Montenegro - Articoli

Montenegro: i prezzi in marchi e in euro

15/10/2001 -  Anonymous User

A partire da oggi tutti i locali e i negozi del Montenegro dovranno applicare i prezzi nelle due valute, ovvero in marchi e in euro. I prezzi espressi in due valute fanno parte della decisione che il governo ha preso circa una decina di giorni fa e che da oggi entra in vigore.
La doppia indicazione dei prezzi dei prodotti verrà applicata fino al 31 marzo 2002, quando l'euro diventerà la moneta ufficiale in Montenegro e quando verrà messo fuori corso il marco tedesco.
Il ministro montenegrino per il commercio, Ivan Raicevic, ha detto che tutti devono rispettare la parità che è stata concordata, un marco rispetto a 1,955 euro, e che è stata affermata dal Fondo monetario europeo. Secondo le sue parole, a partire dal 1 di dicembre, anche i registratori di cassa dovranno riportare i prezzi nella doppia valuta.
La conversione dei marchi in euro potrà essere eseguita presso la Banca Centrale del Montenegro e nelle altre banche di servizio. I cittadini potranno cambiare in ogni momento i marchi in euro, fino ad un valore di 10.000 marchi, mentre per conversioni di importo maggiore sarà necessario aprire un conto corrente presso una banca.


The educational system of Serbia in these last ten years

12/10/2001 -  Anonymous User

The system of education in Serbia (and in the present and former Yugoslavia as well) has always been something the locals have boasted about. Intended as a perfect blend of technical education necessary for certain job positions (found in the American system of education) and general-purpose subjects to breed real intellectuals (found in most European systems and in the Slavic tradition of education including Russia), Yugoslav education was indeed a source from which the prosperity of the nation and up to a point the country's fine international reputation stemmed. Or at least it was so until the late seventies, when the approaching dissolution of the country meant the imminent disruption of the joint education system, and its steady, but firm deterioration.
The seventies in the former Yugoslavia meant the abandonment of the system of general-purpose secondary schools, known as 'gimnazija' (roughly translatable as 'grammar school'). After the compulsory eight years of elementary school (age 7-14), talented children were no longer allowed entrance to these general education schools, whose primary purpose was to train those children who would undoubtedly enroll into universities upon graduation. The old system had therefore offered children the choice of these schools which opened up the way to the University, or the choice of technical schools which would train craftsmen, workers, accountants or civil servants. However, at least according to the enraged Serbian media at the time, it was upon the advent of the high Communist Party official from Croatia in charge of education, Mr. Stipe Suvar, in the early eighties that the entire system was turned upside down. The new system meant highly specialized secondary schools in all areas. After the first year of secondary education, common to all professions, children were asked to specialize for their desired profession as early as at the age of 15, in the second year of secondary school. Specialization was even narrower in the third and fourth years, which meant practically two or three different, highly specialized programs in each of the hundreds of secondary schools in the country. This lead to mass confusion among children, disappointment when they faced a number of additional examinations if they wanted to change their specialization, and an explosion of textbooks, many of which were to be used just in a couple of schools in the country. Prequalification of teachers was yet another problem, so that many math or technics teachers now had to teach computer science, while Marxist schools alumni were to give courses in the history of philosophy. The entire mess came to an end when Serbia decided to get back to its old (grammar school / technical schools) system in 1989, which turned out to be a good decision in the long run, although back then it was just one of the hard-line early-Milosevic moves to defy the federal authorities, and, especially to sweep away some Croat communists he had been at odds with, Mr. Suvar included.

Another problem of the former Yugoslav federation was the diversity of programs taught in different republics. The only thing in common was the number of years needed to get proper education (8 years primary school, 4 years secondary school, 4-6 years university). All the rest seems to have been different. The first major obstacle was that the country used three official languages (Macedonian, Slovenian and Serbo-Croat), and the last of the three had at least three officially recognized dialects. Both Cyrillic and Latin letter systems were allowed. Programs in social science and humanities were made up in such a way as to favour the particular majority nation in the area, albeit always in accordance with the prevalent communist ideology. However, even those general subjects, such as mathematics, physics or foreign languages, were taught according to different programs, since this was the jurisdiction of the Republic Ministries of Education and Federal Government had little or no influence on program making. This was a real nightmare for those children often moving house throughout the country (this turned out mainly to be kids of Yugoslav army officers). Some of them, today middle-aged persons, still claim this diversity meant they constantly had to adjust to new systems, so they believe their education had major flaws, some of which are still felt in their lives.
And then came the nineties. Nobody really knows the exact date when the former country broke apart, although the obvious period to look into was between June 1990 (when Croatia and Slovenia declared independence) and April 1992 (when Serbia and Montenegro formed the Federal Republic of Yugoslavia). The runaway republics had already adapted their programs to the changing conditions, and it turned out only Serbia and Montenegro were left with the entire burden of the former country, which included education. This lead to some funny situations, especially in the beginning. In the middle of the war in Croatia, history books still read of "brotherhood and unity of the Yugoslav peoples and national minorities", and long after multi-party system was established in Serbia, the same books still spoke of the "development of self-management and socialist democracy without numerous political parties, since that would not be suitable for our political system." Geography textbooks were changed instantly, in classes, since the country was now considerably smaller than before, and this meant that all the data was changed, including the info on the highest mountain, biggest lake, northernmost point etc. In practice, this meant that geography teachers used markers to lay out the borders of the new country, and thus adapt the big school maps carrying the proud title "Socialist Federal Republic of Yugoslavia". History teachers, themselves taught that, for example, Chetniks (remnants of Serbian Royal Army in World War Two, who fought Germans and Tito's Partisans) were butchers, counter-revolutionaries and traitors, now had to find a new framework to operate in, and most of them instantly moved from communism to stern nationalism (which meant - do not mention Croatia or Slovenia, in any positive context, in your tests, or else your grade might become considerably lower).

