risposte II

... perchè è del tutto ovvio che elementi della popolazione locale abbiano partecipato alla pulizia etnica contro gli albanesi durante i bombardamenti. Molti di quelli che sono oggi profughi in Serbia e altrove hanno bruciato le case ai vicini e si sono uniti ai paramilitari. La reazione albanese al ritorno, da giugno 2009, è stata terribile, il mio primo anno in ks è iniziato ad agosto 20009, ho visto coi miei occhi. Non discuto i termini morali. L'obiettivo di riconciliazione è un obiettivo etico superiore, e ci stanno lavorando serbi, albanesi, altre minoranze e internazionali, da anni ormai. Sono convinto che le parole siano armi, è anche vero che questi post sono brevi e si può essere fraintesi, a volte.
Progressi: pochi ma sostanziali e in crescita. I serbi hanno iniziato a muoversi con maggiore libertà, e la maggioranza delle enclaves non sono più sorvegliate dalla Nato. Il serbo si parla liberamente in tutto il kosovo senza rischi (grazie ai bosgnacchi) e si studia a scuola...