Giornata della famiglia, 17 maggio 2016 (foto M. Ellena)

Giornata della famiglia, 17 maggio 2016 (foto M. Ellena)

Sulla carta la Georgia è tra i paesi più progressisti del Caucaso in materia LGBT, nei fatti però sono evidenti le tensioni e divisioni tra comunità gay, chiesa ortodossa e governo

19/05/2016 -  Monica Ellena Tbilisi

Migliaia di persone hanno risposto all’appello delle autorità religiose a celebrare la giornata dedicata alla famiglia, annunciata dal capo della Chiesa ortodossa georgiana Patriarca Ilia II nel 2013 e istituzionalizzata l’anno seguente. Un lungo corteo si è snodato lungo le principali arterie della città fino alla cattedrale della Santa Trinità – canti e sermoni accompagnavano bandiere e cartelli inneggianti al “17 Maggio, giorno della forza della famiglia.”

Family day accademizzato

Ad allargare le fila si sono uniti simpatizzanti e oratori del Congresso mondiale della famiglia che dal 15 al 18 maggio ha tenuto a Tbilisi il proprio summit annuale. Il World Congress of Families (WCF) è un’associazione ombrello che abbraccia organizzazioni cristiano-conservatrici, anti-aborto e anti-gay, dagli Stati Uniti - dove ha la sede - alla Russia passando per l’Europa fino all’Australia.

Riuniti i propri stati generali a Tbilisi, il family day accademizzato ha visto psicologi, medici, avvocati, preti e rappresentanti della società civile dagli Stati Uniti alla Russia, passando per Europea e Australia discutere per quattro giorni di “inverno demografico”, “rivoluzione sessuale e marxismo culturale, “sfide della famiglia tradizionale”. Dall’Italia Silvio Dalla Valle dell’Associazione per la Difesa dei valori cristiani ha parlato di lotta contro la legge per le unioni civili recentemente approvata dal Parlamento al quale ha fatto eco Luca Volont della Fondazione Novae Terrae, reiterando la corruzione della democrazia con governi che aprono la porta ai matrimoni omosessuali.

Il convegno ha avuto la benedizione laica dell’ex presidente statunitense George W. Bush che ha inviato una lettera a sostegno dell’evento in risposta a un premio conferitogli dal WCF, e quella religiosa del Patriarca della Chiesa ortodossa georgiana Ilia II che ha partecipato nonostante età avanzata e salute fragile.

Cerimoniere del simposio è stato Levan Vasadze, ricco finanziare che ha fatto fortuna in Russia e presidente della Società demografica georgiana 21, un’associazione attiva contro pianificazione familiare, educazione sessuale e diritti gay. In un applaudito discorso alla presenza del Patriarca, Vasadze ha accusato l’Occidente di “avvelenare” la gioventù georgiana con un liberalismo aggressivo e ha etichettato il governo dell’ex presidente Mikheil Saakashvili come “un regime sanguinario sostenuto da potenze occidentali.”

Nell’ovazione della sala Vasadze ha affermato che la priorità della politica estera statunitense è quella di “sostenere l’omosessualità in tutto il mondo,” che è ora di “fermare questa follia, […] di smettere di interferire negli affari interni di questo paese sovrano; smettere di finanziare gli attacchi contro la nostra Chiesa e la famiglia tradizionale attraverso centinaia di ONG [finanziate dall’Occidente].”

Le parole di Vasadze hanno sfondato una porta aperta. L’omofobia è diventato il punto di convergenza per la destra cristiano-radicale americana, europea e russa e strumento di soft power usato da Mosca nei paesi dell’ex orbita sovietica così come oltreoceano.

Il WCF mantiene stretti legami con il Cremlino attraverso Konstantin Malofeyev e Vladimir Yakunin, due conservatori oligarchi russi vicini al presidente Vladimir Putin che finanziano iniziative di sostegno alla Russia e alla chiesa ortodossa. La moglie di Yakunin, Natalia Yakunina, è a capo della Sacralità della Maternità, una delle associazioni parte del WCF e ha partecipato al congresso come oratrice.

