x daniel bufi

Mi dispiace ma nella tua risposta non affronti il cuore della questione. Io ho parlato di un influenza POLITICA che la Grecia non ha e non di investimenti economici (che del resto non sono tali da poter influenzare il risultato dei negoziati). Credi veramente che la Grecia sia in grado di costringere i suoi grandi partners (NATO-UE), di adottare le sue posizioni? Te lo chiedo perche' ripeti lo stesso ragionamento anche in altri commenti di altri articoli come se fosse verita' comprovata. Come se la Grecia fosse in grado di dirigere dietro le quinte il destino dei Balcani(!) Ripeto, le grandi potenze sono altre, quelle che cercano di esasperare i nazionalismi per destabilizzare ulteriormente i Balcani e creare protettorati. USA, Russia e i veramente grandi paesi Europei sono quelli che "combattono" per i Balcani. La Grecia sta cercando di usare la modesta posizione diplomatica che ha (e che non le ha valso quasi niente nelle sue questioni nazionali, Cipro in primis, anzi e' stata quasi sempre ignorata da USA-UE come ho detto anche prima)per vivere in un ambiente finalmente sicuro dopo decenni di pericoli per l' integrita' nazionale. E lo fa con moderazione, calma e toni pacati. Lo ripeto: BASTA NAZIONALISMI, da tutte le parti. Mi picerebbe se tu avessi qualcosa da dire anche su questo, sul MERITO del problema. Capisco che e' piu' "romantico" e "idealista" descrivere la Grecia come il grande e potente imperialista feroce, ma la realta' e' un altra.