za Filip

Ademi sarà di origine albanese ma se ha combattuto per l'esercito croato la cosa non fa fatto e del suo operato dovrà rispondere personalmente o come membro di quella struttura. La storia delle 200 famiglie (io ero rimasto a 100) è cosa vecchia e non riguarda certamente solo la Croazia. Io piuttosto mi chiedo se è possibile che in un paese come la Croazia, che ha dato i natali a tanti validissimi militari e su questo versante ha una tradizione indiscutibile, non si trovi più un generale libero.
Una tale ecatombe non si sarebbe mai verificata se Tito non avesse permesso ai serbi di prendere
tutti i posti chiave dell'esercito federale per 50 anni.
Proviamo ad immaginare un'Italia nella quale tutti i santi, i poeti e i navigatori finiscano dietro alle sbarre...