Manifestazione in Piazza Maresciallo Tito (foto S. Milekić)

Manifestazione in Piazza Maresciallo Tito (foto S. Milekić)

Intellettuali, politici, attivisti e cittadini si sono riuniti in Piazza Maresciallo Tito a Zagabria: per impedirne il cambio di nome, per ribadire i valori dell'antifascismo contro una destra radicale dilagante

28/06/2017 -  Sven Milekić Zagabria

Lo scorso 22 giugno, in occasione del Giorno della lotta antifascista, circa un migliaio di persone si sono radunate in piazza maresciallo Tito nel centro di Zagabria per celebrare questa ricorrenza, ma anche per manifestare il proprio dissenso contro l’ennesimo tentativo di cambiare il nome della piazza. Così per la prima volta - contemporaneamente alla commemorazione ufficiale che si tiene ogni anno a Brezovica, nei pressi di Sisak, dove il 22 giugno 1941 gli antifascisti croati organizzarono la prima insurrezione armata contro le truppe di occupazione naziste e fasciste - questa ricorrenza è stata celebrata anche nella piazza dedicata al maresciallo Tito.

La manifestazione, che ha visto la partecipazione di numerosi esponenti dell’opposizione e intellettuali croati, è stata organizzata da varie associazioni della società civile in segno di protesta contro la richiesta – avanzata in seno al consiglio comunale di Zagabria da un nuovo partito fondato dal controverso ex ministro della Cultura Zlatko Hasanbegović insieme alla deputata Bruna Esih – di rinominare la piazza intitolata al leader jugoslavo Josip Broz Tito.

Nonostante i pochi seggi aggiudicatisi nell’assemblea cittadina alle recenti elezioni amministrative, i voti del gruppo di Hasanbegović sono essenziali per la formare una maggioranza che garantisca al rieletto sindaco Milan Bandić di governare tranquillamente per i prossimi quattro anni.

Hasanbegović e Esih, che rappresentano una forza di estrema destra distaccatasi dal partito al potere (HDZ), hanno costruito la propria campagna per le elezioni amministrative sulla retorica anticomunista, perorando la necessità di rinominare la piazza maresciallo Tito con una delibera del consiglio comunale. Il sindaco Bandić, dal canto suo, resta fermo nella sua intenzione di indire un referendum sulla questione, probabilmente contando sul fatto che alle urne sia improbabile si rechi il 50% più uno degli aventi diritto al voto, necessario affinché il risultato sia considerato valido.

Negli anni, Bandić si è dimostrato molto abile nel combinare il sostegno alle organizzazioni antifasciste con quello alla destra radicale. Così lo scorso 22 giugno si è recato sia alla commemorazione del Giorno della lotta antifascista a Brezovica sia alla cerimonia tenutasi nei pressi della fossa di Jazovka, dove i partigiani commisero crimini contro civili e ustascia feriti. Il suo opportunismo politico non è passato inosservato alla sindaca di Sisak, Kristina Ikić Baniček, che lo ha apertamente denunciato nel suo discorso pronunciato a Brezovica.

”La relativizzazione dei crimini ustascia è andata così lontano che certi autoproclamati antifascisti conferiscono premi al principale falsificatore della vergogna ustascia […] per poi venire qui tra noi a posare corone di fiori”, ha dichiarato la Ikić Baniček riferendosi al fatto che il consiglio comunale di Zagabria ha conferito il Premio della Città al controverso regista Jakov Sedlar che nel suo documentario “Jasenovac - istina” (Jasenovac - verità) ha cercato di sminuire i crimini commessi in questo lager, servendosi di materiale falsificato.

Ciò che ha spinto i cittadini a riunirsi in piazza maresciallo Tito è stata proprio la percezione di questa minaccia che incombe sull’intero lascito della lotta antifascista. Una minaccia concretizzatasi nel discorso tenuto da Hasanbegović a Jazovka.

”Questo luogo sinistro ricorda il carattere criminale del comunismo jugoslavo che nel 1945 fu imposto al popolo croato contro la sua volontà […] E proprio questo apocrifo ovvero la festa nazionale del 22 giugno è l’occasione giusta per ricordare ancora una volta un fatto ben noto […] lo stato croato moderno è sorto unicamente dalla volontà nazionale della nostra generazione e dalla vittoria nella Guerra patriottica (1991-1995), che è anche una vittoria sui successori spirituali e reali degli esecutori (del massacro) di Jazovka”, ha detto Hasanbegović, aggiungendo: “È nostro dovere politico, statale e legislativo annullare il 22 giugno come festa nazionale e come fonte di una discordia del tutto inutile in seno al popolo croato, facendo sì che finalmente si creino i presupposti per una vera riconciliazione nazionale, che può basarsi unicamente sulla verità”.

