la terra degli 007

Sono un cittadino italiano che si è trasferito a Bucarest e in questa città vivo ormai da tre anni. Ho cercato di capire la Romania: mi sono documentato leggendone la storia, sia pure a livello medio, seguo i dibattiti politici in TV, capisco la lingua e la parlo im modo sufficiente. Ho fatto di tutto, insomma, per poter conoscere Romania e romeni con cognizione di causa.
Ma osservo anche la città, con la sua incuria, il disinteresse, l'inciviltà, l'aggressività degli automobilisti, l'indisciplina, la insopportabile mancanza di senso civico, la completa strafottenza rispetto alle regole di normale convivenza e rispetto del decoro ambientale.
Questo paese non cambierà mai, anche perchè non ha memoria storica, i giovani ignorano la loro storia passata e la loro situazione presente, le voci critiche in televisione sono poche e troppo flebili.
E, a proposito di tutti gli agenti segreti, poliziotti, spioni, ecc. ma perchè le autorità non ne buttano un po' in strada (riciclandoli nelle funzioni tipiche) per controllare il traffico, i parcheggi bestiali degni solo di una città mediorientale, i parcheggiatori abusivi in pieno centro, i venditori "sulla scatola di cartone" in piazza Uniri? E perchè non riciclarne altri, di questi spioni, per occuparsi dell'esercito di cani randagi nella capitale di un cosiddetto "paese europeo" come pomposamente i politici e la gente comune ama dire?
E a proposito di Unione Europea, secondo uno studio socio-economico svolto proprio in ambito dell'