Una delle beneficiarie del progetto WOMEN

Una delle beneficiarie del progetto WOMEN

Il progetto WOMEN - Women of the Mountains Empowerment Network – a cui anche OBCT/CCI ha dato il proprio contributo, è stato selezionato dall’Unione europea per essere presentato come buona pratica agli European Development Days il 18 e 19 giugno a Bruxelles

13/06/2019 -  Samantha Lanzi

Gli European Development Days (EDD), istituiti nel 2016 dalla Commissione europea, rappresentano il principale forum europeo per la cooperazione e lo sviluppo internazionale. Gli EDD riuniscono i principali attori dello sviluppo, per condividere idee ed esperienze che possano ispirare collaborazioni e soluzioni innovative per portare uno sviluppo sostenibile e una vita dignitosa per tutti. Il titolo dell’evento di quest’anno è “Affrontare le disuguaglianze: costruire un mondo che non lasci indietro nessuno”.

Il progetto WOMEN, iniziato a gennaio 2016 e terminato il marzo scorso, è stato promosso dall’ong italiana RTM – Volontari nel mondo in collaborazione con “Qendra e Gruas Hapa të Lehtë” (Centro Donna Passi Leggeri), Fondazione Partnership For Development (PfD) e Albania News (media partner), con il sostegno finanziario di Unione Europea (main donor) e il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, Comune di Modena e Chiesa Valdese.

“Grazie al progetto WOMEN abbiamo capito

che possiamo realizzare ciò che sogniamo”

Sadije, Villaggio di Kryezi

L’intervento ha sostenuto, in aree rurali e remote del nord dell'Albania, le politiche nazionali volte alla tutela dei diritti delle donne, alla promozione dell’uguaglianza di genere e allo sviluppo locale attraverso il rafforzamento del ruolo di gruppi di base di donne originarie delle montagne della regione di Scutari, tra le aree più sottosviluppate dell’intero paese.

WOMEN è intervenuto su tre dei problemi principali che hanno le donne di queste zone rurali: profondo isolamento, limitate capacità in campo imprenditoriale e scarsa indipendenza economica.

Grazie al progetto le 250 donne che fanno parte dei 24 gruppi sostenuti hanno ricevuto formazione, sostegno finanziario e assistenza tecnica per avviare attività generatrici di reddito. Si è così riusciti a creare filiere locali, con protagoniste al femminile: a Koman ad esempio si è investito su allevamento, caseificazione permettendo poi ai prodotti di arrivare direttamente sulle tavole di un ristorante e di un bed and breakfast locali; a Qelëz si è favorita la coltivazione in serra, aumentando così le possibilità di reddito delle donne coinvolte ed allungando la stagione di coltivazione; a Iballë si è puntato sulla valorizzazione di tradizioni locali divenute ormai marginali come la tessitura: grazie ad un turismo in crescita l'artigianato di qualità sta recuperando un suo spazio, anche commerciale.

I buoni risultati ottenuti hanno fatto sì che l’Unione europea abbia selezionato il progetto, per essere presente con uno stand all’interno del Global Village. “Il progetto è stato valutato più volte ed ha sempre ottenuto giudizi positivi in particolare per quanto riguarda il suo impatto effettivo sui gruppi coinvolti e anche per il potenziale che ha anche di sostenibilità futura, caratteristica alquanto rara in progetti che si concentrano sui diritti umani”, hanno scritto i funzionari Ue come motivazioni della selezione.

OBC Transeuropa ha realizzato a conclusione del progetto un ampio videoreportage nel quale sono le stesse donne beneficiarie del progetto a raccontare cosa abbia significato WOMEN per loro.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by