Stesso dilemma

Anch'io mi sono posto il problema del voto. Condividevo le critiche di Bertinotti ed ero contento sul primo momento che il NON francese fosse soprattutto anti-liberista. Però poi mi sono ricordato che in UE siamo in 25 e che in tali condizioni è difficile raggiungere un accordo. E' inevitabile andare avanti a piccoli passi, soprattutto con una Gran Bretagna con cui contrattare, senza dimenticare che i paesi dell'Est sono spesso sulle stesse posizioni. Ora sono certo, convinto che il NO sia sbagliato e bisogna che politici, intellettuali e cittadini europeisti facciano di tutto per rimettere in piedi "il sogno europeo". Il nazionalismo purtroppo non è morto...date un'occhiata al Belgio (Vlaams Belang - estrema destra xenofoba...primo partito fiammingo e siamo nel cuore dell'UE!!!!).