colpe e non colpe

Caro Manlio, mi deve far vedere dove dico "tutto il popolo croato"? A sangue freddo e con raziocinio, certo che quelle vergognose azioni sono contro i serbi, contro i croati e cos' via. Ma, nell'azione del compimento, furono fatte, converrai con me, nel nome dei singoli popoli. Nel nome del singole religioni. Non bisogna dimenticarselo. Certo che Oluja è stata fatta per ripulire dai odiatissimi nemici serbi tutta la Krajina, certo che Karadzic ha fatto la pulizia etnica, nel nome del popolo serbo, certo che Izetbegovic fece pure delle vittime fra le proprie file pur di avere l'intervento e appoggiò l'operato dei vari criminali musulmani.
la colpa è individuale fino ad un certo punto, ne sono convinta sempre di più. Esiste la colpa collettiva nel non fare, nel non agire o girare la testa dall'altra parte. Tanti sono i serbi che lo hanno fatto, la maggioranza credo. Non è vero che non lo sapevano. Lo sapevano e lo approvavano perchè pensavano "tanto loro fanno lo stesso a noi". E poi ci sono dei casi di rara umanità, lì ove l'uomo non cessa di essere tale, suo malgrado. Un mio cugino è stato salvato da una donna croata che li ha nascosti (loro erano i soldati di leva che si ritiravano dalla caserma di Zagabria) dalla pattuglia che invece ha fucilato altri soldati dello JNA in ritirata. Dopo la guerra, il mio cugino e i suoi amici sono andati a cercarla per ringraziarla questa donna.Le hanno portato dei doni. Hanno scoperto che fu uccisa da quella pattuglia. Il mio cugino non ha mai più parlato e questo me lo ha raccontato il suo padre solo di recente.