La voce dell' altra parte

Vedo che siete tutti d' accordo. A questo punto pero' sentite anche l' opinione dell' "altra parte". 1) I politici greci non vogliono in nessun caso l' ascesa del nazionalismo nella FYROM, perche' cosi' la risoluzione del problema sara' molto ma molto piu' difficile. 2) La Grecia NON vuole imporre ai cittadini della FYROM come si devono chiamare o cosa devono essere. Vuole solamente far capire che non sono da soli nei Balcani e che ci sono anche alcuni cittadini greci che si sentono rappresentati nell' eredita' culturale degli antichi Macedoni. Nessuno puo' monopolizzare il nome. La zona geografica che 2000 anni fa apparteneva all' antico regno(se questo regno era "greco" o altro non interessa a questo punto) oggi e' divisa tra 3 stati nazionali balcanici diversi. Lo ripetero' fino alla nausea. I Balcani sono sempre stati una regione del mondo con molte osmosi interetniche ed interculturali. State presentando la Grecia come un cattivo e potente gigante che vuole opprimere la FYROM. Non e' cosi'...