Wars were under way, the country was becoming poorer and poorer, and school programs changed little, if any. This brought about disillusionment in children, popular mockery of textbooks (with teachers blushing and not knowing what to do). Numerous strikes, demonstrations and rallies in the country had their effect on high school kids as well, so playing truant (often collectively) became one of the most popular school activities. Not a single opposition rally passed without avid (though unwanted) support of high school students. Many new-age millionaires still sent their kids to schools, which meant young upstarts openly mocking their impoverished teachers in classes, which soon opened up the way to corruption. This meant the decrease of criteria, with many semi-educated, or sometimes almost technically illiterate teenagers coming to universities. And universities have remained poor, as well. The former regime had a motto: "Send them to university in order to keep them off the streets". This resulted in thousands studying all over the country, with the government's regular decision to extend the list of admissions after entrance exams every year (the ratio was usually 1:4, meaning - if your department admits 50 students regularly, the government will make you admit at least 200). The consequence was the enormous number of students (sometimes with no classrooms to put them up), many of whom had about as much knowledge as to enroll in 6th or 7th grade of the primary school. Criteria for passing exams were decreased again, since the pressure to let them enroll into the next year of the studies came both from the Government ("always keep them off the streets! no need for demonstrators!") and from the parents who were unwilling (and often unable) to pay any additional years of their kids' studies. The peak of the mess came after the University Law of 1998 was passed in the Serbian Parliament. In practice, it made the Government the prime and ultimate controller of the University. After this act, Serbian universities were banned from all European High Education associations, and it was obvious the end could not be far away.
After October 2000, and the revolution in Yugoslavia, it has been obvious that any true reform must start with education. The Ministry of Education has had enough problems only with students from Kosovo (for political reasons, the University of Pristina is still active, though displaced in numerous smaller towns in south Serbia, but the oncoming school year opens up the way to many unanswered questions, especially those of security). In addition, the new school year means considerably smaller numbers of students, and higher fees for their education (though unpopular, this seems to be a necessary step, since Serbia cannot do with the alarming numbers of highly-trained 'experts' with university diplomas and virtually no vacancies). As for primary and secondary schools, programs have been revised again - the new 8th grade history, covering the period 1915-present, mentions the events of the last ten years in 3 pages only, without a single name printed (Milosevic included). Primary and secondary school kids have another subject to cover this year - they may choose between 'Religious Education', a highly controversial compromise by the government to the Serbian Orthodox Church, and 'Civic Education', a kind of study of human rights and institutions of modern civic society. Religious education, here known as 'veronauka' (literally, the 'science of faith') will be taught by priests of one of the five most widespread religions in the country (according to the children's' and parents' preference). Arguments for this subject are 'return to our roots and tradition which would have saved us all the harms of the previous 50 years'. Arguments against are obsoleteness, contrariness to the scientific frame of mind otherwise favoured in schools, and the possible discrimination to atheists and members of smaller religious groups. What will turn out of the latest attempt of politicians' poking into Serbian education, remains to be seen.

In general, however, things seem to be looking up. Whether the Serbian education will return to its roots, or it will follow the footsteps of the developed EU countries, it is certain that in charge of it today are some people far more tolerant, rational and responsible than those who covered the entire former country with blood in the previous decades.


Montenegro: aggiornamenti sul caso 'Nacional'

27/09/2001 -  Luka Zanoni

L'ex partner del controverso businessman Stanko Subotic Cane, Srecko Kestner, ha informato il settimanale croato "Nacional" di essere pronto ad aiutare la commissione parlamentare montenegrina incaricata di far luce su quanto "Nacional" aveva scritto nel maggio di quest'anno. Ci si ricorderà che il settimanale di Zagabria aveva in un lungo articolo (seguito poi da una serie di altri articoli e da un'intervista di venti pagine rilasciata dallo stesso Kestner) spiegato le relazioni tra il presidente del Montenegro Milo Djukanovic e la mafia balcanica impegnata nel traffico di sigarette. Secondo quanto affermato da Srecko Kestner, "Djukanovic è ancora il principale protettore politico del contrabbando di sigarette" che si effettua con i camion della ditta "Zetatrans". Secondo le parole di Kestner il denaro guadagnato con il contrabbando del tabacco si "lava" tramite la Banca di Credito o la banca Atlas di Podgorica, che sono "di proprietà di Milo e di Aco (fratello del presidente. N.d.T.) Djukanovic e di alcuni loro partner". Kestner non solo ha dichiarato di essere stato testimone alla consegna di una borsa piena di denaro portata nel gabinetto di Djukanovic, quando era primo ministro, dal defunto Vanja Bokan, ma ha aggiunto inoltre che la scorsa settimana ha ricevuto una lettera dal gabinetto del consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Djukanovic, Vukasin Maras, nella quale è stato avvertito che con le sue dichiarazioni a Nacional "ha offeso molte persone in Montenegro" e che egli "si deve preoccupare per la propria sicurezza".
La commissione, composta da più partiti politici, si è già riunita diverse volte senza tuttavia ottenere alcun risultato, tranne l'aver constatato che della lista di nomi che la commissione ha invitato alla collaborazione nessuno si è fatto sentire, mentre altri hanno fornito informazioni insufficienti. Il presidente della commissione parlamentare Vuksan Simonovic ha infatti dichiarato che suddetta commissione ha già esplicitamente invitato Kestner, ma egli non ha risposto. Oggi Kestner dichiara di essere pronto a testimoniare se sarà interrogato in Svizzera, dove principalmente vive, oppure in Croazia, ed è anche pronto a dire tutto davanti al tribunale, mentre non ha alcuna intenzione di rilasciare dichiarazioni o prove, di quanto ha precedentemente affermato per Nacional, al MUP (Ministero dell'Interno) montenegrino perché è "sotto l'assoluto controllo di Djukanovic". Simonovic ha aggiunto allora che durante la quarta commissione proporrà che si possa fare anche questo sforzo anche che se Kestner non risponderà per iscritto riguardo le accuse contenute in Nacional, e poi proporrà che un gruppo vada da lui per parlare prescindendo dal fatto che si trovi in Svizzera o a Zagabria. La prossima seduta della commissione parlamentare proseguirà il 16 ottobre.


