berlusca...

In effetti ora si diffondono lamentele nei confronti di Berlusca (come lo chiamiamo..), ma non concordo sul fatto che prima delle elezioni, e neppure nei primi momenti del suo governo la gente italiana si aspettasse miracoli, una svolta..
no, il vero problema in Italia e' la totale disorganizzazione ( a mio avviso piu' che voluta), la quantita' di "bastoni tra le ruote" in fase di elezione.
Per votare devi farlo nel tuo comune di residenza. Ora, chi oggi ha la residenza nel luogo in cui vive? Gli studenti fuori casa non pensano a cambiarla, per votare il governo paga il 40% del biglietto del treno (o dell'areo..). E' una buona occasione insomma per tornare dalla mamma approfittando di questo sconticino. Ma..un attimo, non dovrebbe essere gratuito questo viaggio. A me puo' anche andare bene, in fondo venezia-ancona non e' molto, ma se da Milano devo tornare in Sicilia? Grazie per lo sconto del 40%, ma non tutti si possono permettere la spesa di quel viaggio. O magari quel fine settimana hanno degli impegni e..
potete immaginare quanta gente del sud vive nel nord? Vi pare che tornano a casa per votare? E viceversa ovviamente. E' solo un caso, ma indico questo perche' coinvolge molte persone che vivono in territorio italiano.
Allora uno si chiede: ma perche' la gente non si prende la residenza dove vive?
Buona domanda, che ne vuole un'altra: cosa bisogna fare per averla? Per esempio lavorare, o avere un contratto col proprietario di casa. Quanta gente lavora regolarmente in nero? Quanti milioni di studenti pagano mensilmente l'affitto sotto banco?Perche' se vuoi il contratto l'affitto aumenta..
chi vota? soprattutto chi se ne sta a casa, a guardare la televisione...