In molte aree remote la linea fissa non arriva. Ed allora l'unica soluzione è il cellulare. Gli operatori lo confermano: "il 70% dei nostri clienti proviene dalla campagna".

01/06/2002 -  Anonymous User

Elbasan, Albania centrale - Gli abitanti del distretto di Elbasan sembrano essere stati presi dalla mania del cellulare. Chi non lo ha ancora corre in città ad acquistarne uno. Lo riporta il quotidiano Shekulli (27.05.02).
Non è però un improvviso desiderio di omologarsi ai tempi attuali. Il distretto di Elbasan è infatti prevalentemente rurale ed in più di 40 comuni non arriva la linea telefonica fissa. Ecco che la telefonia cellulare, che copre più del 60% del territorio, rimane spesso l'unico mezzo di comunicazione.
Gli operatori che si occupano di telefoni cellulari hanno confermato che la maggior parte dei propri clienti (più del 70%) vivono in aree rurali.
Nonostante l'aumento degli utenti, che si attestano ora sui 200.000 in tutta l'Albania, la compagnia Albtelecom (che il governo sta tentando, tra molte difficoltà di privatizzare) non ha ancora raggiunto molte aree remote e questo è ben sfruttato dalle due compagnie di telefonia mobile, la AMC e la Vodafone.
"Ho speso l'intera pensione per pagare carte telefoniche prepagate per poter parlare con i miei tre figli che vivono in città, a 50 km da qui" ha dichiarato a Shekulli un anziano. In alcune aree non coperte dagli operatori albanesi i residenti, in prevalenza contadini, utilizzano addirittura schede degli operatori macedoni, spendendo spesso tre volte di più rispetto alle tariffe vigenti in Albania.
E non è un caso che ogni giorno i giornali in Albania pubblichino la lista delle persone che sono in attesa dell'attivazione di una lineea telefonica. Pian piano risalgono la graduatoria sino a riuscire ad ottenere una linea fissa. Nell'estenuante attesa l'unica alternativa: il cellulare.


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!