Montenegro: la commissione per il referendum e le pressioni occidentali

25/09/2001 -  Luka Zanoni

La tensione politica in Montenegro sembra sempre più alta. La scorsa settimana la delegazione montenegrina non si è presentata al cospetto di Kostunica, facendo così saltare l'incontro previsto e organizzato dallo stesso presidente federale, con l'intento di definire i rapporti tra la Serbia e il Montenegro. Kostunica indispettito ha inviato ieri una lettera a Djukanovic, Vujanovic, Djindjic e Pesic nella quale rivolgendosi ai funzionari montenegrini scrive: "sembra che abbiano deciso di chiudere gli occhi di fronte alla realtà e di prendere una strada più tortuosa, difficile e incomparabilmente più costosa, ovvero la via del referendum" (Vijesti 25-9). Kostunica si riferisce in particolare alla seduta tenutasi ieri al Parlamento montenegrino, durante la quale è stata presa la decisione di formare una commissione per la creazione di una nuova legge sul referendum.
La commissione è stata proposta ed accettata dai partiti che compongono il governo di minoranza: DPS, SDP e LSCG, ossia il partito del presidente Djukanovic, i Socialdemocratici e il Partito Liberale. Insieme a questi si è trovato anche Ferhat Dinosa della DUA (Unione Democratica Albanese), mentre i membri della coalizione "Zajedno za Jugoslaviju" (Insieme per la Jugoslavia), ovvero l'SNP di Predrag Bulatovic, l'NS di Dragan Soc e il Partito Popolare Serbo (SNS), hanno abbandonato la seduta (la coalizione pro-Jugoslavia ritiene infatti primaria la definizione dei rapporti tra le due repubbliche che compongono la Federazione, e crede che solo in un secondo tempo si possa preparare la legge sul referendum e il referendum stesso).
La commissione composta da due rappresentati di tutti i partiti parlamentari avrà il compito, nell'arco di 15 giorni, di preparare e di consegnare al Parlamento la proposta della nuova legge sul referendum. Secondo il portavoce del DPS, Igor Luksic, "più volte gli appartenenti alla coalizione pro-Jugoslavia sono stati invitati alla formazione di tale commissione, purtroppo però i posti loro riservati ieri al parlamento sono rimasti perlopiù vuoti" (Vijesti 25-9).
Invece secondo il vicepresidente del SNP, Zoran Zizic, la decisione di dare il via alla commissione per il referendum, conferma la prova che il DPS non ha intenzione di procedere con il dialogo. Zizic in sintonia con la coalizione "Insieme per la Jugoslavia" ha insistito sulla formazione di un governo di concentrazione, accordo che era stato in parte formulato durante l'incontro tra Bulatovic e Djukanovic a Podgorica nel mese di agosto. La reazione di Zizic è racchiusa in queste parole "formate voi la commissione senza l'opposizione e vedrete cosa vi diranno gli ambasciatori degli Stati Uniti e della Gran Bretagna che arrivano domani a Podgorica" (Vijesti 25-9).
È risaputo infatti che le diplomazie occidentali non hanno mai visto di buon occhio la secessione del Montenegro. Infatti alcune speculazioni riguardanti la visita dell'ambasciatore inglese, Charles Croford, e di quello statunitense William Montgomery, a Podgorica vertono proprio sulla pressione che i due eserciterebbero sul Montenegro al fine di condurlo ad un dialogo con Belgrado.
Croford che si è incontrato ieri con i rappresentati del Partito Liberale e con il presidente del NS, Dragan Soc, mentre l'incontro con il presidente del SNP ha preceduto di poco la seduta parlamentare, ha dichiarato che l'Occidente non ha nulla contro il referendum per l'indipendenza del Montenegro, ma ha sottolineato che la maggioranza a questo referendum deve essere significativa. Secondo le parole dell'ambasciatore inglese: "il mondo non ha creato problemi durante la creazione della Slovenia indipendente perché la maggior parte della popolazione ha voluto l'indipendenza" (B92, 25-9), mentre dopo le ultime elezioni in Montenegro di certo non si può dire la stessa cosa. Infatti le scorse elezioni montenegrine, che in parte hanno funto da banco di prova per determinare il desiderio popolare di indipendenza, hanno dimostrato che gli indipendentisti arrivano a mala pena al 50% dei votanti.
In un'intervista per il quotidiano montenegrino "Dan", Croford ha ripetuto che l'Occidente vede la soluzione degli attuali problemi nella regione in uno stato unitario e ha valutato che è possibile creare un accordo strategico tra il Montenegro e la Serbia. Secondo Croford per la Federazione di Jugoslavia è molto importante che si risolva soprattutto il problema dei debiti esteri, affermando che la lentezza delle riforme crea una certa insicurezza e instabilità politica.


Serbia e Montenegro: un dialogo difficile

20/09/2001 -  Luka Zanoni

Da un episodio recente, sulla base delle opinioni di alcune fonti giornalistiche Luka Zanoni fa il punto sul difficile rapporto tra Serbia e Montenegro.


FRY: Serbia e Montenegro si preparano al cambio in Euro

17/09/2001 -  Anonymous User

La campagna "L'Euro è un nuovo Marco tedesco" è iniziata oggi in Serbia e durerà fino al 1 febbraio 2002. Il cambio delle valute correnti nazionali dei paesi della UE inizierà in Serbia il 1 gennaio, e la Banca nazionale di Jugoslavia ha già ottenuto 276,5 milioni di Euro da offrire ai cittadini. Il governatore della banca nazionale Mladjan Dinkic ha affermato che "se necessario la banca centrale sarà pronta a chiamare quantità addizionali della valuta europea". Dinkic ha aggiunto che il cambio potrà essere svolto attraverso 2,500 uffici dislocati nel paese. Un lieve disagio è stato notato nella popolazione durante gli ultimi mesi, da quando si è saputo che la più comune valuta straniera in Serbia, il marco tedesco, sarà fuori corso. Il cambio è atteso con qualche apprensione, grazie anche al fatto che manca una fiducia nel sistema bancario jugoslavo dopo il crollo devastante e le frodi piramidali nel 1990. Una certa apprensione riguardo l'imminente sostituzione del Marco con l'Euro viene riscontrata anche in Montenegro. Dal primo gennaio 2002 infatti anche il Montenegro adotterà l'Euro come moneta ufficiale. Lo ha annunciato il primo ministro montenegrino Zarko Rakcevic. La banca nazionale montenegrina ha dichiarato che attualmente nel paese circolano 200 milioni di marchi tedeschi. In accordo con le tendenze dei 12 dell'Unione Europea, entro marzo tutti i marchi saranno ritirati.
Il Montenegro, a differenza della Serbia, già da circa tre anni adotta come moneta ufficiale il marco tedesco al posto del dinaro. Tuttavia per le medesime ragioni su esposte, ovvero una motivata sfiducia nei confronti del sistema bancario, i cittadini sono disorientati e piuttosto riluttanti nei confronti del nuovo corso. Oltretutto durante le prime dichiarazioni ufficiali sembrava che il cambio da marchi a euro potesse essere fatto senza problemi presso gli sportelli delle banche, e ciò fino ad una somma massima di diecimila marchi senza alcuna provvisione e senza denuncia del proprio capitale. Le ultime notizie, pubblicate la scorsa settimana dai quotidiani montenegrini (Vijesti, Blic Montenegro), accennavano invece ad una riduzione a 5.000 marchi della somma massima di cambio senza provvisioni. Mentre i possessori di somme di denaro più cospicue stanno pensando di investire negli immobili, per non scoprire e denunciare la propria reale posizione di capitale, vendendo le proprietà a cambio avvenuto. Forti sospetti esistono inoltre riguardo la possibilità di ripulire il denaro sporco, accumulato con traffici illegali, dalla locale criminalità organizzata.


