GRAZIE

Grazie Bozidar. Personalmente sono sempre felice quando posso accedere alla lettura di nuove traduzioni dei magnifici scrittori slavi. (la lingua serbocroatobosniaca che pur amo mi è ancora di difficile lettura). Attraverso di loro ho imparato moltissimo della cultura dei popoli bosniaci, croati e serbi. Ho capito molto meglio i miei carissimi amici mostarini, saravejesi e anche quelli che vivono intorno a Zvornik (dove so che Sidran apprezza moltissimo la rakja). Quando poi un libro è presentato con il nobile distacco di chi si definisce "solo lettore", ma di cui si intuisce la profondità dell'anima, ci si sente vicini, anche senza conoscerci, rappresentanti di quell'unico popolo che è l'umanita'.