E la scoietà civile dov'è?

E' anni che si (non parla) di questo argomento. Non mi sorprende che a livello governativo si cerchi di insabbiare la questione. Ma la società civile italiana dov'è? Tutti i volontari, con cui ho avuto a che fare per anni in quelle terre, perché non alzano la voce? Almeno per difendere il proprio diritto di sapere, di conoscere la verità e quindi sapere se in quelle liste "a rischio" ci siamo anche noi...perché voi dell'Osservatorio non aprite uno spazio dove ci possiamo mettere tutti in lista e scrivere un appello? Al nostro governo, all'Unione Europea, a chi DEVE rispondere della responsabilità di ciò che i bombardamenti con proiettili all'uranio impoverito stanno causando e causeranno. Facciamolo anche per il futuro, per l'Iraq e per tutti i prossimi - sic - paesi sui quali continueremo a lanciare "caramelle" al veleno...