Atentati

21. agosto 2009.

Delle persone sconosciute hanno attaccato ieri sera la ricostruita casa parrocchiale della Chiesa ortodossa serba a Prizren, nel Kosovo meridionale, lanciando dei sassi, minacciando e causando dei disordini, ha comunicato l'Eparchia di Raska e Prizren. L'Eparchia ha condannato severamente quest'attacco, un altro nella serie, contro i suoi monaci e contro i beni della chiesa, nonché tutti i tentativi di concludere il genocidio sul popolo serbo e di scacciare completamente i serbi dai loro secolari focolari, viene riportato nel comunicato. L'Eparchia chiede alla comunità internazionale di fare il possibile per sanzionare questi sgradevoli avvenimenti. La casa parrocchiale a Prizren non viene protetta dalla KFOR, ma dalla Polizia kosovara, e questo incoraggia gli aggressori a distruggere i beni della Chiesa ortodossa serba senza essere punti, ha comunicato l'Eparchia.