dubbi

Come sempre, quando leggo qualcosa su Abdic, resto con l'amaro in bocca che mi lascia l'ambiguità dell'articolo. Non so se voluta o no, non so se esasperata da una mia lettura incapace di decifrare eventuali segnali di chiarezza.
Abdic è ed è stato un grande furfante. Capace, per i suoi sporchi interessi e la sua mania di protagonismo, di stringere legami con chi attuava la pulizia etnica. I serbi, sempre... i croati, a fasi alterne.
Mentre intorno la gente moriva letteralmente di fame, lui girava come un pascià nella "sua" Velika Kladusa, vendendo, a noi disgraziati (la sua gente fuori dall'enclave che dominava) mercanzie di prima necessità a prezzi folli. E spesso, se si voleva sopravvivere e, soprattutto, far sopravvivere i bambini e i più deboli, era inevitabile accettare i suoi ricatti.
C'è scritto chiaramente questo e non ho saputo leggerlo? O, come pare a me, è detto in modo un po' ambiguo per cui chi sa sa e chi non sa ancora si pone domande di questo tipo?
...