per DD

Voglio esser illuso nella bonta' dell' ignoranza di questo commento, percio' caro DD no, non si sono svegliati e in un "bel mattino deciso di bombardare la mini Jugoslavia (Serbia e Montenegro). La non firma dell' ultimatum di Ramboullet (e non gli Accordi) da parte serba che rappresentava il governo di Milosevic ha dato il via ai barbari bombardamenti. Sacrosante le parole dell' adolescente che incontrai in aprile ad Aleksinac, davanti le macerie delle case familiari distrutte: "Soltanto i vigliacchi bombardano di notte!".
Milosevic rappresentava la maggioranza del popolo che non ha mai voluto piegarsi nella sua storia. L' articolo 18 sottoposto all' ultimo momento (Thaci stava abbracciando la Allbright nell' altra stanza"blunk prevedeva che le truppe USA potevano scorazzare per tutto il territorio della mini Jugoslavia, senz apoter sottoporre a nessun giudizio (cosi' come in Italia).
Ma la distruzione della Jugoslavia era da prima pianificata. Tito ammoniva dicendo: Non dobbiamo temere nessuno se rimarremo uniti". La Jugopslavia e' stata squartata anche con l' aiuto delle forze reazionarie piu' nere. Particolarmente dopo la morte di Tito. Il New York Times" pubblico alla vigilia del 29 novembre (FESTA della REPUBBLICA SOCIALISTA DI JUGOSLAVIA!), ripreso poi dal Tempo e La Stampa l' articolo: La CIA ha detto la Jugoslavia esistera' per ancora 18 mesi. Non sono esclusi scontri bellici. La responsabilita' sara' addossata a S. Milosevic!
Ma la distruzione della Jugoslavia e' s