Riprendiamo un chiaro e scorrevole articolo concernente l'attuale situazione in Macedonia, scritto da Georgi Gotev e pubblicato nella versione in lingua bulgara dal quotidiano "Sega" l'1 ottobre. Il testo, in forma riassuntiva, si sofferma su tutte le questioni principali che investono in questo momento la Macedonia: dalla fine della missione "Essential Harvest", alle pressioni internazionali per far sì che vengano implementati gli accordi di Ohrid del 13 agosto, dalla smobilitazione dell'Uck al suo ingresso come forza politica, senza trascurare di fornire alcuni dettagli riguardo la presenza internazionale e il futuro assetto del Paese. Un articolo utile per chi in quest'ultimo periodo non ha seguito le vicende della Macedonia, per altro poco o per nulla visibili sulla stampa italiana.
La versione che presentiamo è stata pubblicata in lingua italiana dalla mailing list Notizie Est, che ringraziamo per la gentile concessione.(Articolo)

03/10/2001 -  Anonymous User

Riprendiamo un chiaro e scorrevole articolo concernente l'attuale situazione in Macedonia, scritto da Georgi Gotev e pubblicato nella versione in lingua bulgara dal quotidiano "Sega" l'1 ottobre. Il testo, in forma riassuntiva, si sofferma su tutte le questioni principali che investono in questo momento la Macedonia: dalla fine della missione "Essential Harvest", alle pressioni internazionali per far sì che vengano implementati gli accordi di Ohrid del 13 agosto, dalla smobilitazione dell'Uck al suo ingresso come forza politica, senza trascurare di fornire alcuni dettagli riguardo la presenza internazionale e il futuro assetto del Paese. Un articolo utile per chi in quest'ultimo periodo non ha seguito le vicende della Macedonia, per altro poco o per nulla visibili sulla stampa italiana.
La versione che presentiamo è stata pubblicata in lingua italiana dalla mailing list Notizie Est, che ringraziamo per la gentile concessione.(Articolo)


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!