per Alex (pinocchi)

Non è il racconto di quelle povere donne,che è normale e giusto che parlino, se qualcuno da loro ascolto. io non metto in dubbio l'onestà del loro racconto, ma me la prendo con la stampa che da 13 anni riporta morbosamente queste cose con toni orrorifici,vocaboli scelti con malizia,per scopi politico-propagandistici, senza fornire degli strumenti d'analisi, ma solo per suscitare odio generalizzato e sterile rancore. questo sì che è uno schifo. gli orrori di ogni guerra rimangono semplicemente orrori, chiunque sia l'aguzzino, chiunque la vittima.