Beni italiani nazionalizzati in Croazia

La casa costruita da mio nonno nel 1910, è stata nazionalizzata da una legge di Tito del 1974. Non ci è stata mai tolta, nonostante diversi tentativi, non siamo più proprietari, ma lo è il Comune di Verteneglio, Istria al quale paghiamo le dovute tasse. Questa casa si trova in località Karigador, sul mare, tra Umag e Novigrad. Il Comune sta ora cercando di togliercela definitivamente onde poter vendere l'immobile per far cassa. Non siamo nè profughi, nè esuli: abbiamo sempre abitato la nostra casa, con le mie sorelle ed i cugini. Non capisco perchè la Croazia che aspira a diventare membro dell'U.E. non si decida a rendere giustizia con la restituzione della proprietà della casa in questione ai legittimi proprietari, eredi naturali del costruttore.
L'Ufficio all'argamento dell'U.E. dovrebbe essere messo a conoscenza di questi fatti (che sembrano essere circa 500 in tutta la regiore istriana) per porre delle condizioni democratiche sulla proprietà privata, disattesa dalla Repubblica di Croazia.
Flavia PILASTRO