Grazie

Grazie Mario, ho guardato il tuo link. Interessante, mi sembra comunque pochino, paragonato alla dimensione del problema: l'europa, con tutte le sue colpe, dovrebbe investire di più in campo sociale, non pensare solamente a estrarre legname e a costringerli a comprare i nostri prodotti.
Riguardo alla discussione qui in corso, sono d'accordo con Malika, conosco bene la regione ed in effetti quei crimini erano commessi da tutti in guerra. Infatti, lavorando in comunità terapeutiche, ho conosciuto diversi tossicodipendenti provenienti dalla Croazia (quindi più possibilitati ad imigrare) con molti disturbi psicologici legati all'essere stati costretti dai comandanti a compiere quel tipo di crimine.
Mi sembra comunque che in generale ci sia sempre una tendenza al negazionismo da parte di tutti, ed una accusa univoca generalizzata. Peccato, perchè non c'è vero cambiamento se non c'è ammissione di colpa, ed è un popolo (tutti e 3) meraviglioso che si merita di più.