X Jasmina parte 1

Innanzittutto mi piacerebbe sapere da quale parte del mio ragionamento sei giunta alla conclusione che "l'Occidente vuole bene alla Serbia"? Non ho mai negato che nella Serbia di oggi i nazionalismi siano meno forti o che comunque trovino terreno meno fertile. Il mio discorso era semplicemente questo: la Serbia sta facendo un determinato tipo di percosrso e Tadic è il punto di partenza. Detto questo, fino a prova contraria la Serbia è una democrazia e quindi se Tadic è lì, è perchè il popolo serbo l'ha votato. Questa era la premessa del mio discorso che ho omesso perchè la cosa mi sembrava abbastanza ovvia. Tuttavia, dire che in Serbia non ci sono nazionalismi mi sembra un'affermazione assolutamente priva di realismo. Il mio discorso del precedente post era molto semplice: era ovvio che la Serbia si "curasse" prima dal germe del nazionalismo, rispetto alla BiH. Qui i nazionalismi purtroppo sopravvivono ancora, eccome! Da cinica e pessimista quale sono, direi che ci sono interessi particolari per mantenere lo status quo, ma onde tirarmi dietro polemiche inutili, mi tengo per me i dettagli del mio ragionamento. I grandi pensatori del passato si sono trovati tutti più o meno d'accordo su una cosa: ogni popolo ha il governo che si merita. Noi in Bosnia abbiamo il governo che ci meritiamo. Quando a guidarci saranno valori differenti da quelli attuali (altamente discutibili!), avremo forse un governo migliore.