Reazioni da Serbia e Montenegro sugli attentati negli USA

12/09/2001 -  Anonymous User

In Serbia e Montenegro sdegno e solidarietà agli USA. Ma si ricordano anche i bombardamenti della Nato...


Quali prospettive per il turismo in Serbia e Montenegro?

11/09/2001 -  Anonymous User

I cittadini di Serbia e Montenegro non possiedono le risorse economiche sufficienti per potersi permettere di trascorrere le vacanze nei loro paesi, che dunque si ritrovano ad accogliere in prevalenza turisti provenienti dall'Europa Occidentale, dagli Stati Uniti e, in qualche caso, dalle regioni più vicine dell'Asia. E' quanto emerge dai due recenti approfondimenti condotti dall'Osservatorio sui Balcani che spiega come i costi per i trasporti ed il soggiorno non siano accessibili per la quasi totalità delle famiglie di Serbia e Montenegro. Le due regioni balcaniche attirano però, e in numero sempre crescente, i visitatori occidentali richiamati dalle straordinarie bellezze naturali: se l'instabilità politica di Serbia e Montenegro ancora oggi rappresenta in qualche caso un deterrente per i turisti europei e statunitensi, è presumibile che con il normalizzarsi della situazione interna il flusso di visitatori subisca incrementi anche consistenti ed apra interessanti prospettive di crescita. I cittadini serbi e montenegrini dovranno invece attendere che si sblocchi la negativa congiuntura economica, e dunque diversi anni, prima di potersi permettere le vacanze sulle superbe montagne e le splendide coste di casa loro. Intanto la Croce Rossa di Belgrado ha organizzato nello scorso mese di agosto una breve vacanza al mare per i bambini più poveri.


Revocato l'embargo armi alla Yugoslavia

11/09/2001 -  Anonymous User

Il consiglio di sicurezza dell'Onu ha revocato alla Jugoslavia l'embargo sulle armi che durava da tre anni. Con questa risoluzione l'Onu ha preso atto delle aperture al dialogo mostrate dal governo di Belgrado verso la comunità kossovara albanese, concretizzatesi con il ritiro delle unità speciali di polizia e la conclusione delle attività di polizia contro i civili. La risoluzione richiede alla Yugoslavia di permettere l'accesso al Kossovo ai gruppi umanitari e alle rappresentanze diplomatiche. Inoltre la Yugoslavia dovrà accettare e facilitare le missioni dell'OSCE e dell'Acnur. Si terrà in questi giorni in Ungheria un convegno sul traffico di armi leggere nelle regioni del sud-est Europa a cui parteciperà anche l'Osservatorio sui Balcani.


Montenegro: militari e politici sulla vicenda di Cakor

06/09/2001 -  Luka Zanoni Kotor

Sono giunte anche da ambienti militari reazioni alla vicenda di Cakor, in cui un boscaiolo di 20 anni è rimasto ucciso e il suo compagno gravemente ferito. Il quotidiano montenegrino DAN del 30 agosto scorso ha riportato le dichiarazioni del Generale Maggiore Momcilo Radevic, aiuto comandante della Seconda Armata dell'Esercito jugoslavo. Durante una pubblica assemblea tenutasi nel villaggio di Ubli, Radevic ha dichiarato ai 400 partecipanti che "nei pressi di Plav e Gusinj si combatte contro i terroristi ogni giorno", ma ha anche precisato che l'incidente avvenuto il 24 agosto a Cakor è dovuto ad una rapina e non ha nulla a che vedere con attività terroristiche. Per cui, secondo la dichiarazione di Radevic, nella zona che non viene chiamata frontiera ma bensì "linea amministrativa" tra Kosovo e Montenegro, i casi di incidenti tra l'Esercito Jugoslavo e i cosiddetti terroristi albanesi sarebbero all'ordine del giorno. Radevic però è stato immediatamente smentito l'indomani - 31 agosto - dal portavoce dei Servizi di Informazione del Comando della Seconda Armata dell'Esercito Jugoslavo, il quale ha dichiarato che "non esistono indizi circa la presenza di gruppi terroristici nella zona della linea amministrativa col Kosovo, nei pressi di Plav e Gusinj". Il dibattito rimane comunque aperto, visto anche il rifiuto dei membri del MUP (Ministero degli Interni) a fornire qualsiasi altra informazione ai giornalisti di Vrijeme che hanno scritto della vicenda sul numero uscito il 31 agosto.
La smentita ufficiale del Comando militare viene riportata anche dal quotidiano Dan in un brevissimo articolo del 31 agosto, mentre invece viene dedicato un ampio spazio alla polemica riguardante la possibilità che venga eliminato il punto di controllo - situato a Karaula - alla "frontiera" col Kosovo. La questione pare preoccupare in particolar modo i cittadini della zona, che hanno inscenato una protesta contro lo smantellamento del punto di controllo, perché questo li diminuirebbe il livello di sicurezza dei residenti nell'area circostante esponendoli agli attacchi dei "terroristi". La questione relativa alla presunta poca sicurezza dei punti di frontiera, ha avuto una certa eco anche in ambienti politici. Secondo quanto ha riportato il 30 agosto il quotidiano Danas, il presidente del Montenegro Milo Djukanovic si è incontrato il giorno precedente con il presidente dell'Unione democratica albanese - Fuad Nimani - e col presidente del Partito popolare serbo (SNS) Bozidar Bojovic, Da quanto è stato riportato dal gabinetto del DPS (partito di Djukanovic) i partecipanti all'incontro hanno riconosciuto la necessità di intensificare il dialogo tra tutti i soggetti politici del Montenegro, nell'ottica del mantenimento della stabilità interna e quindi perseguendo accordi multietnici che coinvolga tutta la repubblica montenegrina. Nimani ha voluto anche rispondere alle precedenti dichiarazioni di Dragan Koprivica - portavoce del Partito Socialista Popolare SNP - secondo il quale il Montenegro potrebbe rischiare lo stesso destino della Macedonia, asserendo che "spaventarsi di 42.000 albanesi, quanti sono appunto in Montenegro, è assurdo". Sempre riferendosi a Koprivica, ha inoltre ribadito che dietro ad affermazioni come le sue si cela l'intenzione di creare nella comunità internazionale l'impressione che in Montenegro esiste già una "situazione difficile", e che quindi organizzare il referendum abbia perso di senso.


