La grave crisi economica e la fredda accoglienza internazionale per i Giochi europei di Baku sono alcune possibili spiegazioni per il parziale cambio di strategia diplomatica dell'Azerbaijan

21/07/2016 -  Chiara Loda

(Originariamente pubblicato dal blog “Presidential Power ” il 14 luglio 2016, titolo originale: Azerbaijan – F1 and the limits of public diplomacy )

Dal 17 al 19 giugno si è svolto il Gran Premio di Formula Uno a Baku. A differenza dei "Giochi europei" del 2015, la gara ha ricevuto scarsa attenzione da parte degli attori governativi e dei media azeri. Ci sono due possibili spiegazioni. La prima si trova nel mutato contesto domestico. Dato il basso prezzo globale dell'energia e la sua drammatica ricaduta sugli standard di vita dei cittadini, i politici hanno ritenuto inopportuno focalizzare troppo l'attenzione su tali spese superflue. La seconda spiegazione si trova nella deludente accoglienza internazionale riservata ai "Giochi europei" dello scorso anno.

Il Presidente Ilham Aliyev, noto per il suo interesse per gli eventi sportivi, ha mantenuto un profilo inaspettatamente basso prima, durante e dopo la gara di F1. Anche se lui e sua moglie, Mehriban Aliyeva, hanno partecipato alla cerimonia di apertura e hanno presentato i trofei alla fine, nei mesi precedenti, Aliyev non ha quasi mai parlato di questo evento [1]. Ad esempio il 16 giugno, il giorno prima della gara, il commento più importante rilasciato al Parlamento è stato fatto da Ali Hasanov, assistente del presidente per gli affari pubblici e politici. Decisamente differente rispetto all'attenzione data ai "Giochi europei". In quell'occasione, il Presidente in persona ha inaugurato la maggior parte delle strutture sportive e non ha mai perso l'occasione di esprimere il suo entusiasmo. Alla cerimonia di premiazione, ha usato frasi come: "Questi giochi uniscono ancora di più la nostra gente, instaurano un senso di orgoglio per tutti noi - basta guardare a quello che siamo in grado di realizzare!". Un anno dopo, la ricerca di attenzione sembra che si sia attenuata. Possiamo vederlo anche nella copertura mediatica dell'evento dove alcune analisi rivelano che la gara di Formula Uno ha ricevuto molta meno attenzione [2].

La prima spiegazione di questo cambiamento si trova nelle condizioni interne del paese e nel drastico calo dei prezzi dell'energia. Come già analizzato su questo blog , l'Azerbaijan ha affrontato una svalutazione della sua moneta all'inizio dell'anno, la quale ha suscitato l'insoddisfazione dei suoi cittadini. Nei mesi successivi, il Manat azero (valuta ufficiale dell'Azerbaijan) è rimasto estremamente debole e la disoccupazione è aumentata. Questa situazione non sembra temporanea e per i prossimi due anni è prevedibile un mix di recessione ed inflazione elevata [3]. Con l'eccezione di coloro che sono riusciti ad affittare i loro balconi per vedere la gara, che rappresenta un onere supplementare al bilancio statale già in contrazione, il Gran premio non sembra aver portato particolari benefici per la popolazione. Detto questo, il declino del tenore di vita non sembra aver influito sulla famiglia Aliyev. Nel mese di aprile, è stata la guerra dei quattro giorni in Nagorno-Karabakh che ha catturato maggiormente l'attenzione del pubblico, ma allo stesso tempo, la fuoriuscita dei "Panama Papers" ha rivelato che Leyla e Arzu Aliyeva, figlie del presidente, detengono una quota del 56% nello sviluppo di una redditizia miniera d'oro. Data questa situazione, ogni eccessiva enfasi data alla gara di F1, quando la maggior parte dei cittadini sta lottando per arrivare a fine mese, avrebbe potuto suonare come la ben nota frase "se non hanno più pane, che mangino brioche".

La seconda spiegazione, a complemento della prima, è che l'Azerbaijan ha avuto un brusco risveglio sui propri limiti della diplomazia pubblica dopo i Giochi europei. Anche se il presidente Aliyev ha recentemente dichiarato che: "I primi Giochi Europei (...) hanno avuto molto successo", pochissimi capi di stato europei (Bulgaria, Lussemburgo, San Marino e Monaco) hanno volato a Baku per parteciparvi. La maggior parte dei politici ha declinato semplicemente l'invito. Tuttavia, un giorno prima della cerimonia d'inaugurazione, il Bundestag tedesco, per motivi di violazioni dei diritti umani, ha vietato agli alti funzionari statali di partecipare all'evento. Inoltre, nonostante alcune affermazioni ufficiali circa l'afflusso di turisti (senza fornire alcun numero a riguardo), gli arrivi internazionali sono stati probabilmente al di sotto delle aspettative. In aggiunta a questa deludente presenza internazionale, pochi reporter internazionali si sono concentrati sulla competizione. Invece, la maggior parte di essi ha preferito scrivere sulla situazione dei diritti umani nel paese, piuttosto che sulle infrastrutture nuove di zecca.

In particolare il Washington Post ha criticato la scelta di dar spazio alla cantante pop Lady Gaga durante la cerimonia di apertura dei Giochi europei, mentre alcuni difensori dei diritti umani venivano trattenuti in carcere [4]. Anche se i discorsi presidenziali non hanno mai menzionato questi fatti, gli attori locali hanno osservato l'effetto PR limitato di questa iniziativa. Ad esempio, Emil Huseynli, presidente dell'associazione “Supporto per lo sviluppo dei giovani”, ha dichiarato che la fredda accoglienza riservata ai giochi faceva parte di una campagna diffamatoria globale contro l'Azerbaijan. Inoltre alcune fonti azere hanno riferito che alcuni gruppi di giovani hanno protestato contro il fatto che, secondo loro, il Parlamento europeo ha politicizzato i Giochi "come un modo per esercitare pressioni sull'Azerbaijan". In breve, è diventato presto evidente che, invece di incrementare la reputazione internazionale del paese, i Giochi hanno puntato i riflettori su temi indesiderati.

In conclusione, un anno fa, l'Azerbaijan sembrava un attore fiducioso, determinato a conquistare la comunità internazionale per mezzo di una campagna di diplomazia pubblica ben finanziata. Tuttavia le mutate circostanze economiche, insieme alle lezioni apprese sulla limitata efficacia di questa strategia, sembrano aver portato ad una parziale riconsiderazione della strategia stessa.

Note

[1] Guardando la versione inglese del sito ufficiale del Presidente dell'Azerbaijan, questo evento è stato menzionato, insieme a numerosi altri punti, solo in occasione dell'apertura del Forum Economico azero-tedesco a Berlino .

[2] Tradotto in inglese dalla BBC.

[3] BMI Research. 2016. "persistente stagflazione", Business Monitor Online, 10 marzo.

[4] "Paraocchi in Azerbaijan", 2015m Washington Post, 9 agosto.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by