Attivisti zittiti e isolati

Corteo anti LGBT, 17 maggio 2013 (foto M. Ellena)

La scelta della data e del luogo per il simposio non è stata casuale. Il 17 maggio 2013 un raduno di attivisti gay, georgiani e stranieri, a Tbilisi fu attaccato da gruppi cristiani radicali, guidati da diversi preti ortodossi. La polizia dovette intervenire e scortare il piccolo gruppo in un autobus mentre una folla inferocita accerchiava il mezzo urlando “A morte! Non lasciateli andare via vivi.”

Da allora il 17 maggio è una data delicata. Dopo il silenzio del 2014, lo scorso anno la giornata è stata segnata con piccoli raduni in varie zone della città, ma tenuti segreti fino all’ultimo e di breve durata, sotto pesante controllo della polizia.

Il 2016 non è andato meglio. La municipalità ha rifiutato la richiesta di un gruppo di attivisti LGBT per una manifestazione nel centro della capitale giustificando con il fatto che l’area era già stata prenotata dal Family Day e dieci attivisti sono stati arrestati, rilasciati e andranno a giudizio venerdì 20 maggio per aver tentato di dipingere “All love is equal” sotto forma di graffiti. Un grande sgabello colorato posto sul marciapiede di fronte all’hotel dove si svolgeva il congresso è stato presto rimosso dalla polizia – il taburetka (sgabello) è diventato un simbolo omofobo dopo che nel 2013 un prete lo aveva usato nel tentativo di frantumare un finestrino dell’autobus che evacuava gli attivisti LGBT.

Diritti garantiti, sulla carta

Sulla carta la Georgia è tra i paesi più progressisti dell’area. Nel maggio del 2014 il parlamento ha approvato all’unanimità la legge anti-discriminazione, uno dei requisiti richiesti dall’Unione europea per la firma dell’Accordo di associazione. Risultato di un compromesso, la legge ha però attirato critiche da ogni parte – dalla Chiesa, che aveva chiesto di rimuovere i riferimenti all’orientamento sessuale e identità di genere, e dalla società civile, che la ritiene annacquata e priva dei necessari meccanismi di punizione per chi discrimina. Lo scorso settembre il tribunale di Tbilisi ha assolto quattro persone, inclusi due clerici, dall’accusa di aver organizzato una caccia all’uomo durante gli scontri del 17 maggio 2013.

In una dichiarazione congiunta rappresentanti della società civile hanno denunciato il fatto che “la mancanza di un’effettiva politica statale contro la discriminazione lascia la comunità LGBT senza difese di fronte alla violenza.” Per Ucha Nanuashvili, il difensore pubblico, gli “atteggiamenti omofobici nella società rappresentano una minaccia per l’esercizio dei diritti costituzionali.”

Gruppi radicali hanno cavalcato l’onda omofoba nel paese e spinto per inserire la definizione del matrimonio come l’unione tra uomo e donna, per combattere il pericolo del matrimonio gay nel paese. Per Natia Gvinashvili, attivista gay e direttrice del Gruppo per iniziative di supporto alle donne, si tratta di “una discussione creata ad hoc per metter sotto accusa la comunità omosessuale che non ha nessuna intenzione di spingere per le unioni gay".

Il presidente georgiano Giorgi Marghvelashvili, da mesi in contrasto con la coalizione Georgian Dream, lo ha definito una chiara mossa politica. “E’ un problema inventato, che crea un’inutile tempesta in un bicchiere. La risposta è semplice: per non parlare di disoccupazione, di istruzione, di cultura, e dei territori occupati [Abkhazia e Ossezia del sud].”

Problema reale o fittizio, personaggi come Vasadze sono stati capaci di manipolare la diffusa omofobia e farla diventare oggetto di discussione in grado di influenza l’ago della bilancia politica.

“Il congresso è stato una sorta di coming out politico per Vasadze,” spiega a condizione di anonimato un osservatore. “Per i gruppi radicali il 17 maggio è stato un successo che lascia loro spazio per pesare sul voto parlamentare di ottobre.”


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!

I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by