Montenegrini e albanesi, convivenza a rischio o semplici giochi politici?

04/09/2001 -  Luka Zanoni Kotor

Mentre in Macedonia e' iniziata l'operazione di raccolta delle armi dei guerriglieri albanesi, in Montenegro e' salita la tensione e la paura che questi ultimi possano spostare in questa parte dei Balcani un nuovo conflitto interetnico. Tutti i quotidiani montenegrini, in questi ultimi giorni di agosto, riportano in prima pagina la situazione di alta tensione sviluppatasi dopo l'incidente della scorsa settimana nel nord del paese, presso il villaggio di Cakor, nel comune di Plave. Il villaggio di Cakor, nei pressi di Plav, si trova molto vicino al confine con il Kosovo, a circa una quarantina di chilometri da Pec.
Il 24 agosto un gruppo di lavoratori stagionali dei servizi forestali, originari della Bosnia, e' stato attaccato da tre uomini vestiti di nero e col capo coperto da un cappuccio. Come confermano i testimoni oculari i tre uomini parlavano albanese ed erano armati. Dopo aver chiesto ai lavoratori la consegna della motosega che stavano utilizzando e il tentativo di questi di darsela a gambe, i tre uomini armati hanno sparato alcuni colpi d'arma da fuoco. Un ragazzo di 21 anni, Nenad Markovic, e' rimasto ucciso, mentre il suo compagno, Damljen Bozic di 25 anni, e' stato ferito piuttosto seriamente. I tre uomini armati se ne sono poi andati convinti che entrambi i ragazzi fossero morti. La ricostruzione dell'accaduto e' stata fatta dal ragazzo sopravvissuto e da un altro lavoratore che ha assistito alla scena e che sembra sia stato maltrattato dai tre uomini mascherati. Ancora non e' ben chiaro il motivo per cui i tre uomini hanno aperto il fuoco contro i boscaioli, sta di fatto che la tragedia ha suscitato una forte preoccupazione sia tra i cittadini della regione dove si e' verificato l'incidente, che in tutto il Montenegro.
Il timore che possa accadere un conflitto sul tipo di quello macedone o della Serbia meridionale viene alimentato anche dai media locali. Tra i partiti Politici,l'SNP e' tra quelli che credono all'esistenza di "piani segreti per una totale dominazione degli albanesi in Montenegro". Come riporta il quotidiano Vijesti (28-8) in prima pagina, il portavoce del SNP, Dragan Koprivica, ritiene che il Montenegro potrebbe godere dello stesso destino riservato alla Macedonia. Secondo Koprivica i molti turisti di nazionalita' albanese giunti quest'anno in Montenegro non sono solo semplici turisti. Molti comprano case e pianificano una dominazione del Paese. L'SNP non perde tempo nel rinfacciare al governo di non riconoscere tale possibilità e chiede le dimissioni della presidentessa della Camera, Vesna Peovic (Partito Liberale).
Decisamente differenti sono le reazioni del partito di governo, l'SDP. I socialdemocratici, per voce del vicepresidente Ranko Krivokapic, ritengono che gli albanesi non abbiano mai manifestato l'intenzione di dividere il Montenegro. Krivokapic ha aggiunto, inoltre, che il Montenegro e' un ambiente sicuro per tutti coloro che desiderano viverci e lavorare. Il paese, secondo il vicepresidente dell'SDP, e' pronto a scusarsi con coloro che sono rimasti vittime dei conflitti, ma al tempo stesso e' anche pronto a perseguire coloro che gettano odio tra la gente. Parole rassicuranti provengono anche dal ministro per la difesa dei diritti dei gruppi etnici e nazionali, Gzin Hajdinaga. Il ministro ha, infatti, rigettato la possibilita' dell'estensione del conflitto dalla Macedonia al Montenegro, affermando che gli albanesi in questo paese sono fedeli cittadini. Hajdinaga ha ribadito che non esiste alcuna informazione riguardo la premeditazione di un attacco di albanesi kosovari verso il Montenegro e ha aggiunto infine che gli albanesi "cercano di ottenere i propri diritti solo attraverso le istituzioni legali" (Vjiesti 28-8).
Nonostante ciò, una certa preoccupazione tra i cittadini per la propria sicurezza rimane. Soprattutto in quei comuni come Plav e Murino, molto vicini alla frontiera col Kosovo. Secondo quanto riporta il quotidiano "DAN" (28-8) parecchi abitanti ortodossi avrebbero, durante gli ultimi mesi, venduto le proprie abitazioni ad acquirenti di fede musulmana, per scappare dal pericolo imminente. Tuttavia come spiega il sindaco di Plav, Orham Rezepagic, in tutto ciò non vi e' nulla di strano e poi gli appartamenti (del valore di circa 1.000 marchi al metro quadro) non vengono venduti per la paura o per la difficolta' della convivenza interetnica, bensì si tratta di appartamenti che un tempo erano statali. Secondo il sindaco di Plav non esiste alcun problema di carattere etnico. Di parere decisamente contrario e' il presidente dell'OO SNP di Plave, Branislav Otasevic, che ritiene la vendita degli appartamenti una causa diretta della paura che i cittadini provano riguardo la propria sicurezza e la possibilità che possa accendersi un conflitto tra la popolazione di nazionalità differente. La cosa più probabile rimane tuttavia la vendita degli appartamenti per motivi personali, come la ricerca di un luogo migliore, con ovvie maggiori possibilità di lavoro e occupazione. Come si potrà intuire, spesso sono i media e i partiti che li sostengono, che tendono ad enfatizzare ed esasperare la situazione, alimentando la paura e i sentimenti di rivalsa tra la popolazione. Da tempo infatti gli albanesi vivono in Montenegro, soprattutto in quei luoghi di confine con il Kosovo e l'Albania. Vero e' che durante le scorse elezioni presidenziali (1997) molti albanesi votarono per Djukanovic e tuttora molti albanesi appoggiano l'idea indipendentista della coalizione di governo. Pertanto e' forse proprio per questo che il maggior partito di opposizione l'SNP appunto, strilla a viva voce il pericolo di una Grande Albania e la totale destabilizzazione del Montenegro.
Un'ultima nota riguardo questa questione viene offerta dal numero del 17 agosto del settimanale Monitor, il quale riporta una ampio articolo proprio sulla paura che si sta sviluppando nel paese e sui connessi sentimenti anti-albanesi. L'equipe di Monitor che ha svolto il reportage nelle zone abitate dalla popolazione albanese, quali Plave, Gusinje e Ulcinj, non sembra aver trovato alcuna traccia dei terroristi, ma piuttosto una normale situazione di convivenza tra montenegrini e albanesi. Così per alcuni la presenza degli albanesi e' insidiosa e viene percepita come fonte di minaccia, mentre per altri non crea affatto alcun problema. I giornalisti di Monitor hanno deciso di fare questo sopraluogo dopo che i quotidiani "Glas Crnogoraca" e "DAN" avevano pubblicato alcuni articoli riguardanti l'esistenza di graffiti sui muri indicanti la presenza dell'UCK. Di queste scritte l'equipe di Monitor non ha trovato alcuna traccia, ciò che invece i reporter hanno visto, nella parte nord del paese, e' stata una scritta sul muro che dice "questa e' Serbia", mentre nei pressi della moschea un'altra scritta dice "questa e' turca". Le tensioni anti-albanesi sembrano pertanto una sorta di montatura (e cosi' vogliamo sperare!), che si verificano in particolari momenti di incertezze politiche, alla vigilia delle elezioni per esempio o durante decisioni politiche di un certo rilievo. In questi giorni e' in corso un serrato dibattito tra il governo e l'opposizione, in particolare tra il presidente Djukanovic e il leader dell'SNP Bulatovic, sulla definizione della legge per il referendum sull'indipendenza del Montenegro.
Occorre infine considerare che ad alcuni la presenza di turisti albanesi ha dato particolarmente fastidio e come dice un edicolante di Ulcinj: "per alcuni terroristi e turisti sono la stessa cosa, solo che siano albanesi". Purtroppo però dopo l'incidente a Cakor la situazione potrebbe anche compromettersi ulteriormente, minacciando una convivenza pluriennale. Speriamo si sia trattato di un semplice episodio isolato che non avrà ulteriori conseguenze e sviluppi.


