sulla cittadinanza concessa da Tito

potete verificare gli atti del Parlamento Jugoslavo con cui vengono espulsi i cittadini tedeschi mentre viene concessa la cittadinanza a quelli italiani (caso unico in Europa). Cittadinanza accolta da 100.000 italiani di Istria e Dalmazia che ancora vivono lì ed ai quali vennero concessi anche importanti diritti in quanto minoranza riconosciuta (leggetevi il trattato di Osimo). Diritti che hanno mantenuto fino al 1989, poi non so se i governi nazionalisti di Tudjman e Jansa (allora finanziati e supportati anche da esponenti oggi nel pdl) li hanno soppressi, su questo confesso la mia ignoranza. PS: più che sposare un nazionalismo invece di un altro, sposo la verità storica. Francamente boutades come "italiani espulsi da Tito" o "civili innocenti uccisi solo perché italiani" non si possono sentire.