parte terza

Alla morte del presidente Drnovšek non avrei messo nessun appunto sul suo scritto se lei solo non avesse strumentalizzato soprattutto in alcune frasi come per esempio "nel 1992 Drnovšek entrò nella politica nazionale (falso - Drnovšek era entrato attivamente nella politica già negli anni e '80 ovviamente nell' unico partito esistente che però - da persona intelligente - aveva capito ormai gestito da un apparato "vuoto"e non ebbe remore ad entrare nel partito "liberale alla slovena" per prendere subito il potere qualche settimana dopo oppure nella frase "per la crisi e le scissioni nella coalizione nazionalista di governo, il Demos" (infangare così tutti coloro che avevano deciso di combattere la dittatura comunista dicendo che i cristiano- sociali, i democratici, il partito popolare ecc.ecc. siano tutti nazionalisti, sapendo che nei paesi ex-jugoslavi tutti i partiti xenofobi ed ultra nazionalistici sono sorti dalle ceneri di alcune costole (importanti) del partito comunista - mi semba quanto meno vergognoso e che denota ancora una volta la sua jugo-nostalgia , rispettata che però messa come la fa vedere Lei è molto difficile da comprendere da un lettore italiano che non conosce niente della Slovenia e non sa una parola di sloveno).
E siccome nel 2008 , credo, si possa commentare pacificatamente senza subire ritorsioni per questo, la ringrazio della comprensione e la saluto cordialmente.