Abbattuti dalle autorità municipali di Doboj due edifici di profughi serbi a Kotorsko in ottemperanza a un divieto stabilito dall'Ohr

08/11/2002 -  Anonymous User

Le autorità municipali di Doboj hanno fatto rimuovere, tra eccezionali misure di sicurezza, i tetti di due case di rifugiati serbi a Kotorsko. La costruzione di quelle case non ottemperava al divieto posto dall' OHR di costruire in quella località.
"Questa mattina mi sono lavata con le mie lacrime invece che con l'acqua", ha dichiarato Milosava Stojic, originaria del villaggio di Lozna presso Banovici, la cui casa ha avuto il tetto rimosso. Milosava e il marito Boro Stojic (62) avevano venduto la loro ultima mucca per finire quel tetto. Ci sono rimasti sotto solo sei giorni. Da venerdì, sono di nuovo all'aperto: "Va bene, hanno tolto il tetto dalla casa - dice amaramente Boro Stojic - obbediamo alla forza."
La famiglia Stojic, insieme ad altre famiglie di rifugiati Serbi provenienti dalla Bosnia dell'Est, aveva ricevuto in assegnazione lo spazio edificabile da parte del Comune di Doboj. L'OHR aveva ammonito che la proprietà di quella terra - reclamata da famiglie bosniaco musulmane come appartenente a loro prima del processo di nazionalizzazione degli anni '60 - era controversa. Il 27 Aprile del 2000 una decisione dell'Alto Rappresentante sulla distribuzione dei terreni nel territorio municipale di Doboj aveva infine posto un divieto a edificare nell'area di Kotorsko. L'OHR ammoniva la municipalità che la proprietà statale non poteva essere riallocata se non dimostrando l'interesse pubblico e il carattere non discriminatorio del trasferimento, che doveva peraltro essere avallato dall'Ohr stesso. Il 18 giugno scorso, la controversia portava alle dimissioni dei sindaco di Doboj, Nikola Gavric.
Il Comune è ora intervenuto con durezza. Durante l'operazione, l'insediamento dei rifugiati è stato lasciato senza elettricità per il timore di incidenti e cordoni di poliziotti separavano gli abitanti dalle case di Boro Stojic e Slavisa Pavlovic.
Circa un centinaio di rifugiati serbi si sono raccolti sul posto esprimendo la propria amarezza per la decisione delle autorità.
"Il Comune prima ci dà la terra - ha detto Sofija Mocic, una rifugiata proveniente da Bocinja - poi ci distrugge le case. Perché ce l'hanno assegnata, se sapevano che non era del Municipio?"

Mentre permane la decisione dell'Alto Rappresentante sulla sospensione delle costruzioni, il caso «Kotorsko» è in tribunale. "Verranno abbattute solo le case edificate dopo il divieto posto dall'OHR", ha detto il nuovo sindaco Obren Petrovic. Ma i Serbi di Kotorsko non ci credono più. "Questo è solo un esperimento - ha detto una delle persone radunatesi sul posto. Chi sarà il prossimo?"


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!