Hasanbegović è noto per le sue posizioni anticomuniste e per le critiche all’antifascismo, nonché per la sua propensione a relativizzare i crimini del regime ustascia. Tant’è che già da studente aderì al movimento neonazista, scrivendo pamphlet nostalgici per la rivista filoustascia “Lo Stato Indipendente Croato”.

Nonostante lo stigma che grava su Tito per i crimini commessi sul finire della Seconda guerra mondiale, per il trattamento riservato alla minoranza italiana e tedesca, Goli Otok e altre violazioni dei diritti umani, egli occupa un posto simbolico (nella memoria collettiva) come leader del movimento antifascista e fondatore di uno stato socialista che portò modernizzazione e progresso nei vari ambiti della vita economica, sociale e culturale – industrializzazione, elettrificazione, innalzamento degli standard di vita, modernismo nell’arte e nell’architettura, progresso scientifico, notevole miglioramento del sistema sanitario e di protezione sociale, aumento del tasso di alfabetizzazione e di scolarizzazione, innalzamento del livello medio di istruzione, risoluzione della questione abitativa.

Molti cittadini croati ritengono che la rimozione dell’intitolazione di una delle piazze centrali di Zagabria a Josip Broz Tito rappresenterebbe l’atto finale di una lunga serie di rinominazioni delle vie e piazze in tutta la Croazia che fino agli anni Novanta portavano i nomi di uomini politici e intellettuali dell’epoca socialista, nonché di combattenti e battaglioni partigiani.

Animato da canti partigiani jugoslavi e croati, ma anche dalle note di “Ay, Carmela” e “Bella Ciao”, il raduno organizzato in piazza maresciallo Tito ha visto la presenza di numerosi esponenti dell’opposizione di sinistra, nonché di simpatizzanti del regime jugoslavo e dello stesso Tito. Oltre alle bandiere di “Radnička fronta”, un piccolo partito della sinistra radicale, e quelle della Lega dei comunisti di Jugoslavia, in piazza sventolavano numerosi striscioni, alcuni dei quali dal sapore ironico. A rivolgersi ai presenti, tra i quali c’era anche il celebre allenatore di pallanuoto Ratko Rudić, sono stati alcuni intellettuali e attivisti di spicco.

“L’antifascismo non ha alternative. Non ne ha avute nel 1941, non ne ha nemmeno oggi […] Il fascismo fu un periodo buio, nient’altro che buio. Un male assoluto, espressione dell’odio verso tutto ciò che è umano, diverso”, ha dichiarato l’attivista femminista Marijana Bijelić, parlando dei pericoli delle tendenze fasciste odierne.

Hrvoje Klasić, docente di Storia presso la Facoltà di Filosofia dell’Università di Zagabria, ha fatto notare che anche il primo presidente della Croazia indipendente Franjo Tuđman fu membro del movimento antifascista guidato da Tito.

“Rade Končar, Nada Dimić, Josip Kraš, Ivo Lola Ribar non sono solo nomi delle fabbriche, sono i nomi degli eroi nazionali croati, ai quali la società rese omaggio nel 1945 intitolando loro fabbriche, vie,…Nel 1991 quella stessa società decise di punirli – da un giorno all’altro da eroi divennero criminali. Molti ne sono responsabili, compreso il loro compagno di partito Franjo Tuđman, che non avrebbe dovuto permettere che ciò accadesse, e lo stesso vale per Janko Bobetko e Martin Špegelj [ex generali dell’Armata popolare jugoslava, tra i principali protagonisti della guerra di indipendenza croata]. Ma c’è comunque qualcosa che li lega a Nada Dimić e Rade Končar – tutti fecero parte dello stesso movimento di resistenza organizzato e vittoriosamente guidato da Tito”, ha detto Klasić.

Snježana Banović, nota critica teatrale che si è occupata tra l’altro di teatro del periodo ustascia, ha citato i nomi di numerosi attori e professionisti del teatro uccisi durante la Seconda guerra mondiale per mano degli ustascia. “Credo che oggi tutti sappiamo che ci sono limiti che non si oltrepassano e linee dalle quali non si indietreggia. Oggi quella linea è questa piazza che porta il nome del maresciallo Tito da 71 anni e lo porterà per almeno dieci volte tanto. La piazza maresciallo Tito è barometro e polso di Zagabria che mostra quanto questa città si ricorda del proprio passato eroico. Una città che si vergogna del proprio passato partigiano è condannata all’oblio, ossia a morte”, ha concluso Banović.


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!

I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by