Russi, Baltici, Balcanici

Caro Luigi, premesso che sono per a favore dell'integrazione dei Balcani tutti fino alla Moldavia (inclusa) sono piuttosto d'accordo con quanto dici ma fino ad un certo punto. Anzi proprio l'esempio delle repubbliche baltiche calza a pennello: per tutte e tre l'Unione rappresenta l'approdo storico, archetipico quasi (scusa il parolone) al seno dell'occidente, a cui sempre hanno reclamato di appartenere e il distacco dalla Russia e dal destino "asiatico" a loro sempre imposto ma da loro mai accettato. La questione è molto più profonda del solo interesse economico: l'UE è stato un passo fondamentale nel loro processo d'identità storica. Non vi sono mai (ma proprio mai, nemmeno nei momenti più controversi) dubbi in Lituania tra Germania e Russia, e stesso non dicasi per la Serbia, nemmeno oggi! Quello dei baltici è il caso paradossale in cui l'identità nazionale si esprime all'Interno dell'UE, e sorvoliamo pure sul fatto che il lettone medio sia mediamente più europeo dell'italiano medio.