1992. Il suo miglior risultato è stato un 6° posto nel tiro a segno, a Sidney 2000.

Quest'anno, la Bosnia Erzegovina partecipa nell'atletica leggera, judo, tiro a segno, nuoto e tennis. Due atleti sperano di entrare nella storia e vincere la prima medaglia olimpica della Bosnia: il corridore Amel Tuka e la judoka Larisa Cerić.

Kosovo

La Bosnia non è sola nella sua ricerca della prima medaglia olimpica. Rio è il debutto del Kosovo alle Olimpiadi, dopo che è diventato membro del Comitato Olimpico Internazionale, due anni fa. La sua più alta speranza per le medaglie è nel judo, con la portabandiera Majlinda Kelmendi, ma parteciperà anche nell'atletica, ciclismo, tiro a segno e nuoto.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by