Summar time in Serbia and Montenegro - 1° parte

15/08/2001 -  Mihailo Antović

Global warming seems to have had a double impact on Serbia in the recent years. On one hand temperatures have literally risen in the previous five years so much that the assumption is that the until-now moderate climate throughout Serbia is to become Mediterranean in a couple of years. Additionally, the heated political climate, filled with wars, political instability and poverty has made life around here almost unbearable for most of the population. Vacation - a rather normal, and throughout the year much anticipated event in any stable part of the world - only brings about more nightmares to many Serbs.


Summer time in Serbia and Montenegro - 2° parte

15/08/2001 -  Anonymous User

According to the estimates of the Serbian government about one third of citizens in Serbia is living in poverty, and over than 750 000 citizens in their best years are unemployed. On the other hand, it is possible to find the same number of citizens actually employed, who again live on the fringes of existence. There are approximately one and a half million pensioners living in Serbia, and again a little bit more than a million and a half in actual employment. Therefore the estimate is that there are 1,4 employees to one pensioner, a statistic which demonstrates high dependency. Further to this, when we consider the 600 000 refugees, it is not hard to define the social situation in Serbia as unpromising.

Offers

However, a lot of Serbian people somehow manage to afford going to the sea and most often it is the Montenegrin coast which they visit. The largest travel agency in Serbia, Yugoslav Airline Transport, offers many proposals every year where it is possible to pay in dinars even though the official currency in Montenegro is DEM (Deutsche Mark). The cheapest accommodation, in the peak season from 21- 31 July, for one person for 10 days is 269 DEM in Budva, whilst the most expensive is 1125 Dem in Milocer. It is quite a lot of money, when knowing that an average salary in Serbia is not more than 200 DEM. Hence it is much more cheaper for Serbian people to go to private accommodation. A bed in a private accommodation costs 10 to 15 DEM per night. By doing that a lower price for rooms is paid and by arranging their own meals they spend less money (often they eat sandwiches or biscuits. These tourists are called by a common name "tomato tourists").
Still the most common means of transport is the car. Therefore there are a lot of car accidents, because most of the drivers are tired of poverty, and the problems they confront each day. Sometimes they are even hungry, because it is not enough eating sandwiches and tomato and driving at least 600 km. The trauma people still suffer due to the last decade of dictatorship is still present. Some other causes of frequent accidents are overcrowded roads, old cars, routes in very poor condition and bad discipline of the drivers.
There are of course people from Serbia who spend their holidays in Greece or Turkey. Mostly those are young people who come from rich families. One quite strange thing very vivid in Serbian society is that a small group of rich people (businessmen, etc.) does not find the time to rest whereas the poor majority, with financial problems, actually does go on holidays. This is quite a paradoxical situation. In mid-August, for example, it was not possible at all to find any free rooms by going to the agencies. Everything the agencies were offering was full until after August 25. No special programmes for foreign tourists were offered this year by Belgrade tourist agencies. The price was the same for them but they cold not book anything from their country of origin. Notwithstanding all these problems, the Montenegrin coast is full of tourists, which was not the case in the previous few years. Then, people were afraid of conflict, sometimes of NATO, and sometimes of the possibility of sudden civil war emerging in Montenegro.

