Mai stranieri a casa propria.

I Serbi debbono rifiutarsi di parlare lo schipettaro-albanese. Quel territorio appartiene ancora alla Serbia (vedi risoluzione Onu 1244) e quindi non puo' essere imposta loro una lingua straniera. Sarebbe come che in Italia, in certe zone ormai invase da musulmani, per compiacere certi personaggi di centro-sinistra, dovessimo per forza parlare l'arabo o le nostre donne portare il velo. Ci sono forze politiche, vedi i Radicali in Serbia (che per fortuna non hanno alcun legame con quelli Italiani) e la Lega-nord, che si oppongono con ogni mezzo alle conseguenze devastanti della globalizzazione selvaggia, ma sono purtroppo sole contro tutti. Se non volete che in futuro piu' o meno prossimo, anche noi diventiamo "stranieri in casa propria", sarebbe il caso che gia' dalle prossime elezioni Regionali, cominciamo a fare la scelta giusta, almeno nel segreto dell'urna. Meditate, gente meditate.