Non abbastanza patriottica, questa l'accusa

Ho letto con attenzione e particolare interesse i commenti a quest articolo, e mi permetto di dire la mia. Innanzitutto mi rivolgo a HZ, che probabilmente non ha mia sentito parlare di diritto consuetudinario. Mlatko dice "L'intervistata è tanto shockata dalle sofferenze dei sloveni, croati e kosovari che dimentica il suo popolo serbo". Caro Mlatko, noto che hai capito poco o niente di quello che ha detto la Biserko. Infatti, lei dice che la separazione della Slovenia è stato uno shock per la sua generazione, cresciuta nella Jugoslavia unita a apparentemente indistruttibile. JS invece scambia l'informazione per propaganda antiserba. Radimiro invece supera tutti, perchè vuole "che venisse dato più spazio a personaggi serbi che hanno un senso patriottico, invece che alle solite Biserko, kandic ecc.., che fortunatamente rappresentano solo una piccola parte del succitato Stato". Radimiro, mi confondi! solo poco tempo fa mi hanno convinto che in Serbia sono più quelli disposti al dialogo, che ammettono colpe, dei patriottici! Milica mi deve spiegare dove la Biserko dice che " l'intervento era una giusta punizione perSrebrenica". Ivano, invece, scambia la Commissione dei Diritti Umani con la bomba nucleare!