Destinations

One can also find a small group of people travelling to the Croatian coast. Here it would be good to remind oneself that besides the fact that Milosevic is not ruling any more and Serbia is becoming open to the West and the rest of the world, it is still very hard to get a Croatian visa, because this relationship is still not renewed, and the shadow of the recent war is still present in the minds of the people. These people visiting Croatia are mostly people who have relatives there or have Bosnian or Croatian passports (refugees). Nowadays, besides the fact that the relationship between Serbia and Montenegro, as we know it, is not so friendly as it traditionally used to be, it is not an obstacle for Serbian people to visit the beaches of Herceg Novi, Kotor, Tivat, Budva, Sveti Stefan, Petrovac, and Bar. The situation in Macedonia also helped the number of tourists in Montenegro as it is not possible, at the moment, to travel safely to Greece by car. Since democratic changes in Serbia after October 5 2000 a lot of aid and donations have been coming to Serbia from abroad. This summer there were many projects to help children go to the seaside, the mountains, or somewhere else. One of these projects was run by the Red Cross, Belgrade which organized summer holidays during August for children coming from poorer families. The value for this kind of programme was put at 1.3 million dinars (DEM equals 30 dinars). This summer a lot of foreigners came to Montenegro Riviera. These foreigners, besides Cheks and Slovaks came mostly from the former Yugoslav republics of Slovenia, Macedonia and even Croatia. Ulcinj, the town on the very South of the Montenegrin coast, recorded the best tourist season ever. During July it was recorded that over 100 000 visitors spent their holiday on the Ulcinj Riviera. Employees in tourist services stated that in Ulcinj and its surrounding area there were around 60 000 visitors from Kosovo. Some newspapers published stories that Hasim Taci, one of the Kosovo Albanian leaders, was holidaying on one of Ulcinj' s beaches. Besides the dominant presence of tourists from Kosovo, there are also people from Bosnia and Herzegovina, Albania, Novi Pazar (a town in Sandzak, the southern part of Serbia where the majority of the population is of ethnic Bosniak (Muslim) background). Russians, Checks and Slovaks also visited Ulcinj.Ada Bojana, however, once a famous nature haven, is not any more what it used to be and no more foreign tourists come there. It is actually the first year that people, especially those coming from FRY, are a little bit less tense. A new trend that shows how a residue of war memories are still floating in the air. Pictures of some war criminals, like General Mladic, sunbathing on Budva's Riviera were published, for example. There are some cultural events that bring a little bit of glamour to the picture of the overcrowded Montenegrin coast, with its problems of drinking water among others. Maybe the best example would be the 15th Budva Festival, famous for its numerous performances, theatre plays, concerts, etc. It starts on July 1 lasts for 51 days. It unites artists, not only from Montenegro, but also from Serbia and other foreign countries. Also in Ulcinj, a book fair was held between August 8- 13, which promoted 5000 titles in Albanian. The situation is certainly more optimistic this year than it was in the last decade. The Montenegrin coast was never so full of tourists. However not so many tourists from abroad came. Only foreigners from the former republics of Yugoslavia, who themselves felt nostalgia and now finally lived a moment passing the Croatia- Montenegro border not free of fear. The divisions are still visible however: Albanians and Bosnians stay in Ulcinj, while Serbs, Macedonians and Serbs from Republic of Srpska stay in the northern points of the Montenegrin Riviera.

Vai alla prima parte


Montenegro: un viaggio da odissea

01/07/2001 -  Anonymous User

Il viaggio che dal nord Italia ci ha portato in Montenegro è stato qualcosa di catastrofico, con oltre trenta ore tra ritardi, attese e quant'altro. A dire il vero l'odissea è iniziata già al porto di Ancona. Davanti all'ufficio della questura locale ci aspettava una coda interminabile di persone, in attesa del controllo passaporti. Dopo circa mezz'ora di coda la fila si è divisa in due: da un lato i cittadini UE e dall'altro tutti gli altri. Purtroppo non mi sono accorto subito del fatto, e senza farci caso mi sono incolonnato nella fila dei cittadini UE. Mi sono ritrovato davanti al poliziotto, arrogantemente chiuso nel suo gabbiotto, con due passaporti in mano, uno UE (il mio) e uno non UE (di mia moglie). Ha accettato il mio passaporto italiano e ha rimandato mia moglie a rifare un'ora e mezza di coda, facendoci constatare che le difficoltà affrontate negli anni passati per poter viaggiare insieme esistono ancora, e confermando ciò che il Sindaco di Sarajevo aveva dichiarato pochi mesi fa nel suo intervento a "Civitas", sull'esistenza in Europa di cittadini di serie A e cittadini di serie B.
All'arrivo al porto di Bar, dopo un'attesa di circa quattro ore, fermi, immobili, sotto un sole cocente, un uomo in abito bianco - un ufficiale sanitario - ha invita tutti a disinfettarsi le mani e piedi con una sostanza viscosa. Chiediamo spiegazioni, e ci viene risposto che si tratta di una normale profilassi contro alcune forme virali. In particolare si tratterebbe di alcune malattie trasmesse dagli animali, tra le quali ha nominato Afta e altre malattie di cui non ho mai sentito parlare.
Sia alla discesa dalla nave, sia durante il tragitto in macchina verso nord, ho notato che quest'anno la polizia è più tranquilla e permissiva, e lungo la strada non abbiamo trovato alcun posto di blocco. Finalmente, verso le nove di sera siamo arrivati a Kotor. La città era completamente al buio, a causa di un black out che ha lasciato tutti senza energia elettrica per una manciata di ore. Qui ormai la gente non ci bada più di tanto, perché rimanere senza energia elettrica è diventata parte della routine quotidiana. Non va molto meglio nemmeno con l'acqua, che manca regolarmente dalle undici del mattino alle tre del pomeriggio, per poi essere riconcessa fino alle sette di sera e nuovamente tolta fino alla mattina successiva. Ma non ci si deve sorprendere, perché in Montenegro tutto questo fa parte della norma. Anche la situazione dell'agricoltura è pessima a causa della siccità. Non piove da circa due mesi e la vegetazione è completamente secca, grazie al sole che batte feroce portando la temperatura a 40 gradi durante il giorno e di notte non scende mai al di sotto dei 30 gradi.
Tuttavia sembra che la stagione turistica proceda molto bene, erano anni che non si registrava una presenza così alta di turisti, come risulta anche dalle dichiarazioni di uno dei più grandi proprietari alberghieri della zona - Nenad Bjelobrkovic. Molti sono arrivati anche dall'Albania, ed è la prima volta in dieci anni che si vedono numerose automobili con la targa "AL", sigla automobilistica internazionale di quel paese. Anche sulla nave in partenza da Ancona si notava la forte presenza di albanesi - il 90% del totale dei passeggeri - anche se molti di loro possedevano passaporto Jugoslavo. Quasi tutti gli albanesi sbarcati con noi si sono diretti a Ulcinj - città montenegrina al confine con l'Albania - dove c'è una forte presenza della minoranza albanese del Montenegro, da cui si capisce il motivo delle indicazioni bilingue usate dalla maggior parte degli esercizi commerciali.
Secondo dati emersi dalle agenzie turistiche tutti gli alberghi della costa montenegrina hanno raggiunto il pieno grazie anche all'arrivo di turisti dalla Serbia, dalla Bosnia Erzegovina, dall'Ungheria, dalla Cecoslovacchia e dalla Slovenia.


Articolo

28/06/2001 -  Anonymous User

Il presidente del Partito popolare socialista (SNP) del Montenegro, Predrag Bulatovic ha annunciato che il Comitato principale di questo partito, durante la seduta che probabilmente avrà luogo lunedì, deciderà se il primo ministro federale Zoran Zizic e altri sei membri del Governo federale che provengono dal SNP consegneranno le dimissioni. L'SNP offrirà comunque l'appoggio alla DOS per un governo di minoranza.
Nella dichiarazione per la TV montenegrina la sera dell'altro ieri, Bulatovic non ha formalmente detto che il Comitato principale accetterà la restituzione del mandato da parte del primo ministro e dei ministri federali, ma ha sottolineato che tale decisione "arrotonderà la posizione politica" che l'SNP ha avuto dall'inizio riguardo la collaborazione con il Tribunale dell'Aja, e che il Comitato principale si incontrerà con la difficile questione su quali sono le ragioni per non accettare le dimissioni.


