Una delle pensioni di Gyumri - Armine Avetisyan

Una delle pensioni di Gyumri - Armine Avetisyan

La città armena di Gyumri, in Armenia, è diventata una meta di passaggio per molte persone provenienti dall'Asia Centrale. Turismo? In realtà sono lavoratori che hanno necessità di un passaggio "all'estero" per ottenere la riconferma del visto in Russia

10/09/2018 -  Armine Avetisyan

Gyumri, la seconda città armena, è diventata una località visitata da molti lavoratori originari dell'Asia centrale, in particolare di Tajikistan e Uzbekistan, emigrati in Russia. Gli impiegati delle pensioni low-cost confermano di avere ospiti centro-asiatici quasi ogni giorno. Rimangono uno o massimo tre giorni e se ne vanno velocemente. Persone che, in realtà, non arrivano a Gyumri per una vacanza, ma solo per ottenere nuovamente un visto in Russia.

Gyumri, rifugio per i lavoratori migranti

"Ho sentito parlare di Gyumri 10 anni fa, quando sono andato a lavorare in Russia per la prima volta. Facevo l'operaio. C'erano molti armeni, ho fatto amicizia con uno dei ragazzi di Gyumri, mi ha raccontato della sua città e io gli ho parlato di Dushanbe", racconta Sarkhat, 35 anni, del Tajikistan, alla sua prima visita a Gyumri.

Ma Sarkhat non è andato a Gyumri solo per una vacanza: doveva farlo. Lavora in Russia e la legge gli impone di attraversare il confine russo ogni quattro mesi per ottenere un visto di residenza.

"Dobbiamo attraversare il confine 3 volte all'anno, è piuttosto costoso. All'inizio tornavo a casa con grande piacere, facevo visita ai miei genitori, ma poi, superata la nostalgia e iniziato a fare due conti, ho capito che la maggior parte del denaro che stavo guadagnando andava sprecato sulle strade".

"Lavoro a Mosca da un anno. Al momento di attraversare il confine, ho preso un biglietto per l'aeroporto di Mosca-Khudjand, costa circa 16.000 rubli; Mosca-Dushanbe costa di più, circa 20.000. Khudjand dista circa 300 km da Dushanbe; è più economico e ci sono diverse opzioni. Ho speso circa 600 dollari per tornare a casa e sono rimasto circa cinque giorni. Bene, il viaggio è stato molto lungo ed oltre ad aver perso giorni di lavoro ho speso anche molto", racconta Sarkhat.

Gyumri andata/ritorno a 50 dollari

Alla fine del 2016, la compagnia aerea Pobeda ha iniziato a operare voli regolari tra Mosca e Gyumri, offrendo biglietti low-cost andata e ritorno, ad esempio, senza bagagli, a circa 50 dollari. I biglietti low-cost sono limitati ed è necessario prenotare in anticipo.

"Le relazioni russo-ucraine sono tese. In passato, i lavoratori migranti si recavano in Ucraina ogni tre o quattro mesi per poi tornare in Russia; ora vengono a Gyumri. Grazie a Pobeda, possono trovare biglietti a basso costo; anche la città è una destinazione economica dove è possibile trovare sistemazioni per una notte a buon mercato", spiega Gor Torosyan, direttore dell'agenzia "Gyumri tour".

"Molte persone rimangono solo una notte. E una notte a Gyumri non è costosa. Abbiamo pensioni dove il pernottamento costa 6-8 dollari a persona. Con questa somma si può affittare una camera da letto per 3-5 persone, con lenzuola pulite e articoli per l'igiene. Sono inclusi anche il bagno e la cucina con acqua calda e fredda", afferma Gor.

"I visitatori vengono a sapere della nostra pensione principalmente tramite Booking.com. Molti di loro ci apprezzano e ci raccomandano ai loro conoscenti", dice Karen Karlovich, vice direttrice della comunità polacca in Armenia e manager dell'ostello "Dom Polski".

La pensione era l'ufficio della comunità polacca a Gyumri. Dal 2016, parte dell'ufficio è stato trasformato in un ostello: tre stanze con dieci letti. Quell'anno il Papa visitò l'Armenia e la visita aumentò la domanda di posti letto.

"Sono arrivati molti polacchi ​​e c'era un problema con i pernottamenti. Il flusso di lavoratori migranti era già aumentato e sarebbero arrivati anche altri turisti. Ora, la vita nella nostra città 'morta' è più vivace. I tagiki e gli uzbeki non sono schizzinosi, vogliono solo che il posto sia sicuro", spiega Karlovich.

"Offriamo agli ospiti stanze piene dei colori di Gyumri. I lavoratori migranti alloggiano raramente qui, ma le nostre porte sono aperte a tutti", afferma Ani, la gestrice della pensione "Chalet Gyumri".

La pensione dispone di 3 camere per un totale di 9 posti letto. Non è low-cost. Un letto costa 10.000 dram [circa 18 euro], la camera intera 25.000 dram [circa 44 euro] per 3 letti in totale.

"I lavoratori migranti non rimangono più di una notte. Alcuni arrivano a notte fonda e se ne vanno subito al mattino", continua Ani, aggiungendo che con l'aumento della domanda a Gyumri nell'ultimo anno sono già state aperte altre quattro pensioni.

Lo sviluppo del business informale

"Abbiamo alcuni suggerimenti speciali per i tagiki e gli uzbeki che vengono per un giorno o due. Offriamo loro un tour della città, ma entrare in contatto con loro è complicato, dato che molti sono già organizzati", afferma Gor. "Anche se non abbiamo prove, ci sono voci secondo cui dipendenti dell'aeroporto e tassisti avvicinano i lavoratori migranti e offrono loro un alloggio per la notte da 800 a 1.500 rubli [da 10 a 20 euro circa]. Li convincono che non troveranno un'opzione migliore. Molti addirittura affittano una casa in zona aeroporto per questo business informale", spiega Gor.

"Sono venuto a Gyumri da Mosca. Ma io sono di Tashkent. Mosca-Tashkent-Mosca costa circa 400 dollari. Ho comprato il biglietto due mesi fa e sono venuto qui per 40 dollari, ora tornerò indietro. Passare una notte a Gyumri non è troppo costoso. Siamo venuti qui con 4 amici. Ieri, non appena siamo atterrati, un tassista si è avvicinato e ci ha offerto un appartamento per 80 dollari, per una notte. Siamo andati a vederlo ed era un posto molto carino. Oggi torniamo; ora siamo usciti per visitare la città", racconta Ruslan.

Ruslan aggiunge che anche molti dei suoi amici di solito affittano un appartamento.

"Resteremo una notte; l'importante è avere un posto pulito e un bagno, poter fare una doccia. Molti si preoccupano della sicurezza, ma io non ho queste paure, non ho nulla di prezioso con me di cui posso essere derubato o ucciso", scherza Ruslan.

A Gyumri - sottolineano questi lavoratori migranti che visitano l'Armenia solo per un giorno - non sono solo gli alloggi ad essere a buon prezzo, ma anche i trasporti pubblici e il cibo.

"Ho persino deciso di festeggiare l'anno nuovo a Gyumri. Mia moglie e mia figlia verranno a Mosca; da lì verremo a Gyumri. Faremo le vacanze e torneremo. Ho calcolato che per trascorrere circa 5 giorni qui, incluso il biglietto, non ci servono più di 800 dollari, il che non è affatto caro", dice Ruslan.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by