Lavoratori. In Bosnia il 40% sono in nero

Nel Paese dilagano economia informale e lavoro nero. Una denuncia del Forum delle donne dei sindacati indipendenti della Bosnia Erzegovina.

16/12/2003 -  Anonymous User

Più del 40% degli occupati in Bosnia ed Erzegovina lavora in nero. Il Forum delle donne dei sindacati indipendenti bosniaci ha lanciato un appello chiedendo a tutti i cittadini di unirsi a loro nella lotta contro l'economia grigia e il lavoro nero che dilagano nel Paese.

"La transizione in Bosnia Erzegovina e allo stesso tempo il processo di globalizzazione hanno fatto scoppiare il fenomeno dell`economia grigia. Secondo alcuni dati e valutazioni condotte in entrambe le Entità che costituiscono il Paese, ed anche nel distretto di Brcko, sono più del 40% le persone che lavorano senza essere denunciati, quindi senza contributi e assicurazioni - ha detto in conferenza stampa Fahira Custovic, vicepresidente del Forum delle donne." Secondo la Custovic, la maggior parte di queste persone sono proprio donne che non hanno altre possibilità di guadagnare e mantenere le famiglie oltre a quelle offerte dall'economia informale. In mancanza di lavoro, sono costrette ad accettare qualsiasi lavoro senza chiedere le condizioni.

In Bosnia è già diventata una abitudine lavorare senza accordi collettivi, senza l'assicurazione sanitaria, senza pensioni e assicurazione per gli infortuni. Lo stesso dicasi per i giorni liberi, le domeniche, le vacanze...

"Solo se sapremo valorizzare noi stesse e fare pressione sui datori di lavoro e sulle autorità locali riusciremo a fermare la piaga del lavoro nero. Oggi, i cittadini che hanno più di 40 anni e soprattutto le donne non riescono a trovare un posto di lavoro, e per questo sono costretti ad accettare qualsiasi condizione-ha dichiarato Manda Delic, coordinatrice della sezione femminile della Confederazione internazionale dei sindacati indipendenti per il Sud Est Europa (MKSS). (Oslobodjenje, 06.12.2003)

Vedi anche:

- Bosnia: proteste dei pensionati in tutto il Paese

- Prove di sovranità alimentare in Bosnia

-Na cekanju-, in attesa di licenziamento...


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!