La bandiera della Bosnia Erzegovina

Un'analisi della Bosnia dalla morte di Tito ai giorni nostri. Una tesi di laurea. Riceviamo e volentieri pubblichiamo

04/11/2014 -  Flavio Boffi

Conosciamo molto del passato bellico della Bosnia Erzegovina. Ma com’è diventato il Paese dal lontano 1995 e cos’è che lo rende, ad oggi, uno tra i più complicati dell'area dal punto di vista socio-politico?

Nello svolgere la mia analisi, sono partito dalla scomparsa del maresciallo Tito, il “collante” di tutta l’area jugoslava per circa quarant’anni, e dalla conseguente crisi dello stato jugoslavo e dei suoi rappresentanti, abituati per troppo tempo ad avere un punto di riferimento unico.

L’incapacità di rispondere alle sfide contemporanee mostrò il fianco a nostalgie e rivendicazioni, che si espressero per tutti gli anni Ottanta in nazionalismi e progetti di “omogeneizzazione”, ben rappresentati da uomini come Tudjman, Karadžić e Milošević, interpreti della profonda frustrazione in cui la popolazione si venne a trovare.

Il continuo battere sul tasto del nazionalismo logorò il tessuto con cui era cucita la Jugoslavia, spinse le popolazioni a mettere da parte qualunque progetto di riforma della vecchia confederazione per avviarsi verso un futuro indipendente e aprì le porte, inevitabilmente, a una serie di guerre: in Slovenia, in Croazia e in Bosnia Erzegovina. Conflitti, questi, etichettati come “etnici”, ma in realtà manovrati e condotti al fine di ottenere, molto semplicemente, più potere possibile.

Nella mia analisi, mi sono concentrato molto sul ruolo avuto da Unione Europea e ONU durante il conflitto; nonostante la straordinaria abilità di Milošević e Mladić nel mascherare e confondere le idee ai governi dei paesi occidentali, non vi è dubbio che qualcosa in più si poteva fare.

Ad ogni modo, le guerre portarono alla conclusione dell’esperienza jugoslava e gli accordi presi a Dayton, che decretarono la fine del conflitto in Bosnia Erzegovina, lasciarono un Paese lacerato da profonde divisioni e devastato dal punto di vista infrastrutturale, economico e civile. Soprattutto, gli Accordi, di fatto, completarono con la pace quella pulizia etnica che si era cercata di attuare con la guerra; la divisione etnica della Bosnia Erzegovina costrinse a migrazioni di massa, ad abbandoni di quartieri, di città, di porzioni di Paese.

Ad oggi, dunque, qual è la situazione della Bosnia Erzegovina? Questa è stata la domanda che mi ha spinto ad andare a Sarajevo, in modo da comprendere maggiormente la situazione in cui si trova la Regione, intervistando diversi funzionari della Comunità internazionale. Da qui sono partito per analizzare il presente e il futuro della Bosnia Erzegovina, sia dal punto di vista dello sviluppo interno, sia della prospettiva europea. Un futuro che, certo, al momento, anche a detta di molti funzionari dell’Unione Europea, non sembra essere né vicino, né roseo, né tantomeno semplice da raggiungere. Ma che, altresì, è ormai tracciato e “obbligato”, se il Paese non vuole essere annoverato tra i failed states.

Finora, pochi sono stati i passi in avanti, anche a causa di una popolazione troppo passiva. Nei primi mesi di quest’anno, però, qualcosa sembra essersi mosso, con i cittadini bosniaci finalmente scesi in piazza. Lentamente queste proteste stanno scomparendo, ma possono ancora rappresentare un punto di partenza per un vero cambio di passo.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by