Formato il nuovo governo montenegrino

20/06/2001 -  Anonymous User

L'Assemblea parlamentare montenegrina ha eletto ieri i nuovi ministri del governo di minoranza del premier Filip Vujanovic. Il neo governo consta di 16 ministeri e tre vicepresidenti di governo. Questi ultimi saranno Dragan Djurovic (DPS) per il sistema politico, Zarko Rakcevic (SDP) per il sistema finanziario e Branislav Gvozdenovic per il sistema economico.
Branko Lukovac sarà il nuovo ministro degli esteri, Miroslav Ivanisevic ministro delle finanze, Milutin Simovic all'agricoltura, Zarko Micovic alla salute, Jusuf Kalamperovic ministro dell'urbanismo e traffico. Il ministero dell'Interno (MUP) è andato a Andrija Jovicevic, il ministero dell'energia a Darko Uskokovic, quello del turismo a Predrag Nenezic, l'istruzione e la ricerca a Predrag Ivanovic, il commercio a Ivan Raicevic, la cultura a Branislav Popovic. Il ministro del lavoro e degli affari sociali andrà a Dragisa Burzan, quello della giustizia a Zeljko Sturanovic ed infine a Gezim Hajdinaga il ministero per la protezione dei diritti degli appartenenti alle minoranze etniche e nazionali.
Nella nuova composizione governativa il DPS (Partito dei socialisti democratici) avrà 15 ministeri, l'SDP (Partito socialdemocratico) tre e Lukovac (ministro degli esteri) come unico non appartenente ad alcun partito.
Il Parlamento montenegrino ha inoltre eletto, con la maggioranza dei voti, Rifat Rastoder dell'SDP come vicepresidente del Parlamento.
Secondo le parole del Premier Vujanovic il primo passo del governo sarà la realizzazione di un dialogo con l'opposizione. "È necessario convincere tutti che le nostre questioni statali saranno risolte con il volere della maggioranza democratica dei cittadini. Il governo inoltre dovrà affrontare sin da ora i rapporti con la Serbia e proporre un nuovo modello di relazioni tra i due paesi, intesi come due stati indipendenti".
Vujanovic ha dichiarato che il governo continuerà nella collaborazione con la comunità internazionale e che sarà pronto a sottoporre a controllo internazionale tutti i traffici di merci e denaro.
Secondo il premier montenegrino l'occasione migliore per lo sviluppo del paese è data dalla privatizzazione delle due grandi aziende pubbliche "Duvanski Kombinat" e "Telekom", che si dovrebbero realizzare entro l'anno. Ma anche il turismo e l'agricoltura rientrano nelle possibilità strategiche di sviluppo.
Nella seduta odierna dell'Assemblea verrà affrontato, invece, dell'affare "Nacional" e della "mafia del tabacco".


I liberali sostengono il governo montenegrino

19/06/2001 -  Anonymous User

La presidentessa del parlamento montenegrino Vesna Perovic, ha dichiarato che il Partito Liberale, del quale è funzionario, sosterrà il governo montenegrino di minoranza soltanto per quanto concerne il referendum sullo status giuridico della Repubblica. Vesna Perovic ha detto che i Liberali "non chiuderanno gli occhi su tutte le altre cose che il governo farà".
Il nuovo governo del Montenegro, che dovrebbe essere eletto oggi, nella seduta del parlamento repubblicano, unirà il Partito socialdemocratico e il Partito democratico dei socialisti, i membri della coalizione pre elettorale "Pobjeda je Crne Gore" (La vittoria è del Montenegro), che alle elezioni parlamentari di aprile hanno conquistato il maggior numero di voti. La vittoria elettorale di tale coalizione non è stata sufficiente per formare il governo di maggioranza, così è stato fatto un accordo post elettorale con il Partito Liberale, che dovrebbe entro un anno offrire il sostegno al governo di minoranza del DPS e del SDP. La presidentessa del parlamento ha detto che il Partito Liberale cercherà di essere sempre al corrente del lavoro del governo, al fine di impedire un cattivo uso del sostegno di tale partito.


La fabbrica di caramelle

05/05/2001 -  Davide Sighele

Le conseguenze della guerra e della dissoluzione della Jugoslavia sulle imprese di stato. Un reportage pubblicato dalla rivista Questo Trentino e ripreso da Osservatorio Balcani e Caucaso


Il variegato nord del Montenegro

21/04/2001 -  Davide Sighele

Dove, malgrado tutto, la convivenza resiste. Un reportage dal Montenegro pubblicato dalla rivista Questo Trentino e ripreso da Osservatorio Balcani e Caucaso


Ritornare in Kosovo?

07/04/2001 -  Davide Sighele

La pulizia etnica continua. Stavolta contro i serbi, con la compravendita delle case. Un reportage pubblicato sulla rivista Questo Trentino e ripreso da Osservatorio Balcani e Caucaso


Fotografie

24/03/2001 -  Davide Sighele

Come la guerra ha cambiato il paesaggio. E le persone non ritrovano più se stesse.Un reportage dal Montenegro pubblicato sulla rivista Questo Trentino e ripreso da Osservatorio Balcani e Caucaso


Milovan Gilas e le nuove generazioni

24/02/2001 -  Davide Sighele Berane

Quando nuovi confini imprigionano sogni e aspirazioni. Un reportage dal nord del Montenegro pubblicato dalla rivista Questo Trentino e ripreso da Osservatorio Balcani e Caucaso


14 gennaio, primo giorno dell'anno

27/01/2001 -  Davide Sighele

Da ricorrenza religiosa (il Capodanno ortodosso) a occasione di agitazione politica (il Capodanno serbo). Un reportage dal Montenegro pubblicato dalla rivista Questo Trentino e ripreso da Osservatorio Balcani e Caucaso


Rudes containers

13/01/2001 -  Davide Sighele Berane

Tra i profughi serbi dal Kosovo. Un reportage dal nord del Montenegro pubblicato dalla rivista Questo Trentino e ripreso da Osservatorio Balcani e Caucaso


Tetka Lola

23/12/2000 -  Davide Sighele

Montenegro: povertà, degrado e gli occhi dei giovani rivolti all’Europa. Un reportage dal Montenegro pubblicato dalla rivista Questo Trentino e ripreso da Osservatorio Balcani e Caucaso