Il nuovo sogno di Sofri

“Sogno una polizia del mondo, catastrofica la rinuncia ad abbattere Gheddafi, irresponsabile non distruggere con tutti i mezzi la tirannide sanguinaria di un buffone, buffone sanguinario che pianta le tende a palazzo Marigny, mentre Sarkozy sfotte l’ottimo Bernard Henry Lévy ...."
Oltre questo sogno nefasto, c'è una affermazione che di fatto spiega e appoggia il massacro dei civili, se necessario, da Sarajevo a Tripoli, via Kabul e Bagdad, ed ora leggiamo stamane l'Iran:
"“fare stragi di civili per abbattere regimi è la contraddizione largamente inevitabile nelle relazioni internazionali; chi vi si sottrae per rispetto alla cosiddetta sovranità nazionale si fa complice attivo di crimini immani”.
Non gli si può negare una certa coerenza.